Ripristino di paralisi di Bell

La maggior parte dei pazienti con paralisi di Bell recuperano completamente in 6 settimane, indipendentemente dal trattamento finale ricevuto. Il ripristino in alcuni casi completo segue dopo 9 mesi o persino più lungo, ma spesso con danno residuo e lo sviluppo delle conseguenze.

I pazienti che danno segni del ripristino in 3 settimane sopra l'inizio dei sintomi sono più probabili da subire un ripristino completo. Una norma generale è come segue: più presto il ripristino comincerà, meno la probabilità là è che le conseguenze permanenti si svilupperà. La tariffa di ricorrenza di paralisi di Bell è fra 4-14%, con 36% di tali pazienti che rivivono la paralisi sullo stesso lato della fronte di taglio.

La severità dell'infiammazione del nervo ed il grado di paralisi facciale sono fattori prognostici importanti, così in pieno il ripristino si presenta solitamente in pazienti con paralisi facciale parziale. L'età è egualmente un fattore prognostico importante, con i più giovani pazienti che recuperano più rapidamente. I fattori di rischio connessi con un cattivo risultato in persone commoventi comprendono i maggiori di 60 anni dell'età, paralisi completa come pure flusso o il gusto salivario in diminuzione dal lato della paralisi. Altro scompone relativo in fattori con i risultati meno favorevoli è lacrimation e dolore in diminuzione nell'area posteriore dell'orecchio.

Poiché la causa esatta di paralisi di Bell rimane evasiva, non c'è prevenzione o cura specifica disponibile. I tentativi del trattamento sono innestati verso il miglioramento della funzione di nervo facciale, la diminuzione dell'infiammazione di un neurone ed impedire le complicazioni che provengono dall'esposizione corneale. La cornea delle persone commoventi è specialmente a rischio dell'essiccamento dovuto una chiusura impropria del coperchio e una produzione in diminuzione degli strappi; quindi la prescrizione degli unguenti dell'occhio e del collirio di lubrificazione è raccomandata. Il supporto psicologico adeguato dovrebbe anche essere fornito nelle fasi iniziali della malattia.

L'uso dei corticosteroidi orali diminuire l'infiammazione del nervo facciale in pazienti con paralisi di Bell è supportato da prova ed il prednisone rimane il singolo migliore trattamento per questa circostanza. I farmaci antivirali (acyclovir, valacyclovir o famciclovir) possono aggiungersi al regime terapeutico, sebbene gli studi siano stati inconcludenti se forniscono un assegno complementare. Dato il profilo di sicurezza delle droghe suddette, i pazienti senza le controindicazioni specifiche e la presentazione entro tre giorni dell'inizio dei sintomi dovrebbero essere offerti una terapia di combinazione. Nei casi della paralisi completa del nervo facciale la tariffa del ripristino spontaneo è significativamente più bassa, quindi tali pazienti possono essere più probabili trarre giovamento da questo trattamento.

La decompressione chirurgica del nervo facciale in tre settimane dell'inizio a volte è raccomandata per i pazienti con perdita persistente di funzione (cioè maggiori di 90 per cento di perdita indicati sul electroneurography). La complicazione più frequente di tale approccio è una perdita dell'udito postoperatoria, pregiudicante fino a 15% dei pazienti. Poichè altri rischi sono egualmente imminenti, questo ambulatorio specifico dovrebbe essere considerato soltanto nei casi refrattari, dati la scarsità dei dati e la mancanza di consenso sull'argomento. La terapia fisica può accelerare il trattamento di ripristino e diminuire le conseguenze, ma le prove controllate ripartite con scelta casuale supplementari sono necessarie. Lo stimolo elettrico del nervo è un metodo suggerito di accelerazione del ripristino dei pazienti via stimolo invocato del muscolo.

Sorgenti

  1. http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMcp041120
  2. http://www.aafp.org/afp/2007/1001/p997.html
  3. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3907546/
  4. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2700557/
  5. http://www.ninds.nih.gov/disorders/bells/detail_bells.htm
  6. http://emedicine.medscape.com/article/1146903-overview

[Ulteriore lettura: Paralisi di Bell]

Last Updated: Feb 26, 2019

Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2019, February 26). Ripristino di paralisi di Bell. News-Medical. Retrieved on June 26, 2019 from https://www.news-medical.net/health/Bells-Palsy-Recovery.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Ripristino di paralisi di Bell". News-Medical. 26 June 2019. <https://www.news-medical.net/health/Bells-Palsy-Recovery.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Ripristino di paralisi di Bell". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Bells-Palsy-Recovery.aspx. (accessed June 26, 2019).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2019. Ripristino di paralisi di Bell. News-Medical, viewed 26 June 2019, https://www.news-medical.net/health/Bells-Palsy-Recovery.aspx.

Comments

  1. Rovita Katoch Rovita Katoch India says:

    I want to know when will improvement symptoms of bell's palsy be seen. Almost 10 days are over yet no improvement is seen rather it is increasing.
    Please need advice.

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post