La terapia ormonale Postmenopausale che dura più lungamente di dieci anni si è collegata per ridurre il rischio di demenza

A terapia ormonale basata a estrogeno Postmenopausale che dura più lungamente di dieci anni è stata associata con un rischio in diminuzione di Morbo di Alzheimer in un grande studio effettuato all'Università di Finlandia Orientale.

“L'effetto protettivo di terapia ormonale può dipendere dalla sua sincronizzazione: può avere vantaggi conoscitivi se iniziato ai tempi di menopausa quando i neuroni sono ancora sani e rispondenti,„ dice Bushra Imtiaz, MD, MPH, che ha presentato i risultati nella sua tesi di dottorato.

Lo studio ha esplorato l'associazione fra la terapia di sostituzione di ormone postmenopausale, il Morbo di Alzheimer, la demenza e la cognizione in due studi nazionali di caso-control e due studi di gruppo longitudinali. Il più grande studio ha compreso circa 230.000 donne Finlandesi ed il tempo di seguito negli studi differenti era di fino a 20 anni.

La Menopausa può spiegare il più alto rischio della demenza delle donne

Il Morbo di Alzheimer è la maggior parte della causa comune di demenza e due sui tre casi di Alzheimer sono donne. Una spiegazione possibile per il più alto rischio della demenza delle donne è lo svuotamento postmenopausale degli ormoni steroidi estrogeno e progesterone del sesso. I ricevitori dell'Estrogeno sono presenti in tutto l'organismo compreso le aree del cervello soprattutto influenzate nel Morbo di Alzheimer. Negli studi sugli animali in vitro e, l'estrogeno ha indicato gli effetti neuroprotective. Tuttavia, gli studi sugli esseri umani hanno dato i risultati contradditori sull'associazione fra alla la terapia di sostituzione di ormone basata a estrogeno postmenopausale ed il rischio di demenza.

La terapia Ormonale può proteggere la cognizione se cominciato all'inizio di menopausa

Nello studio presente, l'uso a lungo termine della terapia ormonale della sostituzione è stato associato con una prestazione migliore in determinati domini conoscitivi - cognizione globale e memoria episodica - e un più a basso rischio del Morbo di Alzheimer. L'uso A Breve Termine non è stato collegato significativamente al rischio di demenza, ma in un gruppo, il rischio di demenza era più alto fra gli utenti a breve termine che avevano iniziato la terapia ormonale verso la fine del periodo postmenopausale. I risultati erano regolato per varie variabili socioeconomiche e demografiche di stile di vita.

“Alla luce di questi risultati, la terapia ormonale della sostituzione può avere un effetto benefico su cognizione se cominciato presto, intorno al periodo di menopausa. L'effetto protettivo della terapia ormonale può dipendere dallo stato di salute dei neuroni al riferimento e può essere se la terapia comincia anni dopo menopausa,„ il Dott. perso Imtiaz conclude.

Lo studio egualmente ha indicato che la rimozione postmenopausale delle ovaie, dell'utero o di entrambi non è stata collegata significativamente al rischio di Morbo di Alzheimer, indipendentemente dall'indicazione di uso di terapia ormonale o della chirurgia.

Sorgente: http://www.uef.fi/-/postmenopausal-hormone-therapy-exceeding-ten-years-may-protect-from-dementia?inheritRedirect=true&redirect=%2Fen%2Fetusivu

Advertisement