Che Cosa è un Biomarcatore?

Da Dott. Ananya Mandal, MD

I Biomarcatori (brevi per gli indicatori biologici) sono le misure biologiche di uno stato biologico. Per definizione, un biomarcatore è “una caratteristica che obiettivamente è misurata e valutata come indicatore dei trattamenti biologici normali, dei trattamenti patogeni o delle risposte farmacologiche ad un intervento terapeutico.„

I Biomarcatori sono le misure usate per eseguire una valutazione clinica quali pressione sanguigna o il livello di colesterolo e sono usati per riflettere e predire gli stati di salubrità in persone o attraverso le popolazioni in moda da potere pianificazione l'intervento terapeutico appropriato.

I Biomarcatori possono essere usati da solo o in associazione valutare lo stato di malattia o di salubrità di una persona.

Varietà di biomarcatori

Una vasta gamma di biomarcatori sono usati oggi. Ogni sistema biologico (per esempio l'apparato cardiovascolare, il sistema metabolico o il sistema immunitario) ha sui propri biomarcatori specifici. Molti di questi biomarcatori sono relativamente facili da misurare e fare parte degli esami medici sistematici.

Per esempio, un controllo sanitario generale può comprendere la valutazione di pressione sanguigna, della frequenza cardiaca, del colesterolo, dei trigliceridi e dei livelli di digiuno del glucosio. Le misure dell'Organismo quali peso, l'indice di massa corporea (BMI) ed il rapporto del vita--cinorrodo sono usate ordinariamente per la valutazione dei termini quali l'obesità ed i disordini metabolici.

Caratteristiche di un biomarcatore ideale

Un biomarcatore ideale ha determinate caratteristiche che lo fanno si appropriano per il controllo dello stato particolare di malattia. Nel Migliore Dei Casi, un indicatore ideale dovrebbe avere le seguenti funzionalità:

  • Sicuro e facile di misurare
  • Costo efficiente continuare
  • Modificabile con il trattamento
  • Coerente attraverso il genere ed i gruppi etnici

Biomarcatori come preannunciatori di malattia e di salubrità

I Biomarcatori sono usati per predire le malattie serie quali il diabete e la malattia cardiovascolare. Ogni biomarcatore determinato indica se c'è uno stato di salubrità o di malattia e può combinarsi per fornire una maschera dettagliata di quanto sano una persona è e di indipendentemente da fatto che una diagnosi deve essere fatta.

Biomarcatori nella rilevazione del cancro e nello sviluppo della droga

I principi di biomarcatori nella malattia si sono applicati alla rilevazione, alla selezione, alla diagnosi, al trattamento ed al video del cancro. Tradizionalmente, le droghe anticancro erano agenti che hanno ucciso sia le cellule tumorali che le celle in buona salute. Tuttavia, le terapie mirate a ora sono state sviluppate che possono essere dirette per uccidere le cellule tumorali soltanto, mentre risparmiando le celle in buona salute.

La valutazione di un biomarcatore tipico nel cancro aiuta nello sviluppo delle terapie che possono mirare al biomarcatore. Ciò può minimizzare il rischio di tossicità e diminuire il costo del trattamento.

Nella ricerca sul cancro, gli studi genetici sono utili perché le anomalie genetiche sono alla base così spesso dello sviluppo di cancro. Determinati indicatori del RNA o del DNA possono quindi aiutare nella rilevazione e nel trattamento dei cancri specifici.

Esaminato dalla Battuta Robertson, BSc

Sorgenti

  1. http://www.tsalliance.org/documents/UnlockBiomarkersDescription.pdf
  2. http://www.prb.org/pdf08/TodaysResearchAging14.pdf
  3. http://www.rci.rutgers.edu/~layla/AnalMedChem511/pdf_files/RB_pdf/nrd1130.pdf
  4. http://www.ias.ac.in/pubs/splpubs/pjubileebook/403.pdf

[Ulteriore Lettura: Biomarcatore]

Last Updated: Oct 7, 2014

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski
Comments
The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post