Calmangafodipir protegge dagli effetti secondari dei trattamenti del cancro

Published on January 22, 2013 at 7:29 AM · No Comments

Una droga sviluppata all'Università di Linköping in Svezia protegge dagli effetti secondari dei trattamenti del cancro mentre rinforza gli effetti sul tumore. Una valutazione internazionale della droga ora sta cominciando su su un più grande gruppo di pazienti.

I risultati degli studi con il composto, conosciuti come calmangafodipir, sono stati pubblicati nell'ultima emissione dell'Oncologia Di Traduzione del giornale del cancro con il Professor Rolf G.G. Andersson come l'autore principale.

La ricerca è stata iniziata su una sostanza chiamata mangafodipir, che è stato utilizzato come mezzi di contrasto nelle scansioni a risonanza magnetica. Ma i farmacologi a Liu hanno scoperto che anche celle in buona salute protette nell'ambito dei trattamenti del cancro.

“Abbiamo trovato che la sostanza potrebbe pregiudicare la formazione di radicali dell'ossigeno, che sono una causa degli effetti secondari in chemioterapia,„ diciamo il Professor Andersson.

Per esempio, il numero dei globuli bianchi diminuisce drasticamente in quasi tutti i pazienti, che apre la porta alle infezioni che potrebbero anche essere interne.

I ricercatori hanno cominciato con le prove delle cellule e poi hanno acceso ai mouse infettati con le cellule tumorali. I mouse sono stati trattati con la chemioterapia ed erano mangafodipir amministrato allo stesso tempo. La formazione del Tumore è diminuito mentre i globuli bianchi erano protetti.

Un problema era che una grande parte del manganese nella sostanza è stata rilasciata; di conseguenza, l'effetto positivo si è abbassato. Il manganese libero può anche essere lesione cerebrale di causa e tossica.

“Abbiamo rifatto la sostanza ed abbiamo sostituito il molto manganese con calcio. Ciò ha reso un complesso più stabile, che è risultato essere ancora migliore alle celle proteggenti, quindi aumentanti l'effetto anticancro,„ dice il Professor Andersson.

L'effetto di mangafodipir è stato confermato in un più piccolo studio sui pazienti con tumore del colon, che è stato pubblicato in Oncologia Di Traduzione nel febbraio 2012.

Gennaio Olof G. Karlsson è un professore di seconda fascia all'Università di Linköping e un ricercatore senior a PledPharma AB che sta sviluppando la droga, che sarà commercializzata nell'ambito della marca PledOx®. Uno studio internazionale di Fase 2, facente partecipare i pazienti con il cancro dell'intestino crasso, recentemente è stato iniziato. I risultati sono preveduti alla fine dell'anno.

Sorgente: Università di Linköping in Svezia

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski