L'Uso delle cartelle mediche elettroniche semplifica i test clinici

Published on July 11, 2014 at 7:56 AM · No Comments

Facendo Uso delle cartelle mediche elettroniche capire il migliore trattamento disponibile per i pazienti, da un intervallo delle opzioni possibili, è più efficiente e meno costosa per i contribuenti che il trattamento attuale di test clinico, un nuovo studio mostra.

Ricerca piombo dal Professor van Staa, effettuato mentre era un membro della Ricerca Clinica Datalink di Pratica (CPRD) e chi ora è basato All'Università di Centro del eResearch della Salubrità di Manchester, pubblicato nella Valutazione Tecnologica di Salubrità (HTA) oggi (Venerdì 11 Luglio) esaminata l'uso degli statins in 300 persone con ad alto rischio della malattia cardiovascolare tenendo la carreggiata le loro registrazioni elettroniche. 

Una seconda parte dello studio ha fatto partecipare 31 partecipante ed ha esaminato l'uso degli antibiotici in quelli con la malattia polmonare ostruttiva cronica - dove la gente ha respirazione della difficoltà, soprattutto dovuto la limitazione delle loro gallerie di ventilazione. 

Corrente, quando i ricercatori vogliono studiare se l'un trattamento sia migliore di un altro essi devono organizzare le lunghe e prove costose che richiedono il modulo pesante che riempie dai pazienti e dai GP, il personale supplementare, partecipazione regolare alle nomine e può creare gli ambienti di test artificiali che non rappresentano la realtà del comportamento del paziente nella vita quotidiana regolare. 

Allo scopo di questo studio, i ricercatori invece hanno installato un nuovo programma destinato all'elaboratore in 23 ambulatori approvati del GP attraverso l'Inghilterra e la Scozia.

Questo programma poteva confidenzialmente identificare quali pazienti erano ammissibili partecipare e medici permessi per firmare sui partecipanti pertinenti al clic di un bottone, di un tempo di risparmio e di una moneta per la borsa pubblica. I Ricercatori poi hanno utilizzato le cartelle mediche elettroniche dei pazienti, come registrato nella Ricerca Clinica Datalink di Pratica, aggiornato come componente delle loro nomine mediche regolari, per riflettere l'impatto dei trattamenti che erano stati prescritti.  

Studiando queste registrazioni, i ricercatori possono capire i reticoli di salubrità relativamente ai farmaci specifici con i membri potenzialmente molto più grandi e più diversi del pubblico e capire il quale trattamento offre i migliori risultati. La ricerca interamente è condotta con impatto minimo sulle vite dei pazienti che, dopo l'offerta del loro consenso non sono tenuti ad avere alcuna partecipazione attiva. 

Prof. van Staa ha detto:  “L'uso delle cartelle mediche elettroniche nella facilitazione dei test clinici significa che più non dobbiamo rimanere incerti circa quale medicina offre le migliori indennità-malattia per i pazienti.  

Questo studio indica che gli scienziati possono condurre la ricerca quale evidenzieranno il quale trattamento è la cosa migliore per i pazienti. „ La partecipazione Seguente allo studio, interviste ha avuto luogo con 27 GPs, 26 di chi ha espresso l'appoggio importante all'uso delle registrazioni elettroniche dei pazienti al test clinico di sostegno.

Dieci pazienti egualmente sono stati intervistati chi tutti hanno acconsentito che la discussione sulla loro partecipazione alla prova come componente di una nomina sistematica di salubrità era una pratica interamente accettabile. Gli studi Futuri per quanto riguarda l'uso delle registrazioni elettroniche nei test clinici saranno consegnati come componente dell'Istituto di Farr dell'Informatica di Salubrità. Un'organizzazione nazionale che comprende quattro centri di eccellenza nel campo della ricerca del eHealth con i Centri ha basato sul Nord dell'Inghilterra, Ad est dell'Inghilterra e Galles, la Scozia e Londra.  

L'Istituto di Farr esiste per capire come - all'interno dei livelli etici più elevati - le informazioni della salubrità dei pazienti possono essere usate per migliorare i servizi medico-sanitari di salute pubblica. 

Lo studio è stato fatto in collaborazione con i ricercatori dal banco di Londra dell'Igiene & della Medicina Tropicale e dalle Università di York, Liverpool e Brighton e l'College di Re; è stato costituito un fondo per dall'Istituto Nazionale per la Ricerca di Salubrità e la Fiducia di Wellcome. 

Sorgente: http://www.manchester.ac.uk/discover/news/article/?id=12461

Read in | English | Español | Français | Deutsch | Português | Italiano | 日本語 | 한국어 | 简体中文 | 繁體中文 | Nederlands | Русский | Svenska | Polski