I Risultati suggeriscono gli usi clinici possibili di estasi nel trattamento l'ansia e del PTSD

Published on January 17, 2014 at 8:44 AM · No Comments

Gli esperimenti della rappresentazione di Cervello hanno rivelato per la prima volta come l'estasi produce le sensibilità di euforia in utenti.

I Risultati dello studio all'Istituto Universitario Imperiale Londra, le parti di cui sono state teletrasmesse in Droghe In Tensione su Channel 4 nel 2012, ora sono stati pubblicati in Psichiatria Biologica del giornale.

I risultati suggeriscono i modi che l'estasi, o MDMA, potrebbe essere utile nel trattamento di ansia e di disordine post - traumatico di sforzo (PTSD).

MDMA è stato una droga ricreativa popolare dagli anni 80, ma c'è stato poca ricerca su cui le aree del cervello pregiudica. Il nuovo studio è il primo per usare l'imaging a risonanza magnetica funzionale (fMRI) sugli oggetti di riposo nell'ambito della sua influenza.

Venticinque volontari hanno subito le scansioni di cervello in due occasioni, una dopo la cattura della droga ed una dopo la cattura del placebo, senza conoscere quale erano stati dati.

I risultati indicano che MDMA fa diminuire l'attività nel sistema limbico - un insieme delle strutture in questione nelle risposte emozionali. Questi effetti erano più forti negli oggetti che hanno riferito le più forti esperienze soggettive, suggerenti che fossero relativi.

La Comunicazione fra il lobo temporale mediale e la corteccia prefrontale mediale, che è compresa nel controllo emozionale, è stata diminuita. Questo effetto ed il calo nell'attività nel sistema limbico, sono di fronte ai reticoli veduti in pazienti che soffrono da ansia.

MDMA egualmente ha aumentato la comunicazione fra l'amigdala e l'ippocampo. Gli Studi sui pazienti con PTSD hanno trovato una riduzione della comunicazione fra queste aree.

Il progetto piombo da David Nutt, Edmond J. Safra il Professor della Neuropsicofarmacologia all'Istituto Universitario Imperiale Londra ed il Professor Val Curran a UCL.

Il Dott. Robin Carhart-Harris dal Dipartimento di Medicina ad Imperiale, che ha realizzato la ricerca, ha detto: “Abbiamo trovato che MDMA causato ha ridotto il flusso sanguigno nelle regioni del cervello collegato ad emozione ed alla memoria. Questi effetti possono essere collegati con le sensibilità di euforia che la gente avverte sulla droga.„

Il Professor Nutt ha aggiunto: “I risultati suggeriscono gli usi clinici possibili di MDMA nel trattamento l'ansia e del PTSD, ma dobbiamo stare attenti circa ricavare troppe conclusioni da uno studio in volontari sani. Dovremmo fare gli studi in pazienti per vedere se troviamo gli stessi effetti.„

MDMA è stato studiato come aggiunta a psicoterapia nel trattamento di PTSD, con uno studio pilota recente negli STATI UNITI che riferiscono i risultati preliminari positivi.

Come componente dello studio Imperiale, i volontari sono stati chiesti di richiamare il loro favorito e memorie peggiori mentre dentro lo scanner. Essi stimate le loro memorie favorite come più vive, emozionalmente intenso e positivo dopo MDMA che placebo ed essi stimate le loro memorie peggiori di meno negativamente. Ciò è stata riflessa nel modo che le parti del cervello sono state attivate forte più o meno sotto MDMA. Questi risultati sono stati pubblicati nel Giornale Internazionale della Neuropsicofarmacologia.

Il Dott. Carhart-Harris ha detto: “In volontari sani, MDMA sembra diminuire l'impatto delle memorie dolorose. Questo le misure con l'idea che potrebbe aiutare i pazienti con PTSD a rivisitare le loro esperienze traumatiche in psicoterapia senza essere sopraffatto dalle emozioni negative, ma noi dobbiamo fare gli studi nei pazienti di PTSD per vedere se la droga li pregiudica allo stesso modo.„

Sorgente: http://www3.imperial.ac.uk/

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski