Advertisement
Advertisement

Cronologia di Linfoma non Hodgkin

Da Dott. Tomislav Meštrović, MD, PhD

I linfomi non Hodgkin comprendono una vasta gamma di neoplasma derivati dalle celle di T, dai Linfociti B, dalle celle di NK e dai loro precursori nel sistema linfoide. Come la loro incidenza aumentata drammaticamente, questi tipi di linfomi ha generato un grande ammontare di interessi fra lo scienziato - in parte dovuto la loro biologia e risposta interessanti alla terapia.

Poiché la descrizione iniziale di linfoma di Hodgkin e di altri tipi che ora sono conosciuti come linfomi non Hodgkin, sistemi di classificazione differenti è stata proposta. In Questi Ultimi 30 anni, il progresso importante è stato notato nella classificazione, nella diagnosi, nell'organizzazione, nella prognosi e nel trattamento dei pazienti con i linfomi non Hodgkin. Può essere detto che l'approccio ai linfomi non Hodgkin ha fornito un paradigma per gli avanzamenti in altri cancri.

Scoperta e cronologia di nomenclatura

Il linfoma di Hodgkin è nominato dopo Thomas Hodgkin (1798-1866), che era un medico da una famiglia di Quaker che ha studiato la medicina a Edimburgo e Parigi. Come uno del patologo Britannico più prominente del suo tempo, ha tenuto la posizione del conservatore del museo di patologia alla Facoltà di Medicina dell'Ospedale del Tipo dal 1825, dove ha studiato gli esemplari conservati degli organi umani. Era egualmente un dimostratore dell'anatomia morbosa, facente gli avanzamenti notevoli in questa area.

Nel 1832 ha pubblicato un documento nel Giornale del Medico e la Società Chirurgica a Londra ha autorizzato “Su Alcuni Aspetti Morbosi delle Ghiandole e della Milza Assorbenti„ che sono andato allora quasi inosservate. Più Di tre decenni più tardi, un altro medico Britannico nominato Samuel Wilks hanno descritto le stesse funzionalità di malattia ed hanno nominato la malattia dopo Hodgkin. Da allora questo tipo di malignità di linfonodo porta questo nome.

Ci sono sei tipi di linfomi di Hodgkin, ma fin qui almeno 61 tipo di linfomi è stato descritto che hanno caratteristiche diverse da linfoma di Hodkin. Questi sono stati designati linfomi non Hodgkin e sono divisi più ulteriormente hanno basato sulle loro opzioni dello sviluppo, di diffusione e del trattamento. Oggi, il linfoma non Hodgkin rappresenta la malignità più comune del sistema linfatico e poiché il 1970 all'inizio del ' le tariffe di incidenza quasi si sono raddoppiate.

L'evoluzione delle classificazioni

Mentre il consenso per il linfoma di Hodgkin di classificazione è stato raggiunto rapidamente, classificare una miriade di altri linfomi è rimanere un'emissione aperta. La classificazione di Rappaport (proposta da Henry Rappaport nel 1956 prima dell'arrivo di immunologia moderna) si è trasformata nella prima ampiamente classificazione accettata. La disposizione architettonica delle celle neoplastici e la loro identificazione citologica hanno formato la sua base istologica.

La classificazione di Lukes-Collins è stata pubblicata nel 1975 ed ha tentato di collegare la morfologia delle cellule alla funzione immunologica. Sebbene avanzi la nostra comprensione dell'immunologia di linfoma, non c'era miglioramento prognostico sopra la classificazione di Rappaport. La Formulazione di Lavoro per la classificazione dei linfoma non-Hodgkin è stata pubblicata nel 1982 ed ha sostituito rapidamente la classificazione di Lukes-Collins e di Rappaport con l'introduzione di tre gruppi prognostici: basso, composto intermedio e alto grado.

Le caratteristiche immunologiche, genetiche e cliniche Nel 1994, un gruppo di hematopathologists da Europa e dall'America ha proposto un nuovo approccio per la classificazione il linfoma non-Hodgkin, considerare dei disordini e delle caratteristiche non solamente istopatologiche delle celle del tumore. È stato nominato la Classificazione Europeo-Americana Riveduta dei Neoplasma Linfoidi (classificazione REALE).

I concetti di questa classificazione sono stati provati in uno studio internazionale di più di 1.400 casi da otto paesi e da quattro continenti. La Sua implementazione ha provocato la riproducibilità di diagnostica del linfoma, con un miglioramento significativo in confronto ai sistemi precedenti. Eppure, c'erano alcuni svantaggi con questo approccio; per esempio, non è riuscito a fissare clinicamente i criteri pertinenti per la classificazione dei linfomi follicolari e non c'era sistema monetario aureo ben definito per la diagnosi di grande linfoma anaplastico delle cellule.

Questo approccio successivamente è stato adottato e migliorato come la classificazione (WHO) dell'Organizzazione mondiale della sanità, che si è trasformata nello standard per i clinici ed i ricercatori universalmente. La Classificazione del WHO dei Tumori dei Tessuti Ematopoietici e Linfoidi era uno sforzo che ha fatto partecipare 138 autori e due comitati consultivi clinici che consistono di 62 specialisti clinici con competenza nei disordini mieloidi e linfoidi.

Ma indipendentemente dagli avanzamenti esemplificati tramite la classificazione del WHO, questa non è chiaramente l'ultima parola. La Nostra conoscenza della biologia dei linfomi continua a migliorare; quindi le nuove comprensioni piombo indubbiamente al riconoscimento dei sottogruppi clinicamente significativi di linfomi che precedentemente non sono stati conosciuti.

Sorgenti

  1. http://www.kcl.ac.uk/aboutkings/history/famouspeople/thomashodgkin.aspx
  2. http://www.med-ed.virginia.edu/courses/path/innes/wcd/nonhodgkin.cfm
  3. http://www.cancer.med.umich.edu/news/moj00fa4.shtml
  4. http://asheducationbook.hematologylibrary.org/content/2009/1/523.full
  5. http://www.cancernetwork.com/oncology-journal/lymphoma-2006-classification-and-treatment
  6. JO di Armitage, Coiffier B, Linfomi non Hodgkin di Dalla-Favera R. Lippincott Williams & Wilkins; 2009.

[Ulteriore Lettura: Linfoma non Hodgkin]

Last Updated: Mar 18, 2015

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski
Comments
The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post