Estrogeno come trattamento per la malattia del Parkinson

La malattia del Parkinson è un disordine neurodegenerative caratterizzato clinicamente da discinesia (danno di movimento), tremito di riposo, bradicinesia (movimenti lenti), distonia (rigidezza dei muscoli compreso i muscoli facciali), una posizione abbassata, sbavare, una disfunzione sessuale ed urinaria ed i sintomi in alcuni casi psichiatrici compreso psicosi, demenza e la depressione.

la malattia di parkinsonCredito di immagine: Kateryna Kon/Shutterstock.com

Parkinson è egualmente più prevalente negli uomini che in donne da un rapporto di 3:2. Al centro di patologia della malattia del Parkinson, i neuroni dopaminergici nel nigra di substantia (striatum) degenerano progressivamente col passare del tempo per causare i sintomi.

Estrogeno ed il sistema dopaminergico di Nigrostriatal

Poiché la malattia del Parkinson è 50% più prevalente negli uomini che le donne e perché alcune droghe dopaminergiche usate per curare diversamente gli uomini e le donne di influenza della malattia del Parkinson, è pensato che l'estrogeno possa essere protettivo nella malattia del Parkinson.

È conosciuto che l'estrogeno può legare ai ricevitori all'interno delle celle nello striatum per regolamentare l'espressione genica; tuttavia, i meccanismi da cui l'estrogeno può fare questo sono ancora capiti male, mentre gli effetti sono probabilmente attraverso i meccanismi non genomica.

Gli studi hanno indicato che l'estrogeno può modulare la sintesi nigrostriatal della dopamina e la versione successiva. l'estrogeno Intraperitoneale-amministrato in mouse piombo agli aumenti rapidi nella sintesi della dopamina dall'interno dei terminali nigrostriatal dell'assone.

Ancora, l'estrogeno può rilasciare immediatamente la dopamina senza vuotare la dopamina in ratti. Egualmente è stato osservato che l'attività dopaminergica è più alta durante l'estro che segue un impulso in estrogeno.  

Studi sugli animali cellulari e

Gli studi facendo uso delle culture dei neuroni incubati con estrogeno hanno trovato che i neuroni erano resistenti al apoptosis (morte delle cellule) indotto dal solfato della bleomicina.

Rinforzi che l'estrogeno stava proteggendo i neuroni dalla lesione era dovuto il apoptosis che accade dopo specificamente il blocco del ricevitore dell'estrogeno con un antagonista. Neuroni coltivati tematici a neurotossicità glutammato-mediata anche impedita di preincubazione dell'estrogeno, un meccanismo comune della morte di un neurone.

Modelli animali di Parkinson dell'uso MPTP o 6-OHDA tipicamente indurre morte di un neurone dopaminergica nigral selettiva. L'estrogeno è stato indicato per promuovere la sopravvivenza di un neurone in tali modelli di Parkinson, probabilmente dovuto la capacità dell'estrogeno di interferire con l'associazione della dopamina per la ricaptazione ai siti presinaptici.

Come tale, l'estrogeno può ai beni confer protettivi ai neuroni dopaminergici alterando i livelli di riciclaggio della dopamina. 6-OHDA egualmente uccide selettivamente i neuroni dopaminergici nel nigra di substantia, ma il pretrattamento con estrogeno via le capsule della del tempo versione ha dimostrato la protezione con successivamente più in basso svuotamento della dopamina.

Un altro meccanismo chiave da cui i neuroni muoiono selettivamente in varie malattie neurodegenerative è quello dello sforzo ossidativo. È stato dimostrato che l'estrogeno può proteggere i neuroni con i sui effetti antiossidanti. L'estrogeno può diminuire significativamente la formazione di radicali liberi tossici del perossido e dell'ossido di azoto di idrogeno in neuroni coltivati.

Studi clinici

Gli studi clinici recenti hanno indicato l'effetto benefico di estrogeno sulla prognosi della malattia del Parkinson. Uno studio ha studiato 40 donne postmenopausali con la malattia del Parkinson, di cui 20 hanno ricevuto l'estrogeno 0.6mg e gli altri 20 hanno ricevuto un placebo su un periodo di otto settimane.

