Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Può il Resveratrol migliorare i sintomi di ansia e della depressione?

Il Resveratrol è un polifenolo naturale presente in più di settanta specie dell'impianto e può anche essere estratto dall'uva rossa nel corso del produrre il vino rosso.

Ricchi dell

Credito di immagine: Artemidovna/Shutterstock.com

Resveratrol

Il Resveratrol ha parecchie indennità-malattia potenziali. I ricercatori hanno studiato il potenziale del resveratrol di diminuire la malattia cardiovascolare e fungere da droga anticancro, trattamento antivirale e droga antinfiammatoria.

Tuttavia, malgrado i risultati di promessa dagli studi preliminari, i test clinici ancora devono essere effettuati per confermare l'efficacia e la sicurezza del resveratrol. La ricerca recente ha indicato che il resveratrol può avere un effetto potenziale di anti-sforzo bloccando l'espressione di un enzima che è associato con il controllo dello sforzo.

Quindi, il resveratrol è considerato un candidato potenziale per lo sviluppo dei trattamenti per ansia e la depressione.

I disordini depressivi importanti sono malattie psichiatriche serie che sono caratterizzate da alto comorbidity di ansia, di disordini di umore e della depressione. Queste malattie pesanti sono una causa importante degli anni persi di vita sana.

Il etiopathology sconosciuto di MDD rappresenta la complessità della farmacoterapia. La ricerca ha reso la prova che indica che lo sforzo continuo o l'eccessiva secrezione dell'ormone di sforzo piombo alla disfunzione dell'asse ipotalamico-pituitario-adrenale (HPA-A). Il cervello subisce una serie di alterazioni cellulari e molecolari che causano la ricostruzione maladaptive e le anomalie comportamentistiche.

Protezione di sforzo

Il Resveratrol è un composto trovato in molte specie dell'impianto compreso l'interfaccia ed i semi dell'uva e delle bacche. È collegato con la fosfodiesterasi 4 (PDE4) che è un enzima che è influenzato dal corticosterone, anche conosciuto come l'ormone di sforzo. Questo ormone regolamenta la risposta dell'organismo allo sforzo.

Lo sforzo estremo piombo ad un'eccessiva quantità di corticosterone rilasciata nel cervello che è la causa dei disturbi mentali quali ansia e la depressione. Il farmaco antideprimente corrente mette a fuoco sulle vie di modulazione della noradrenalina e della serotonina nel cervello.

Tuttavia, questo trattamento non è sempre efficace in pazienti con la depressione. Ciò significa che c'è una domanda crescente dello sviluppo di nuovo farmaco per questa circostanza.

Gli studi hanno suggerito i beni d'alleviazione del resveratrol in ratti. Gli studi più recenti per esplorare i beni del resveratrol facendo uso del modello animale sono stati intrapresi da Zhu e dai colleghi. La ricerca ha dimostrato che gli eccessivi importi del corticosterone inducono PDE4 che ha causato la depressione ed i comportamenti del tipo di ansia in mouse. La procedura in questione facendo uso di μM 100 del corticosterone che piombo all'induzione dei sottotipi di PDE4 in mouse: PDE2A, PDE3B, PDE4A, PDE4D, PDE10 e PDE11.

Il meccanismo di atto di PDE4 è via la riduzione dell'AMP ciclico. Il monofosfato di adenosina è una molecola del messaggero di cui il ruolo è di segnalare i cambiamenti fisiologici quali divisione cellulare, cambiamento o la morte il quale piombo ai cambiamenti fisici nel cervello. Inibendo l'espressione di PDE4, il resveratrol video gli effetti neuroprotective contro il corticosterone.

Ricerca relativa

I ricercatori dall'università medica di Xinxiang hanno raggruppato i ratti con la depressione indotta nei gruppi: controllo, dose bassa, dose media e gruppo della dose elevata. Il gruppo di controllo ha ricevuto salino mentre gli altri gruppi hanno ricevuto 10, 20 e 30mg/kg del resveratrol rispettivamente. Il trattamento continuato per 21 giorno. I risultati hanno rivelato un aumento nell'espressione della dopamina e della serotonina e di neuropeptide Y che svolgono un ruolo dell'antagonista nella depressione.

Rinforzatore Hippocampal di plasticità

Uno degli obiettivi principali della neuroscienza moderna sta trovando i modi di riparazione della plasticità hippocampal nei disordini neurologici e psichiatrici. La plasticità neurale è la capacità del cervello di rispondere ai cambiamenti nell'ambiente.

L'ippocampo genera continuamente i nuovi neuroni durante vita umana con un trattamento chiamato neurogenesis hippocampal adulto (AHN). Il Resveratrol che è stato riferito per avere beni antiossidanti ed antitumorali recentemente ha stimolato gli scienziati' interessa con il suo ruolo potenziale come induttore di plasticità neurale.

Lo sforzo è stato ampiamente accettato come fattore di rischio per la depressione. I modelli animali hanno suggerito questa esponendo i ratti allo sforzo delicato cronico imprevedibile (UCMS) che piombo alla visualizzazione dei comportamenti in relazione con depressiva.

I cambiamenti comportamentistici in risposta allo sforzo sono seguiti spesso dai cambiamenti hippocampal compreso AHN attenuato ed il fattore neurotrophic cervello-derivato (BDNF). Le iniezioni intraperitoneali del resveratrol in mouse non solo hanno indotto i simili effetti comportamentistici come farmaco antideprimente ma egualmente hanno riparato i livelli di BDNF.

In generale, i risultati della ricerca rivelano che il resveratrol può migliorare l'umore e la cognizione e migliorare AHN e la plasticità neurale. Tuttavia, c'è ancora una certa controversia intorno al ruolo del resveratrol in neuroplasticity hippocampal che fornisce risultati contraddittori indicati da alcuni studi.

Questi studi riferiscono l'effetto opposto del resveratrol cioè che inibisce AHN. Quindi, ulteriore ricerca è necessaria prima che il resveratrol possa essere considerato un modulatore stabilito di plasticità hippocampal e possa essere utilizzato nella prevenzione e nel trattamento delle circostanze neuropsichiatriche.

Osservazioni definitive

Anche se la ricerca ha avanzato notevolmente negli ultimi anni nel campo della neuroscienza e più specialmente nel trattamento e la prevenzione delle circostanze neuropsichiatriche c'è ancora parecchio da fare per trovare i metodi farmacologici novelli e per convalidare l'efficacia e l'applicazione di questi metodi. La ricerca preliminare ha dimostrato che il resveratrol ha il potenziale di migliorare i comportamenti indotti da stress cronici di ansia e della depressione nei modelli animali via l'inibizione di PDE4 o il potenziamento di plasticità hippocampal.

Determinati fattori quali la dose, lo stato, il modulo dell'amministrazione e la durata del trattamento ancora devono essere convalidati prima che i test clinici della larga scala possano essere condotti ed il resveratrol possa essere messo in pratica ed essere usato come componente del trattamento della popolazione clinica. Tuttavia, i risultati recenti stendono il fondamento per l'uso del resveratrol in farmaco antideprimente novello.

Riferimenti

Gu, Z. et al. (2019). L'effetto terapeutico del resveratrol sui mouse con la depressione. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30936978

Zhu, X. et al. (2019). Gli effetti del tipo di ansiolitico e dell'antideprimente del resveratrol: Partecipazione di inibizione di phosphodiesterase-4D. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S002839081930139X

Dias, G. ed altri (2016). Resveratrol: Un rinforzatore Hippocampal potenziale di plasticità. https://www.hindawi.com/journals/omcl/2016/9651236/abs/

Salehi, B.; Mishra, a.p.; Nigam, M.; Sener, B.; Kilic, M.; Sharifi-Rad, M.; Fokou, P.V.T.; Martins, N.; Sharifi-Rad, J. Resveratrol: Una spada a doppio taglio nelle indennità-malattia. Biomedicine 2018, 6, 91. 10.3390/biomedicines6030091

Last Updated: Jan 23, 2020

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.