Trattamento di leucemia mieloide cronica

Il trattamento della leucemia mieloide cronica punta su correggere i conteggi dei globuli in tre mesi, rimuovendo il midollo osseo delle celle che contengono il cromosoma Philadelphia in 12 mesi e che catturano il paziente ad una fase in cui la leucemia può essere individuata soltanto da una prova molecolare molto sensibile entro 18 mesi.

Trattamenti iniziali per CML

La leucemia mieloide cronica efficacemente è trattata presto con le terapie mirate a specifiche. Ciò comprende un gruppo di droghe chiamate gli inibitori della chinasi della tirosina che include le droghe come Iamtinib, Dasatinib, Nilotinib ecc.

Imatinib

Imatinib è iniziato presto dopo la diagnosi di CML. Nei casi rispondenti Imatinib rallenta con successo la progressione della malattia. Queste compresse sono richieste ogni giorno per vita e sono state molto efficaci.

È data solitamente non appena una diagnosi è fatta perché può rallentare la progressione del cancro e può efficacemente impedire la circostanza che raggiunge la fase accelerata o avanzata.

Imatinib è un tipo di inibitore della chinasi della tirosina. Blocca la proteina chiamata chinasi della tirosina. La chinasi della tirosina contribuisce normalmente a stimolare la crescita delle cellule tumorali. La chinasi della tirosina di didascalia diminuisce la produzione dei globuli bianchi anormali.

È disponibile come pillole e gli effetti secondari comprendono la nausea, vomitando, gonfiando nella fronte di taglio e gli arti inferiori, eruzione, diarrea e grappe del muscolo.

Nilotinib

10 - 40% dei pazienti di CML che catturano il imatinib diventano resistenti ai sui effetti ed hanno bisogno di una terapia alternativa. Questi pazienti possono essere curati con Nilotinib. Nilotinib funziona in un simile modo a Imatinib bloccando la chinasi della tirosina.

Gli effetti secondari comprendono il vomito, l'osteoalgia, il dolore addominale, i capelli e la perdita di appetito, i problemi di sonno, l'interfaccia asciutta, notte suda, l'intorpidimento, formicolare e vertigini.

Trattamento per i casi avanzati di CML

Le casse avanzate della leucemia mieloide cronica sono trattate facendo uso degli agenti della chemioterapia utili contro i cancri.

La chemioterapia ha un intervallo degli effetti secondari compresi soppressione di midollo osseo, l'anemia, tendenze d'emorraggia, infezioni, capelli e perdita di appetito, nausea e vomitare, stanchezza, la sterilità ecc.

Trapianti del midollo osseo e della cellula staminale

Il punto seguente nel trattamento è con i trapianti del midollo osseo e della cellula staminale. Questo metodo può offrire una maturazione nella leucemia cronica, tuttavia, è soltanto adatto ad alcuni pazienti.

La persona è data la chemioterapia della dose elevata prima del trapianto per uccidere fuori le cellule tumorali. Da allora in poi i globuli dal donatore sono iniettati nella persona in modo che lui o lei sia esente dal cancro.

I trapianti del midollo osseo sono carichi di rischi e di complicazioni potenziali e di effetto secondario. I trapianti hanno migliori risultati se il donatore ha lo stesso tipo del tessuto della persona che sta ricevendo la donazione.

Un fratello germano o un gemello è spesso la migliore corrispondenza. Nella maggior parte dei casi della leucemia cronica particolarmente fra i pazienti anziani, i rischi potenziali di trapianto lontano superano tutto il vantaggio.

Sorgenti

  1. http://www.nhs.uk/Conditions/Leukaemia-chronic/Pages/Treatment.aspx
  2. http://www.cancer.org/acs/groups/cid/documents/webcontent/003057-pdf.pdf
  3. http://www.lls.org/content/nationalcontent/resourcecenter/freeeducationmaterials/leukemia/pdf/cml.pdf
  4. http://www.medicine.wisc.edu/~williams/mayocml.pdf
  5. http://www.leukaemia.com/web/resources/pdf/2010_CML_Booklet.pdf
  6. http://bloodjournal.hematologylibrary.org/content/82/3/691.full.pdf
[Ulteriore lettura: Leucemia mieloide cronica]

Last Updated: Aug 23, 2018

Ananya Mandal

Written by

Ananya Mandal

Ananya is a doctor by profession, lecturer by vocation and a medical writer by passion. She specialized in Clinical Pharmacology after her bachelor's (MBBS). For her, health communication is not just writing complicated reviews for professionals but making medical knowledge understandable and available to the general public as well.

Advertisement

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post