L'agente antinfiammatorio Non steroideo ritarda la progressione della neuropatia, conserva la qualità di vita

Published on December 27, 2013 at 5:30 AM · No Comments

Fra i pazienti con la polineuropatia familiare dell'amiloide, una malattia neurodegenerative letale e genetica, uso del diflunisal antinfiammatorio non steroideo dell'agente rispetto a placebo per 2 anni ha diminuito il tasso d'espansione nel danno neurologico ed ha conservato la qualità di vita, secondo uno studio che compare nell'emissione del 25 dicembre del JAMA.

La polineuropatia Familiare dell'amiloide è caratterizzata dai deficit e dall'inabilità neurologici progressivi che provano interno se lasciato non trattato. Meno che 10,000 persone sono stimati per essere influenzati clinicamente universalmente, secondo informazioni di base nell'articolo. Diflunisal ha mostrato il vantaggio potenziale in uno studio di fase 1.

John L. Berk, M.D., della Scuola di Medicina di Boston University e dei colleghi, perseguenti la missione di NIH alle vecchie droghe del repurpose, ha ripartito le probabilità su 130 pazienti dalla Svezia, dall'Italia, dal Giappone, dall'Inghilterra e dagli Stati Uniti per ricevere il diflunisal>

I Pazienti hanno ripartito le probabilità su a diflunisal hanno esibito meno progressione della polineuropatia che quelle definite a placebo. L'effetto inibitorio di diflunisal sulla progressione della neuropatia era rilevabile a 1 e 2 anni ed a 2 anni, 29,7 per cento del gruppo diflunisal confrontato a 9,4 per cento del gruppo del placebo hanno esibito la stabilità neurologica. La qualità di vita Fisica si è stabilizzata dall'inizio dello studio a 2 anni in quelli definiti al trattamento diflunisal mentre diminuiva nel gruppo del placebo.

Gli autori scrivono che la loro prova è chiave per parecchie ragioni: è la prima prova ripartita con scelta casuale che comprende una vasta sezione trasversale dello spettro della malattia; fornisce i dati inestimabili di storia naturale sulla tariffa della progressione di malattia neurologica; e stabilisce che diflunisal, un trattamento a basso costo, è tollerato bene dai pazienti familiari della polineuropatia dell'amiloide con uno spettro della neuropatia.

“Sebbene gli studi di approfondimento più a lungo termine siano necessari, questi risultati suggeriscono il vantaggio di questo trattamento per la polineuropatia familiare dell'amiloide.„

Sorgente: Le Pubblicazioni della Rete di JAMA

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski