Il Trattamento del suono in cervello è avanzato di precedentemente ha pensato

Published on September 5, 2013 at 9:36 AM · No Comments

Il trattamento del suono nel cervello è avanzato di precedentemente ha pensato. Quando sentiamo un tono, il nostro cervello temporaneamente rinforza che il tono ma egualmente tutti i toni ha separato da da una o più ottava. Un gruppo di ricerca da Utrecht e da Nimega ha pubblicato un articolo sull'oggetto nel giornale PNAS il 2 settembre.

Sentiamo con il nostro cervello. La coclea prende le vibrazioni sonore ma i segnali prodotti di conseguenza sono elaborati dal cervello, facendo uso dei reticoli conosciuti. Se, per esempio, brevemente sentite un tono debole, i vostri fuochi di audizione su quel tono e sopprimete tutte le frequenze intorno. Ciò lo rende più facile notare tutti i suoni pertinenti nei vostri dintorni. La ricerca attuale ha indicato che questo “filtro uditivo dall'attenzione„ è molto più complesso di quanto creduto finora: le frequenze che hanno una relazione di ottava con il tono dell'obiettivo egualmente sono sentite meglio.

John van Opstal, il professor di Biofisica all'Università di Radboud: “Questa prova prova che il cervello prepara per un reticolo più esteso dei toni, anche se la persona sente appena un singolo tono di prova o se ha un tono in mente. Questi i toni extra nel reticolo non sono stati sondati durante l'esperimento, ma i complementi del cervello le informazioni ricevute dalla coclea. Ciò è scientifico interessante. L'Audiologia, per esempio, attualmente dà la grande importanza sulla coclea.„

Relazione di Ottava
Gli oggetti che subiscono l'esperimento non si sono divertiti. Per un'ora hanno ascoltato disturbo non strutturato che contiene i toni molto morbidi che hanno dovuto individuare. Ogni pochi secondi sono stati presentati con un tono di 1000 Hertz, l'indicazione. Poi durante l'uno di due intervalli di tempo, secondo un tono molto calmo e breve è stato sondato. L'oggetto ha dovuto indicare in cui dei due intervalli avevano sentito il secondo tono. È diventato evidente che i toni che hanno una relazione con l'indicazione tutta di ottava sono stati sentiti meglio e quelli intorno all'indicazione sono stati sentiti di meno bene. Un'ottava è un termine ben noto nella musica, indicante la distanza fra i due toni, le frequenze di cui hanno una relazione 2 to-1. 

Voce
Van Opstal: “Abbiamo voluto riunire i dati sul filtro uditivo dall'attenzione intorno al tono dell'obiettivo. Quando abbiamo reso l'intervallo più vasto di altri ricercatori avevano fatto precedentemente, più picchi sono comparso improvvisamente. Ciò era una sorpresa completa a noi. Una spiegazione possibile potrebbe essere che il sistema di audizione si è evoluto per sentire i suoni fatti dai membri delle proprie specie di un animale (voci nel caso degli esseri umani) nei dintorni rumorosi. I Vocalisations consistono sempre dei complessi armonici di parecchi toni simultanei che hanno una relazione di ottava a vicenda.„

Protesi acustica
I ricercatori, che lavorano all'Università di Utrecht, al Centro del Cervello di UMC Utrecht ed all'Università Nimega di Radboud, possono ritenere facilmente sulle domande di questa ricerca fondamentale. Se, per esempio, qualcuno più non sente gli alti toni a causa di danneggiamento delle cellule ciliate cocleari, la protesi acustica può essere regolato in tal modo che converte quei toni così che sondano una o più ottava più in basso. Poiché il cervello stesso “riempie„ i toni di relazione di ottava, la percezione di quella persona dovrebbe poi diventare più normale. Per i produttori sani commerciali è egualmente importante sapere i toni sono percepiti. Ecco perché Philips Ricerca è coinvolgere in questa ricerca Cervello, Organismo e Comportamento nel loro dipartimento '.

http://www.ru.nl/english/general/news_agenda/news/@914351/single-tone-alerts/

Sorgente: Università di Utrecht

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski