Infezioni batteriche dell'interfaccia

Le infezioni batteriche dell'interfaccia (anche conosciute come i pyodermas) possono essere causate il più comunemente tramite una grande selezione dei batteri differenti - dagli stafilococchi o dagli streptococchi, o a volte da entrambi gli organismi insieme. I batteri meno comuni possono anche svolgere un ruolo in persone ospedalizzate, quelle viventi in una casa di cura, o durante determinate attività come il giardinaggio o nuoto in uno stagno o in un oceano.

In una maggioranza dei casi ci sono caratteristiche morfologiche distinte che permettono ai clinici di riconoscere le circostanze potenzialmente trattabili e reversibili. Di conseguenza, la maggior parte delle infezioni cutanee causano l'edema, il eritema o altri segni di infiammazione, ma possono anche provocare la capitalizzazione focale del pus o del liquido (quali i foruncoli e le vescicole, rispettivamente).

L'esame clinico e, in alcuni casi, la macchiatura e la coltura microbiologiche del pus o dell'essudato sono solitamente adeguati per l'instaurazione della diagnosi. Quando l'entrata in vigore del trattamento antibiotico è necessaria, droga l'attivo contro i microrganismi gram-positivi (quali le penicilline, le cefalosporine e i fluoroquinolones di seconda generazione) dovrebbe essere considerato come terapia della scelta e la prova di predisposizione di un isolato presunto dovrebbe essere perseguita come resistenza è sull'aumento.

Patofisiologia delle infezioni batteriche dell'interfaccia

Anche se una miriade delle specie batteriche differenti entra in contatto o può essere residente sull'interfaccia, è considerato una barriera molto efficiente contro l'invasione e le infezioni batteriche successive. La maggior parte dei stati del terreno comunale che possono predisporre una persona alle infezioni batteriche dell'interfaccia comprendono i casi quando l'integrità della barriera di interfaccia è violata; quindi il trauma quali abrasione, escoriazione, la lacerazione o l'ulcerazione può provocare un'interfaccia vulnerabile.

Ancora, i gruppi di persone sicuri hanno intensificato il rischio di sviluppare le infezioni cutanee. I pazienti diabetici hanno solitamente flusso sanguigno carente (particolarmente alle mani ed ai piedi), mentre gli alti livelli di glucosio nel loro sangue fa diminuire sostanzialmente la tendenza dei loro leucociti alle infezioni di lotta. Inoltre i pazienti anziani, quelli con il HIV/AIDS o quelli sulla chemioterapia sono egualmente al rischio particolare dovuto un sistema immunitario indebolito.

Infezioni batteriche primarie dell'interfaccia

Le infezioni batteriche primarie dell'interfaccia solitamente sono iniziate da un singolo organismo, il spesso si presentano in interfaccia normale e si manifestano con il corso e la morfologia caratteristici. La maggior parte di frequenti agenti patogeni connessi con questo tipo di infezioni sono Streptococco piogeno, staphylococcus aureus e batteri a volte corineformi. Alcuni degli esempi comuni sono impetigine, follicoliti ed eritrasma.

Staphylococcus aureus (MRSA) - immagine Copyright: Tatiana Shepeleva, identificazione di immagine: 229241485 via Shutterstock.com
Staphylococcus aureus (MRSA) - immagine Copyright: Tatiana Shepeleva, identificazione di immagine: 229241485 via Shutterstock.com

L'impetigine è un'infezione batterica superficiale e intraepidermal dell'interfaccia che è osservata il più comunemente in bambini durante i mesi umidi dell'estate. Un modulo dominante della malattia è un tipo non bolloso che presenta con uno irritato (erosione) o un cluster di loro sulle aree esposte dell'interfaccia. L'impetigine in primo luogo compare nel modulo di piccole vescicole o pustole che la rottura e forma una crosta miele-gialla aderente spessa.

La follicolite rappresenta un'infiammazione dei follicoli piliferi come conseguenza dell'infezione (ma può anche sorgere dovuto irritazione chimica o la lesione fisica). Il tipo superficiale di follicolite causata dallo staphylococcus aureus si manifesta come pustola indolore o tenera che guarisce solitamente senza affatto sfregiare. In follicolite profonda l'infezione si sparge più ulteriormente nel follicolo, mentre un foruncolo (o punto di ebollizione) comprende il tessuto sottocutaneo.

Il eritrasma è causato da un minutissimum gram-positivo non generatore di spore del corinebatterio del microrganismo che (negli stati dell'occlusione o dell'umidità) prolifera e causa un'infezione superficiale dell'interfaccia e, specialmente, delle aree intertriginous. Le lesioni sono sotto forma di toppe che sono inizialmente rosa e si asciugano e di marrone successivo di giro.

Infezioni batteriche secondarie dell'interfaccia

L'interfaccia umida e nociva fornisce un ambiente opportunistico affinchè le specie batteriche differenti prosperi e per causare le infezioni cutanee secondarie (spesso come uno stato sovrapposto). Alcuni degli esempi comuni sono infezioni di Web del dito del piede e di intertrigo. Inoltre, le varie infezioni sistematiche possono anche avere manifestazioni dell'interfaccia.

Intertrigo è un termine per un disordine cronico dell'interfaccia con l'inizio insidioso delle sensazioni di bruciore brucianti e nei popolare dell'interfaccia, che è accompagnato dal prurito (o dal itching). Questa infezione batterica secondaria dell'interfaccia, osservata il più comunemente in pazienti con l'obesità ed in coloro che è costretto a letto, è causata da una crescita eccessiva della flora batterica transitoria o residente.

Le infezioni di Web del dito del piede (anche conosciute come il piede dell'atleta) hanno usato per essere considerare rigorosamente come le micosi; tuttavia, ora è conosciuto che i funghi possono creare un ambiente adatto a crescita eccessiva delle specie del brevibatterio e di determinati corinebatteri. Gli enzimi proteolitici che sono secernuti da alcuni di questi batteri possono aggravare questo problema ancor più.

Sorgenti

  1. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK8301/
  2. http://www.aafp.org/afp/2002/0701/p119.html
  3. http://www.aafp.org/afp/2014/0401/p569.html
  4. http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/psb.783/pdf
  5. http://www.gpha.org/assets/acute%20bacterial%20skin%20may%202014%20journal.pdf
  6. Infezioni batteriche di Ferringer T. Common. In: Corridoio JC, Corridoio BJ, editori. Infezioni dell'interfaccia - diagnosi e Tretment. Stampa dell'università di Cambridge, U.S.A., 2009; pp. 17-22.

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2018, August 23). Infezioni batteriche dell'interfaccia. News-Medical. Retrieved on November 17, 2019 from https://www.news-medical.net/health/Bacterial-Skin-Infections.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Infezioni batteriche dell'interfaccia". News-Medical. 17 November 2019. <https://www.news-medical.net/health/Bacterial-Skin-Infections.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Infezioni batteriche dell'interfaccia". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Bacterial-Skin-Infections.aspx. (accessed November 17, 2019).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2018. Infezioni batteriche dell'interfaccia. News-Medical, viewed 17 November 2019, https://www.news-medical.net/health/Bacterial-Skin-Infections.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post