L'unità Novella può semplificare il video della risposta dei pazienti al trattamento per cancro ovarico

Published on December 6, 2013 at 8:29 PM · No Comments

L'unità Novella capace di isolare, analizza le cellule tumorali da liquido addominale solitamente eliminato

Ad un'unità basata a microchip sviluppata dai ricercatori del Policlinico (MGH) di Massachusetts può notevolmente semplificare il video della risposta dei pazienti al trattamento per cancro ovarico - il modulo più letale di cancro ginecologico - e determinate altre malignità. Il gruppo dal Centro del Cancro di MGH e dal Centro per Biologia di Sistemi riferisce facendo uso della loro unità per isolare ed identificare le celle dall'ascite, una capitalizzazione del tumore di liquido nell'addome che si presenta spesso nei cancri addominali. L'articolo della Prima Edizione di PNAS egualmente descrive lo sviluppo di un comitato di quattro indicatori della proteina per identificare esattamente le cellule tumorali ovariche nell'ascite.

“Potevamo dimostrare che semplicemente schizzare le piccole quantità di liquido ascitico altrimenti eliminato nella nostra unità ha permesso che noi quantificassimo le celle del tumore ed esplorassimo gli indicatori meccanicistici della progressione del tumore senza la necessità di elaborare i litri di ascite con strumentazione avanzata non disponibile facilmente in molti ospedali,„ diciamo Cesar Castro, MD, MMSc, Centro del Cancro di MGH e Centro per Biologia di Sistemi, autore del co-cavo del documento di PNAS. “Inoltre, raggiungendo le letture di punto-de-cura degli indicatori delle cellule del tumore dall'ascite ripetutamente raccolta al tempo differente indica, potrebbe tenere conto il frequente video della risposta del trattamento senza dovere aspettare la scansione seguente della rappresentazione.„

La capacità di tenere la carreggiata attendibilmente la risposta del trattamento essenzialmente lascia i badante conoscere se una droga anticancro particolare dovrebbe essere continuata o se un'altra opzione è provata. La ricorrenza del Tumore comincia prima che le metastasi diventino visibili sugli studi della rappresentazione, in modo da parecchie opzioni per “le biopsie liquide„ non invadenti stanno studiande, compreso l'analisi delle celle di circolazione del tumore e di altri fattori trovati nel sangue. Poiché le metastasi del cancro ovarico sono limitate solitamente all'intercapedine addominale e l'ascite si forma comunemente nella malattia avanzata, il gruppo di ricerca ha teorizzato che il liquido ascitico potrebbe essere un'alternativa, se non migliore, opzione che il sangue per il video del trattamento.

L'Isolamento delle celle del tumore dell'ascite (ATCs) è stato provocatorio, poiché costituisce meno di 1 per cento delle celle in liquido ascitico. ATCs stessi varia notevolmente nella dimensione ed altri contenuti fluidi - infiammatori e globuli, celle dal rivestimento addominale e detriti supplementari - formano spesso i grandi mucchi che ostruirebbero le unità microfluidic tipiche. Con la rimozione delle componenti della non tumore cella di liquido ascitico, il gruppo egualmente ha avuto bisogno di un modo identificare esattamente le cellule tumorali ovariche ed analizzare i loro beni molecolari.

Con un lungo trattamento che il lavoro di laboratorio implicato che paragonano le cellule tumorali ovariche alle celle benigne ed i campioni dell'ascite dai malati di cancro ovarici a quelli dalle persone alle circostanze noncancerous gradiscono la cirrosi, i ricercatori hanno scoperto un comitato di quattro indicatori della proteina che specificamente hanno identificato ATCs dai malati di cancro ovarici. Hanno confermato l'accuratezza del comitato, chiamata ATCDX, in due insiemi separati del campione, paragonanti il liquido ascitico dai malati di cancro ovarici a fluido noncancerous o all'ascite dai pazienti con altri tipi di cancri.

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski