Celle e citochine dentritiche

Le celle dentritiche sono celle immuni innate importanti che svolgono un ruolo chiave nella modellatura della risposta immunitaria dell'organismo. Pricipalmente sorgono nel midollo osseo e circolano nel sangue per raggiungere i siti in cui sono richieste.

Le celle dentritiche possono indurre una risposta immunitaria iniziale in linfociti T inattivi o di riposi. Per fare questa, le celle dentritiche catturano gli antigeni dagli organismi d'invasione, che elaborano e poi presente sulla loro superficie delle cellule, con le molecole necessarie di co-stimolo o dell'accessorio. dovuto questa capacità di elaborare e presentare gli antigeni, le celle dentritiche si riferiscono a come antigene che presenta le celle (APCs). Sebbene tutte le celle dentritiche possano eseguire la presentazione di antigene per stimolare le celle di T del naïve, i tipi differenti di celle dentritiche hanno gli indicatori distinti e posizioni differenti. Egualmente differiscono nelle vie migratori, la loro funzione immunologica e quanto la loro generazione dipende dagli stimoli infiammatori. Oltre alla loro capacità di attivare le celle di T del naïve, le celle dentritiche svolgono un ruolo nell'aiuto la differenziazione a cellula T regolatrice e dello sviluppo di tolleranza a cellula T.

Le celle dentritiche stanno comunicando continuamente con altri somatociti. Questa comunicazione può essere raggiunta attraverso il contatto della cella--cella via interazione dei ricevitori della superficie delle cellule. Per esempio, le proteine della membrana presenti sulla superficie delle celle dentritiche dalla famiglia B7 interagiscono con la proteina di ricevitore CD28 presente sui linfociti.

Tuttavia, questa comunicazione fra le celle può anche accadere indirettamente e ad una distanza via le citochine. Le citochine sono cella che segnala le molecole che aiutano la comunicazione fra le celle nelle risposte immunitarie e stimolano il movimento delle celle immuni ai siti dell'infezione o il trauma dove sono necessarie.

Per esempio, in vivo l'attivazione delle celle dentritiche facendo uso dei frammenti del microbo causa la loro produzione rapida (IL) di interleukin-12, una citochina che aiuta l'attivazione delle celle di T del naïve CD4+ e del loro movimento verso i linfociti T helper. Ciò finalmente piombo al sistema immunitario che è innescato ed attivato per attaccare tutte le celle nell'organismo che presentano l'antigene originalmente video sulla superficie della cella dentritica.

Le citochine differenti sono prodotte secondo il tipo di cella dentritica in questione. Per esempio, le celle dentritiche del plasmocytoid possono produrre gli alti livelli degli interferoni di tipo 1, che piombo all'assunzione di un altro tipo di APC chiamato un macrofago che può inghiottire e distruggere gli agenti patogeni.

Le celle dentritiche hanno molti trattamenti citoplasmici che fornisce una grande area per stabilire il contatto altre celle circostanti quali i neutrofili, le celle di uccisore naturali e le celle di T. Gli esperimenti hanno indicato che appena una cella dentritica matura è necessaria attivare 100 - 3.000 celle di T. Nell'organismo, i precursori dentritici delle cellule entrano dal midollo osseo nella circolazione sanguigna da cui possono raggiungere quasi tutto il tessuto non linfoide. Rimangono in questi tessuti nel loro modulo inattivo in cui campionano costantemente l'ambiente con la fagocitosi e il endocytosis. I loro trattamenti citoplasmici estendono attraverso le giunzioni epiteliali, permettendoli di campionare gli antigeni anche in assenza di tutta l'infezione o infiammazione ovvia.

Quando un agente patogeno invade, le celle dentritiche inattive residenti individuano l'invasore attraverso le proteine citate come ricevitori di riconoscimento di forme. Dopo la cattura degli antigeni, poi lasciano il tessuto e si muovono attraverso l'endotelio dei canali della linfa e nei linfonodi di scarico. Questa migrazione è guidata dai chemokines quali CCL21 e CCL19. Mentre le celle dentritiche migrano dalle periferie, maturano sia dal punto di vista funzionale che fenotipico. Poi fermano il bloccaggio dell'antigene mentre upregulating la loro espressione delle molecole quali CD86, CD80 ed il ricevitore CCR7 di chemokine. Egualmente rilasciano le citochine che promuovono l'infiammazione quali IL-12 e TNF-α. Una volta nei linfonodi, le celle dentritiche migrano ai siti in cui cellule T ed eseguono la presentazione di antigene.

Il ruolo che molto importante le celle dentritiche giocano nella modellatura della risposta a cellula T agli antigeni rende a queste celle gli obiettivi popolari della ricerca per lo sviluppo delle terapie dimodulazione per i termini quali la malattia autoimmune, il cancro e la malattia del trapianto contro l'ospite. La conoscenza e la comprensione delle celle dentritiche si è sviluppata significativamente durante le ultime tre decadi, ma l'uso di queste celle come modulo di immunoterapia è ancora nelle fasi iniziali stesse.

Sorgenti

  1. didattica.uniroma2.it/.../cellule_dendritiche1.pdf
  2. http://www.rockefeller.edu/labheads/steinman/pdfs/1998-nature.pdf
  3. http://www.immunomix.com/pdf/2.%20Dendritic%20cell%20therapy.pdf
  4. http://www.enii.org/upload/doc/doc4666b3c13c94d.pdf
  5. http://www.ebioscience.com/knowledge-center/antigen/cytokines/dendritic-cells.htm
  6. http://c.ymcdn.com/sites/www.celltherapysociety.org/resource/resmgr/files/PDF/Resources/OnLine_Dendritic_Education_Brochure.pdf

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally has a Bachelor's Degree in Biomedical Sciences (B.Sc.). She is a specialist in reviewing and summarising the latest findings across all areas of medicine covered in major, high-impact, world-leading international medical journals, international press conferences and bulletins from governmental agencies and regulatory bodies. At News-Medical, Sally generates daily news features, life science articles and interview coverage.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2018, August 23). Celle e citochine dentritiche. News-Medical. Retrieved on November 12, 2019 from https://www.news-medical.net/health/Dendritic-Cells-and-Cytokines.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "Celle e citochine dentritiche". News-Medical. 12 November 2019. <https://www.news-medical.net/health/Dendritic-Cells-and-Cytokines.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "Celle e citochine dentritiche". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Dendritic-Cells-and-Cytokines.aspx. (accessed November 12, 2019).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2018. Celle e citochine dentritiche. News-Medical, viewed 12 November 2019, https://www.news-medical.net/health/Dendritic-Cells-and-Cytokines.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post