La funzione di motore è stata migliorata significativamente nel gruppo che riceve l'estrogeno. I punteggi del motore sono migliorato da 3,5 punti per il gruppo dell'estrogeno confrontato a meno di 0,4 punti per il gruppo del placebo.

In un piccolo studio di 8 donne postmenopausali con Parkinson, le donne hanno ricevuto l'estrogeno 0.1mg/kg o un placebo per i dieci giorni. Il loro farmaco è stato ritirato e sono state infuse con L-DOPA.

In questo studio, la dose soglia di L-DOPA stato necessario per fornire un effetto benefico è stata diminuita nel gruppo che cattura l'estrogeno, ma non hanno mostrato miglioramento significativo nei sintomi. Questo studio, tuttavia, soltanto esaminato l'effetto per i dieci giorni confrontati ad otto settimane nello studio precedente e si permette di suggerire che l'estrogeno conferisca effetti più duraturi che richiedono tempo iniziare.

Altri studi hanno indicato l'effetto benefico di estrogeno sui sintomi conoscitivi connessi con Parkinson e demenza, che è comunemente comorbid con Parkinson. Uno studio che esamina oltre 10000 pazienti anziani ha trovato che i pazienti diagnosticati con Parkinson facendo uso di estrogeno ha regolarmente significativamente meno danno conoscitivo che coloro che non ha usato l'estrogeno.

Tuttavia, questo era uno studio d'osservazione e non uno studio controllato ripartito con scelta casuale; quindi, altri fattori possono contribuire a questo effetto.

Finora, tutto lavoro dell'estrogeno è stato studi in femmine e può spiegare le differenze del sesso nell'inizio e nella prevalenza di Parkinson in donne confrontate agli uomini. Facendo uso di un modello del mouse di Parkinson, i ricercatori hanno studiato gli effetti della terapia cervello-selettiva dell'estrogeno sulla patologia dei mouse di Parkinson. Di topo maschio hanno sviluppato i mouse femminili molto più rapidi di Parkinson.

La ragione per questa era che le femmine video un più alto tetramero dell'alfa-synuclein al rapporto del monomero. il trattamento Cervello-selettivo dell'estrogeno in di topo maschio piombo allo stesso aumento nel tetramero dell'alfa-synuclein al rapporto del monomero ed è stato associato con miglioramento di patologia Parkinsonian aumentando autophagy dei monomeri.

Riassumendo, l'estrogeno sembra avere un effetto neuroprotective contro i neuroni dopaminergici nel nigra di substantia. Gli effetti di questo possono soltanto essere delicati moderare ed essere pertinente soltanto ad alcuni dei sintomi di Parkinson (quali i sintomi del non motore) ma possono provare utile congiuntamente ad altri farmaci, quale L-DOPA.

I meccanismi che sono alla base di questi effetti ancora devono essere studiati correttamente prima dello sviluppo ai dei trattamenti basati a estrogeno in donne e negli uomini con Parkinson. Tuttavia, l'estrogeno può finalmente servire un ruolo nella prevenzione e nel trattamento della malattia del Parkinson.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Nov 13, 2019

Osman Shabir

Written by

Osman Shabir

Osman is a Neuroscience PhD Research Student at the University of Sheffield studying the impact of cardiovascular disease and Alzheimer's disease on neurovascular coupling using pre-clinical models and neuroimaging techniques.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Shabir, Osman. (2019, November 13). Estrogeno come trattamento per la malattia del Parkinson. News-Medical. Retrieved on December 10, 2019 from https://www.news-medical.net/health/Estrogen-as-a-Treatment-for-Parkinsone28099s-Disease.aspx.

  • MLA

    Shabir, Osman. "Estrogeno come trattamento per la malattia del Parkinson". News-Medical. 10 December 2019. <https://www.news-medical.net/health/Estrogen-as-a-Treatment-for-Parkinsone28099s-Disease.aspx>.

  • Chicago

    Shabir, Osman. "Estrogeno come trattamento per la malattia del Parkinson". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Estrogen-as-a-Treatment-for-Parkinsone28099s-Disease.aspx. (accessed December 10, 2019).

  • Harvard

    Shabir, Osman. 2019. Estrogeno come trattamento per la malattia del Parkinson. News-Medical, viewed 10 December 2019, https://www.news-medical.net/health/Estrogen-as-a-Treatment-for-Parkinsone28099s-Disease.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post