Studio di USF: HHV-6 causa l'infezione permanente inserendo il suo DNA nei cromosomi umani

Published on March 9, 2010 at 6:11 AM · 1 Comment

I Virologi si sono sorpresi scoprire che un herpesvirus comune nascosto in cromosomi qualche gente può essere riattivato al modulo contagioso

Il herpesvirus Umano 6 (HHV-6) infetta quasi 100 per cento degli esseri umani nella prima infanzia e l'infezione quindi dura il resto della vita di una persona. Ora, un gruppo piombo da Peter Medveczky, il MD, il professor nel Dipartimento di Medicina Molecolare all'Università di Florida (USF) Del Sud, ha scoperto che in alcune persone, HHV-6 causa così infezione permanente inserendo o “integrando„ il suo DNA nei cromosomi umani. Da questo porto, il DNA virale non può eliminarsi dal sistema immunitario.

Il documento che descrive questa ricerca è stato pubblicato l'8 marzo online negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze.

Il gruppo di USF egualmente ha confermato i risultati preliminari da altri ricercatori che, molto tempo fa, il virus ha inserito il suo DNA nel DNA delle celle umane dell'uovo e dello sperma. Di conseguenza, qualche gente (circa 1 per cento della gente negli Stati Uniti) nasce con il DNA del virus in ogni cella nel loro organismo. Effettivamente, HHV-6 è il primo virus funzionale di qualunque tipo riferito per essere passato attraverso la linea germinale umana.

Il gruppo ha presentato la chiara prova che il virus può inserire il suo DNA specificamente nei telomeres - strutture alle estremità di ogni cromosoma che svolgono i ruoli chiave sia nell'invecchiamento che nel cancro.

Per Concludere, il gruppo ha indicato che i genoma cromosomicamente integrati HHV-6 (CIHHV-6) possono essere riattivati ad un modulo contagioso.

I risultati sono una sorpresa, poiché altri herpesviruses umani causano l'infezione permanente da un meccanismo differente. L'arrotondare per eccesso il loro DNA in un piccolo cerchio che risiede dentro il nucleo della cella: non inseriscono il loro DNA nei cromosomi.

Ci sono molte domande senza risposta quelle le speranze del gruppo di USF di selezionare. “Vorremmo conoscere se la posizione dell'integrazione ha un impatto su patologia,„ il Dott. Medveczky abbiamo detto. “Egualmente vorremmo conoscere più circa cui le droghe possono provocare la riattivazione in pazienti che portano questo virus in ogni cella… Per questi pazienti sarebbe importante evitare le droghe che possono riattivare il virus.„

“Questa è una serie emozionante e provocatoria di osservazioni. Le questioni sollevate tramite questo lavoro terranno i virologi di herpes occupati per anni,„ HHV-6 esperto preveduto Phil Pellett, PhD della Wayne State University.

HHV-6 è stato scoperto nel 1986 nel laboratorio del Dott. Robert C. Gallo all'Istituto Nazionale contro il Cancro dopo che Gallo ha chiesto ai suoi colleghe di cercare un herpesvirus nei casi di linfoma dell'AIDS che potrebbero avviare il cancro. “Nella mia mente questi risultati anche dovrebbero stimolare ulteriori studi su un ruolo possibile di HHV-6 in alcuni cancri come suggerito da altri che abbiano trovato un collegamento possibile ad alcuni linfomi,„ il Dott. Gallo ha commentato. “Tuttavia, più lavoro sarà chiaramente necessario avanzare tutta la conclusione in questo senso.„

HHV-6 causa la sesta malattia, un'eruzione generalmente benigna e la febbre in infanti. Il virus può riattivare in persone con i sistemi immunitari soppressi, a volte causanti le conseguenze gravi quale l'encefalite, l'epatite, la miocardite e la polmonite.

La ricerca Recente ha suggerito che HHV-6 potesse anche essere associato con le malattie nella gente con i sistemi immunitari apparentemente sani: encefalite, epilessia di lobo temporale mesial, sclerosi a placche, miocardite e cardiomiopatia idiopatica. Mentre non c'è prova che il virus svolge un ruolo causale in queste malattie, il virus è stato trovato più spesso nel tessuto malato che in tessuto sano.

Gli studi Precedenti avevano usato una tecnica visiva chiamata ibridazione in situ della fluorescenza (FISH), che ha indicato che il DNA virale era presente alla stessa posizione (vicino ai telomeres) dello stesso cromosoma sia nel genitore che in bambino. Ciò forte ha suggerito ma non ha provato che il virus fosse ereditato attraverso la linea germinale in questi bambini. Determinando la sequenza del DNA delle estremità del cromosoma, il gruppo di Medveczky ha dimostrato chiaramente che il genoma HHV-6 è stato integrato nel DNA del telomere. Il gruppo egualmente ha indicato che il DNA HHV-6, a differenza di altri herpesviruses umani, non arriccia in un cerchio dentro il nucleo.

La grande maggioranza della gente, tuttavia, non eredita il DNA HHV-6 dai loro genitori e non lo ha in ogni cella del loro organismo. Eppure quasi ognuno è permanentemente infettato con il virus. Così Medveczky ed i colleghi si sono domandati se il virus potesse prendere la residenza permanente nell'organismo integrando il suo DNA nei cromosomi appena di alcune celle.

Per esaminare questa possibilità, i ricercatori hanno catturato le celle che mai erano state esposte a HHV-6 e non erano state infettate loro con HHV-6 che era stato costruito per rendere a celle infettate l'incandescenza verde intenso. Abbastanza Sicure, una volta che l'infezione morisse giù, le celle verdi hanno contenuto il DNA HHV-6 integrato nelle estremità dei cromosomi. Quando i ricercatori hanno stimolato le celle con i prodotti chimici conosciuti per attivare altri herpesviruses, le celle con DNA virale integrato hanno cominciato a produrre il virus contagioso. Sarà importante imparare se un simile trattamento si presenta durante il modulo dell'infezione HHV-6 che si presenta nella maggior parte delle persone.

Per il circa 1 per cento della popolazione sopportata con DNA virale in ogni cella nel loro organismo, parecchie domande si pongono. È tale gente a malattie più inclini perché hanno un maggior rischio di riattivazione virale? In Caso Affermativo, che malattie? Se una persona nasce con le proteine virali presenti dalla nascita, il sistema immunitario di quella persona “sarebbe imbrogliato„ nel pensiero che il virus non era non Xeros e non deve essere attaccato? In Caso Affermativo, è quella una cattiva cosa o una buona cosa per la salubrità di una persona? Per Concludere, il virus si inserisce nei telomeres e potrebbe interrompere teoricamente la funzione dei telomeres. Poiché i telomeres sono importanti nell'invecchiamento cellulare e nel cancro, potrebbe l'inserzione di DNA virale nei telomeres avere di effetto sulla tendenza delle cellule ad invecchiare o girare cancerogeno?

Mentre unica fra i herpesviruses umani conosciuti, la capacità di HHV-6 di integrare nei cromosomi umani non è unica in natura. Un herpesvirus che infetta i polli, chiamato virus della malattia di Marek, sembra comportarsi lo stesso modo. Interessante, sebbene i virus non siano altrimenti strettamente connessi, la sequenza del DNA usata dal virus della malattia di Marek per integrare nei cromosomi del pollo è notevolmente simile alla sequenza del DNA usata per integrazione cromosomica da HHV-6.

Sorgente: Università di Salubrità Del Sud di Florida

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | العربية | Nederlands | Finnish | Русский | Svenska | Polski