Ipotesi del falso allarme dell'allergia alimentare

Le allergie alimentari sono una tendenza aumentare durante le tre decadi scorse o così, unicamente in paesi su una dieta occidentalizzata. Queste circostanze sono non solo potenzialmente serie in se stessi ma spesso annunziano ed aprono la strada per altri disturbi cronici, asma, la congiuntivite e rinite più specificamente allergiche.

Ci sono molte ipotesi che provano a spiegare il meccanismo di fondo che induce una persona a sviluppare un'allergia alimentare. Gli esempi correnti includono; l'ipotesi dell'igiene, la sincronizzazione dell'introduzione dell'alimento, i bassi livelli di vitamina D ed altri fattori, ma queste teorie completamente non spiegano l'aumento nelle allergie alimentari nel corso degli ultimi decenni. Tuttavia, la teoria di allergia alimentare del falso allarme introduce l'associazione della dieta e dell'aumento occidentalizzati nelle allergie alimentari.

Meccanismi dell'allergia alimentare

Alcune delle ipotesi più comuni per l'allergia alimentare includono:

  • L'ipotesi dell'igiene

Manifestazione di studi sugli animali che allevare gli animali dalla nascita negli ambienti altamente sterili provoca lo sviluppo delle allergie, caratterizzato dalla dominazione Th2 e dalle reazioni anafilattiche. L'ipotesi dell'igiene mette l'enfasi sull'influenza del tipo e della diversità di microbiota umano, con la sincronizzazione dell'esposizione a questi antigeni. È rinforzata tramite l'osservazione che il probiotics e il prebiotics diminuiscono l'incidenza di queste circostanze. Un altro pezzo di prove a sostegno è la riduzione delle infezioni severe concomitante all'aumento nelle allergie e nella malattia autoimmune.

  • La sincronizzazione dell'introduzione dell'alimento

Il tempo quando gli alimenti complementari sono presentati egualmente svolge un ruolo nello sviluppo di tolleranza. Per questo motivo, l'introduzione delle arachidi nell'infanzia ora sta raccomandanda per diminuire l'incidenza dell'allergia dell'arachide in bambini ad ad alto rischio.

  • Bassi livelli di vitamina D

Gli infanti con i bassi livelli di cholecalciferol sembrano avere un elevato rischio delle allergie ai certi alimenti, particolarmente uovo ed arachide. Così l'esposizione alla luce solare deve essere adeguata impedire lo sviluppo di allergia.

  • Altri fattori

L'uso degli antibiotici, gli antiacidi e la diversità degli acidi grassi e di altre componenti dell'alimento nella dieta sono egualmente contributori importanti all'allergia alimentare.

Immunità innata ed adattabile

In generale, le allergie alimentari mediate da IgE possono essere considerate un modulo difettoso di adattamento ad una sostanza non nociva ed in effetti utile, di modo che l'organismo monta una reazione immunologica istruita contro di in un modo inadeguato.

Tuttavia, l'immunità innata egualmente è interessata molto attentamente delle allergie, compreso le celle linfoidi e le barriere mucose o epiteliali all'infiltrazione microbica nell'organismo. Il sistema immunitario innato è molto responsabile della guida dello sviluppo di immunità adattabile.

Il ruolo dei alarmins

Alarmins è prodotti chimici che sono rilasciati dalle celle di morte e contribuiscono ad avvertire del pericolo ed a attirare le celle immuni verso il sito per combattere la minaccia. Un tale alarmin importante è l'alta casella di gruppo di mobilità 1 (HMGB1) che è secernuto dalle celle dentritiche attivate in presenza di infiammazione, o dal riconoscimento di determinati reticoli molecolari agente-collegati e che piombo all'attivazione ed alla proliferazione a cellula T.

HMGB1 come pure altri alarmins, legatura all'immunoglobulina hanno chiamato il ricevitore per i prodotti finiti glycated avanzati (COLLERA) ed altri ricevitori quali i ricevitori del tipo di tributo (TLR) per iniziare ulteriori reazioni immunologiche ed infiammatorie. TLR-4 funge da agonista insieme a HMGB1 per migliorare la risposta allergica.

Dall'l'attivazione indotta da associazione della COLLERA promuove i cambiamenti infiammatori ed allergici compreso ipersensibilità ed asma della galleria di ventilazione. Tuttavia, i prodotti finiti avanzati di glycation (ETÀ) egualmente attivano la COLLERA. Purtroppo, il diabete incoraggia il glycation di molte proteine nell'organismo. L'ETÀ egualmente è contribuita dalla dieta occidentale tipica che i grassi animali e le proteine delle funzionalità hanno cucinato alle temperature elevate, permettendo al glycation degli amminoacidi esposti rompendo la struttura del peptide. Ciò è la reazione di Maillard ed è importante nel produrre gli alimenti croccanti o dorati. L'ETÀ è egualmente abbondante in alimenti microonda-cucinati.

L'aspetto importante è che le celle dentritiche sono critiche nelle risposte immunologiche cominciare. Quando la COLLERA attiva queste celle, quindi, la persona è incline stata sensibilizzata agli allergeni che sono innocui. Così l'associazione della COLLERA da HMGB1, S100 ed altri simili leganti, provoca l'assunzione di altre citochine. Quando la COLLERA è su T o su un linfocita B, la serie di eventi risultante provoca solitamente le risposte immunologiche generalizzate e non una risposta specifica ad un'ETÀ.

ETÀ e la dieta occidentale

La relazione fra l'ETÀ, le allergie e la dieta occidentale è una domanda che attende una risposta definitiva. Tuttavia, è vero che il fruttosio è metabolizzato ad una quantità significativa di acido urico che comunica la sensibilità agli allergeni inalati e rafforza le risposte Th2 durante l'allergia. Troppo acido urico può facilitare così le allergie alimentari via l'attivazione delle celle dentritiche.

I ricchi dell'alimento nell'ETÀ include gli zuccheri, alimento microwaved, alimento sterilizzato con la sterilizzazione nell'autoclave, alimento altamente trasformato, carne arrostita col barbecue o arrostita e dessert. Questi sono consumati più comunemente in famiglie ricche, che è coerente con il più alta incidenza dell'allergia alimentare in tali famiglie. Questo reticolo cambia verso il cibo più sano, tuttavia, nelle famiglie più ricche.

Riferimenti

  1. http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0091674916306182
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26377870
  3. http://lifeinthefastlane.com/false-alarmin-missing-link-rise-food-allergies/

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2018, August 23). Ipotesi del falso allarme dell'allergia alimentare. News-Medical. Retrieved on September 16, 2019 from https://www.news-medical.net/health/False-Alarm-Hypothesis-of-Food-Allergy.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Ipotesi del falso allarme dell'allergia alimentare". News-Medical. 16 September 2019. <https://www.news-medical.net/health/False-Alarm-Hypothesis-of-Food-Allergy.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Ipotesi del falso allarme dell'allergia alimentare". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/False-Alarm-Hypothesis-of-Food-Allergy.aspx. (accessed September 16, 2019).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2018. Ipotesi del falso allarme dell'allergia alimentare. News-Medical, viewed 16 September 2019, https://www.news-medical.net/health/False-Alarm-Hypothesis-of-Food-Allergy.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post