Variazioni di lunghezza di ritmo circadiano - uccelli e nottambuli in anticipo

I ritmi circadiani sono cambiamenti biologici ciclici che comprendono fucntioning fisico, mentale e comportamentistico di un organismo, dopo un ciclo di circa 24-25 ore. Il loro regolatore principale è luci ed ombre nell'ambiente. Sono sorprendente onnipresenti, essendo presenti in esseri umani, in animali, in piante, in insetti e perfino in microbi. Il loro studio comprende il campo la cronobiologia.

Orologi biologici

I ritmi circadiani devono la loro regolarità ed avvenimento agli orologi biologici intrinsechi che funzionano all'interno di molti organi dell'organismo, compreso il cervello. Questi orologi sono gruppi di raggruppamenti molecolari sensibili all'interno delle celle specializzate in tutto l'organismo e tutti gli orologi sono regolamentati da un orologio principale all'interno della regione ipotalamica del cervello.  

All'interno della regione ipotalamica, questo orologio principale è situato nel nucleo suprachiasmatic (SCN), contenente circa 20 000 neuroni. Riceve gli impulsi indotti dalla luce dalle celle retiniche fotosensibili intrinseche del ganglio (ipRGCs) che sono fotoricettori speciali non capaci di formazione dell'immagine ma può da percepire la presenza di indicatore luminoso.

Ritmi circadiani e variazione determinata

I ritmi circadiani variano fra le persone a causa della variazione genetica inerente fra gli organismi. Ciascuno determinato egualmente è influenzato dalle indicazioni dall'ambiente, dal segnale principale o dallo zeitgeber che sono stato indicatore luminoso. Tali indicazioni passano i geni specifici inserita/disinserita per risistemare gli orologi biologici.

Ritmi circadiani e funzioni fisiologiche

I ritmi circadiani hanno effetti significativi sulla sincronizzazione e sulla durata di parecchie funzioni fisiologiche compreso la vigilanza, delle funzioni vitali quali il battito cardiaco e la pressione sanguigna, della temperatura corporea, dei reticoli della secrezione dell'ormone e del sonno. Il loro dysregulation può causare l'insonnia ed altri disordini di sonno. La rottura di questi ritmi egualmente è stata collegata a parecchi disordini metabolici quali il diabete e l'obesità come pure alle malattie psichiatriche compreso la depressione, il disordine bipolare e la depressione affettiva stagionale.

L'indicatore luminoso artificiale alla notte, particolarmente una volta cronometrato inadeguato relativamente all'orologio biologico, può piombo alle perturbazioni severe dei ritmi biologici. Ciò altera inevitabilmente la fisiologia normale, che è innestata verso la preparazione per i cambiamenti biologicamente dettati nell'ambiente fisico e nell'attività (come nascondersi dai predatori durante la notte e lavoro di giorno).

Questa attività interna di cronometraggio egualmente assicura che i trattamenti corporei si presentino nel sincrono con le chiamate su loro in diversi momenti, come essere attenta quando l'attività è preveduta e abbassantesi quando il sonno è richiesto. il Dys-sincrono fra l'esterno e l'ambiente interno è associato con gli effetti contrari di lungo termine o immediati sulla salubrità e sul benessere dell'organismo.

Lunghezza di sonno, sincronizzazione e ritmi circadiani

Il sonno è stato specialmente buono studiato relativamente ai ritmi circadiani. Lo SCN secerne la melatonina in un reticolo specifico in risposta ad indicatore luminoso ambientale. La notte induce la produzione della melatonina ad aumentare, che avvia l'inizio della sonnolenza.

Il programma di sonno-risveglio differisce fra le persone ed è più ovvio relativamente alla vigilanza di sera o di mattina. Qualche gente è tipo persone di mattina (o allodole del `) e sveglia presto, picco presto, ma si abbassa relativamente presto nella notte. Altri (i nottambuli del `) svegliano soltanto entro il tarda mattinata o il mezzogiorno, ma hanno produttività di punta nella sera o alla notte e dormono fino a tardi. Questa tendenza è manifestata fin dai primi anni di banco.

Il calo di temperatura interna che precede il sonno è differente in questi due tipi, come è il ritmo della secrezione della melatonina. Ciò suggerisce che i ritmi biologici siano egualmente fondamentalmente differenti nella fase fra i tipi, sebbene i bisogni sociali possano imporre una similarità superficiale al loro comportamento riguardo alla sincronizzazione di sonno.

Cioè il tipo la gente di mattina può realmente andare a dormire dopo il tempo suggerito dal loro calo circadiano della temperatura, per conformarsi alla convenzione sociale.  È significativo che la ricerca successiva ha evidenziato una maggior differenza fra questi chronotypes riguardo al picco e la vigilanza della depressione, variante quattro - sei ore.

È stato suggerito che un ritmo circadiano di meno di 24 ore predisponesse uno al chronotype di mattina mentre un orologio di longer-than-24-hours può dirigersi verso chronotype del nottambulo del `'. Oltre alla genetica, la routine quotidiana, l'età ed altri stati di salute, possono tutta contribuire al chronotype.

Riferimenti

  1. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3630920/
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK19956/
  3. https://www.nigms.nih.gov/education/pages/Factsheet_CircadianRhythms.aspx
  4. http://healthysleep.med.harvard.edu/healthy/science/variations/individual-variation-genetics

Further Reading

Last Updated: Mar 21, 2019

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, March 21). Variazioni di lunghezza di ritmo circadiano - uccelli e nottambuli in anticipo. News-Medical. Retrieved on May 30, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Circadian-rhythm-length-variations-early-birds-and-night-owls.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Variazioni di lunghezza di ritmo circadiano - uccelli e nottambuli in anticipo". News-Medical. 30 May 2020. <https://www.news-medical.net/health/Circadian-rhythm-length-variations-early-birds-and-night-owls.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Variazioni di lunghezza di ritmo circadiano - uccelli e nottambuli in anticipo". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Circadian-rhythm-length-variations-early-birds-and-night-owls.aspx. (accessed May 30, 2020).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. Variazioni di lunghezza di ritmo circadiano - uccelli e nottambuli in anticipo. News-Medical, viewed 30 May 2020, https://www.news-medical.net/health/Circadian-rhythm-length-variations-early-birds-and-night-owls.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.