Ritmo circadiano

Il ritmo circadiano si riferisce ai cambiamenti fisici, mentali e comportamentistici che si presentano nella maggior parte delle cose viventi sopra un ciclo di 24 ore, soprattutto regolamentati da indicatore luminoso o da oscurità dei dintorni. È distinto dall'orologio biologico, ma i due sono riferiti come i comandi dell'orologio biologico il ritmo circadiano ed i trattamenti relativi nell'organismo.

Ritmo circadiano naturale

Il ritmo circadiano è responsabile della regolamentazione dei periodi di sonnolenza e di veglia durante ogni giorno e notte. In una persona normale ed in buona salute, il ritmo immerge naturalmente ed aumenti, cambianti il livello di sonnolenza della persona.

Lo stimolo a dormire risultando dal ritmo circadiano alza fra le 2 di mattina e le 4 di mattina per la maggior parte della gente ed aumenta ancora nel pomeriggio fra la 1 del pomeriggio e le 3 del pomeriggio, sebbene i tempi esatti possano variare per ciascuno determinato. La resistenza di questi sollecita dipende dalla quantità di sonno nei giorni precedenti ed è più intensa quando una persona è sonno sfavorito. Contrario, il ritmo circadiano egualmente provoca i periodi di vigilanza aumentata altre volte del giorno.

Trattamenti fisiologici

Il ritmo circadiano è regolamentato dal nucleo suprachiasmatic (SCN) dell'ipotalamo nel cervello. Queste celle rispondono ai segnali di luci ed ombre dall'ambiente circostante tramite nervo ottico dagli occhi. Gli stimoli leggeri poi avviano il segnale dallo SCN ad altre parti del sistema nervoso centrale (CNS) regolamentare gli ormoni, le temperature corporee ed altri meccanismi che svolgono un ruolo.

Per esempio, quando gli occhi sono esposti all'più alta intensità di indicatore luminoso di mattina, i segnali di SCN per l'aumento del cervello la temperatura corporea, aumentano la produzione dell'ormone del cortisol e ritardano la versione dell'ormone della melatonina.

Ritmo circadiano in ritardo in adolescenti

È stato osservato che gli adolescenti tendono ad avere un ritmo circadiano in ritardo, riguardo ai bambini ed agli adulti. Ciò significa che i livelli della melatonina e del cortisol aumentano più successivamente e raggiungono un picco usuale, che può causare la difficoltà nell'ottenere di dormire. In alcuni casi, specialmente quando le routine di primo mattino sono necessarie per il banco o altre attività, gli adolescenti possono incontrare difficoltà ottenere abbastanza sonno e sono più probabili trasformarsi in in sonno sfavorito.

Ritmo circadiano e jet lag

Il viaggio internazionale ed il cambiamento delle fasce orarie possono interrompere la difficoltà naturale di causa e del ritmo circadiano che dorme, specialmente nei giorni primissimi mentre l'organismo regola al nuovo ambiente.

Disordini di sonno relativi

I disordini di sonno del ritmo circadiano comprendono un'anomalia nella sincronizzazione della vigilanza e della sonnolenza di una persona, che può avere un impatto sulla loro funzione quotidiana. Questi disordini includono:

  • Disordine in ritardo di fase di sonno (DSP): il più comune in adolescenti ed in giovani adulti, DSP comprende ritenere stanco e svegliare almeno due ore successivamente di è considerato normale.
  • Disordine avanzato di fase di sonno (ASP): il più comune in adulto di mezza età e più anziano, ASP comprende ritenere stanco ed alzarsi almeno due ore più in anticipo di è considerato normale.
  • Disordine del jet lag: accade quando una persona cambia rapidamente la fascia oraria (per esempio viaggio æreo), che allinea il ritmo male all'ambiente esterno
  • Disordine del lavoro a turni: accade quando l'orario di lavoro di una persona interrompe il periodo normale di sonno, che può causare la sonnolenza durante lo spostamento e cambiare i reticoli della sonnolenza.
  • Ritmo irregolare di sonno-risveglio: comprende un ciclo irregolare di sonno, spezzettato spesso in parecchi nomi durante tutta la giornata ed è collegato alla privazione di sonno e di insonnia
  • Tipo non sincronizzato: anche noto poichè il tipo non trascinato comprende un ciclo variabile di sonno che sposta più successivamente ogni giorno, indipendente all'indicatore luminoso nell'ambiente circostante.

Riferimenti

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Yolanda Smith

Written by

Yolanda Smith

Yolanda graduated with a Bachelor of Pharmacy at the University of South Australia and has experience working in both Australia and Italy. She is passionate about how medicine, diet and lifestyle affect our health and enjoys helping people understand this. In her spare time she loves to explore the world and learn about new cultures and languages.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Smith, Yolanda. (2018, August 23). Ritmo circadiano. News-Medical. Retrieved on February 25, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Circadian-Rhythm.aspx.

  • MLA

    Smith, Yolanda. "Ritmo circadiano". News-Medical. 25 February 2020. <https://www.news-medical.net/health/Circadian-Rhythm.aspx>.

  • Chicago

    Smith, Yolanda. "Ritmo circadiano". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Circadian-Rhythm.aspx. (accessed February 25, 2020).

  • Harvard

    Smith, Yolanda. 2018. Ritmo circadiano. News-Medical, viewed 25 February 2020, https://www.news-medical.net/health/Circadian-Rhythm.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.