MRI, ELETTROENCEFALOGRAMMA può predire il rischio dell'epilessia dei bambini dopo gli attacchi febbrili lunghi

Published on November 13, 2012 at 5:15 PM · No Comments

Da Helen Albert, Reporter Senior dei medwireNews

I Bambini che hanno prolungato gli attacchi febbrili (FSE) sono al rischio aumentato per imaging a risonanza magnetica (MRI) hanno osservato la lesione hippocampal e lo sviluppo hippocampal e temporale anormale, risultati di manifestazione dalle Conseguenze degli Attacchi Febbrili Prolungati nell'Infanzia (FEBSTAT) studia.

I ricercatori egualmente hanno trovato che 45,2% dei bambini con il FSE hanno avuti reticoli anormali sul encephalography (EEG), con 6,5% reticoli di mostra simile a quelli con l'epilessia.

“Il Nostro scopo è stato di sviluppare i biomarcatori che ci diranno indipendentemente da fatto che un bambino particolare è a rischio dell'epilessia. Ciò potrebbe a sua volta aiutarci a sviluppare le strategie per impedire il disordine,„ ha detto il ricercatore Shlomo Shinnar (Istituto Universitario del cavo FEBSTAT di Albert Einstein di Medicina, New York, U.S.A.) in un'istruzione della stampa.

Gli Attacchi che accadono come conseguenza di alta febbre sono comuni ed in gran parte inoffensivi, pregiudicando 3-4% di tutti i bambini. Tuttavia, avendo uno o più un attacco febbrile prolungato di 30 minuti o più lungamente (FSE) è pensato per aumentare il rischio di un bambino per l'epilessia successiva di 30-40%.

Per FEBSTAT, Shinnar ed i colleghi hanno reclutato 199 bambini invecchiati 1 mese - 5 anni che avevano avvertito almeno un attacco febbre-associato oltre di 30 minuti. Un gruppo di 96 bambini che avevano avvertito un attacco febbrile semplice (meno di 30 minuti) è stato iscritto per fungere da comandi.

In Generale, 191 bambino ha avuto rappresentazione di MRI del cervello e tutti e 199 i bambini hanno subito l'ELETTROENCEFALOGRAMMA. Come riportato in due documenti in Neurologia, 11,5% dei bambini nel gruppo di FSE hanno avuti MRI definito hanno osservato le anomalie nell'ippocampo rispetto a nessuno nel gruppo di controllo.

Inoltre, le anomalie hippocampal e temporali inerenti allo sviluppo erano sensibilmente più comuni nel gruppo di FSE che nei comandi, a 10,5% contro 2,1% e 7,9% contro 1,0%, rispettivamente. Ma le anomalie in altre aree del cervello sono state osservate ad una simile frequenza in entrambi i gruppi.

L'anomalia di ELETTROENCEFALOGRAMMA più comune era rallentamento o indebolimento focale, veduto in 47 e 25 bambini con il FSE, rispettivamente. Le Anomalie sull'ELETTROENCEFALOGRAMMA erano più pronunciate sopra l'area temporale nella maggior parte dei bambini di FSE.

Considerevolmente, le anomalie hippocampal su MRI hanno aumentato i rischi per il rallentamento o l'attenuazione focale in bambini con il FSE più triplo.

“Se i risultati di ELETTROENCEFALOGRAMMA e di MRI connessi con il FSE infine correlano con l'epilessia, potrebbero essere usati per identificare i capretti che sono al rischio e che potrebbero trarre giovamento dalla ricerca sulle terapie preventive per l'epilessia,„ esperto indipendente Vicky che Whittemore (Istituto Nazionale dei Disordini Neurologici e del Centro di Neuroscienza del Colpo, Bethesda, Maryland, U.S.A.) ha detto la stampa.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski