Epidemiologia dell'ulcera molle

L'ulcera molle è una malattia sessualmente trasmessa che è causata dal ducreyi batterico di Haemophilus dell'agente patogeno. La circostanza è caratterizzata dalla presenza di lesioni non dure e ulcerate sugli organi genitali, connessi solitamente con la linfadenopatia inguinale dolorosa.

L'ulcera molle è un problema sanitario di salute pubblica sostanziale in molti paesi dei paesi in via di sviluppo. I preventivi sono che circa sette milione casi di questa malattia sono veduti universalmente; tuttavia, il fenomeno delle mancate denunce e le diagnosi sbagliate ostacolano le previsioni accurate della sua prevalenza e si spargono.

Epidemiologia internazionale

L'ulcera molle era una volta un isolato comune in cliniche attraverso l'Africa, America Latina e l'Asia, in cui la sua incidenza ha superato tutte le altre cause delle ulcere genitali combinate. Tuttavia, dopo del 2000 c'era un esteso uso degli approcci syndromic per la gestione sessualmente - delle infezioni trasmesse causate dagli agenti patogeni batterici, che hanno provocato un declino rapido dell'ulcera molle e la sua quasi-eliminazione in determinate zone dell'Africa del sud ed orientale.

In Africa Subsahariana, la prevalenza globale dell'ulcera molle in pazienti con le ulcere genitali ha diminuito da più di 60 per cento negli anni 70 meno di 15 per cento fra 2001 e 2005. Inoltre, la malattia era inosservabile nello Zambia e nel Kenya fra 2005 e 2010.

Sebbene la malattia sia rara negli Stati Uniti (US), gli scoppi sono stati riferiti nelle aree urbane. I numeri di caso sono in diminuzione dal 1941, con soltanto 24 documentato nel 2010 e 10 casi nel 2013. Ma sebbene la malattia sia considerata rara negli Stati Uniti, dovrebbe essere considerato quando valuta le persone ad alto rischio che presentano con le ulcere genitali dolorose.

La prevalenza bassa dell'ulcera molle osservata in Europa nelle ultime due decadi è collegata alle variazioni sia nella salute pubblica che nelle circostanze sociali. I dati di sorveglianza hanno dimostrato la prevalenza di ducreyi di Haemophilus fra 0,9 e 3 per cento nei pazienti dell'ulcera dalla Francia ed i Paesi Bassi.

Dal 2005, il ducreyi di Haemophilus è stato implicato nelle ulcere croniche dell'interfaccia trovate in bambini che risiedono nelle aree endemiche per la framboesia (un'infezione cronica dal batterio dello spirochete che pregiudica l'osso, la cartilagine e l'interfaccia) della regione del Pacifico Meridionale. Sebbene simile all'ulcera molle genitale nell'aspetto, questa malattia non sia trasmessa sessualmente, né provoca i linfonodi o la formazione ingrandetti del bubo.

Età, sesso e differenze razziali

L'ulcera molle è il più comunemente - veduto in persone di colore e uncircumcised (che non è sorprendente considerando la sua prevalenza endemica nelle regioni dell'Asia, dell'Africa e di America Latina). La circoncisione è stata indicata protettivo contro le infezioni dell'ulcera molle, ma anche per alcune altre malattie sessualmente trasmesse (quali sifilide ed il virus dell'immunodeficienza umana).

La probabilità di trasmissione da una persona infettata a non infetta è stimata come 0,35 per una singola esposizione sessuale. Il punto principale è quello in donne che le ulcere tendono ad essere infracliniche, con conseguente attività sessuali continue e frequentare i contatti che sono necessari per la diffusione del ducreyi di Haemophilus all'interno di una popolazione.

Questa malattia è osservata solitamente nei lavoratori di sesso commerciali, viaggiatori che aree endemiche visualizzate e generalmente nella gente dello standard socioeconomico più basso. Ancora, l'ulcera molle può pregiudicare le persone di tutta l'età, sebbene sia trovato solitamente in più giovane, persone dell'sessualmente-attivo (invecchiate fra 21 e 30 anni).

Comunque, l'ulcera molle non è letale e le lesioni genitali tendono a risolvere spontaneamente dopo 1-3 mesi - anche se sono lasciate non trattate. Tuttavia, se la terapia antimicrobica non è istituita, la suppurazione dei linfonodi inguinali può seguire, che possono anche progredire per rompersi e formazione di ulcera inguinale non curativa.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Feb 26, 2019

Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2019, February 26). Epidemiologia dell'ulcera molle. News-Medical. Retrieved on October 23, 2019 from https://www.news-medical.net/health/Chancroid-Epidemiology.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Epidemiologia dell'ulcera molle". News-Medical. 23 October 2019. <https://www.news-medical.net/health/Chancroid-Epidemiology.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Epidemiologia dell'ulcera molle". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Chancroid-Epidemiology.aspx. (accessed October 23, 2019).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2019. Epidemiologia dell'ulcera molle. News-Medical, viewed 23 October 2019, https://www.news-medical.net/health/Chancroid-Epidemiology.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post