Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ferrofluid e Cancro

Dalla H H Patel, M.Pharm.

Ferrofluids è sospensioni colloidali delle particelle magnetiche nei portafili liquidi, che sono magnetizzate in presenza di un campo magnetico. Questi possono essere composti di ferro, di nichel, o di cobalto e mostrano i beni magnetici.

Le particelle sono in genere circa 10 nanometro di diametro e possono essere sospese in petrolio o acqua. Ferrofluids egualmente è chiamato nanoparticelle magnetiche (MNPs) o perle magnetiche (MBs). Ferrofluids in primo luogo è stato presentato indipendente al mondo negli anni 60 dai laboratori della NASA Lewis e dai sistemi spaziali di AVCO.

Credito di immagine: Nneirda/Shutterstock
Credito di immagine: Nneirda/Shutterstock

Sintesi

le particelle magnetiche Nano di taglia (per esempio ossido di ferro) possono essere sintetizzate in molti modi. Una tale reazione è coprecipitando la magnetite (magnetite) con ammoniaca (NH3) da una soluzione del ferro:

2FeCl3 + → di 8NH3+ + di FeCl2 4H2O magnetite + 8NH4Cl

Molto MNPs utilizzato nei delivery system mirati a è chimicamente gli ossidi di ferro.

L'ossido di ferro può essere direttamente citotossico dovuto la formazione di radicali liberi dell'azoto e dell'ossigeno. Di conseguenza, MNPs principalmente è preparato facendo uso di metodologia dello memoria-shell che presenta parecchi vantaggi:

  • protegge il nucleo magnetico dall'ossidazione
  • impedisce la formazione di cumuli e di agglomerati dovuto la forza di Van der Waals, l'effetto idrofobo e le attrazioni magnetiche
  • protegge la superficie da tutte le reazioni chimiche (d) amplia la tariffa cellulare di assorbimento e
  • facilita i vari collegamenti terapeutici.

Il nucleo magnetico di una nanoparticella dell'ossido di ferro comprende la magnetite (magnetite) e/o il maghemite (‑ Fe2O3 del γ), mentre il cappotto si compone dei composti organici quali i tensioattivi, polimeri sintetici/naturali ed i materiali inorganici come carbonio, la silice, gli ossidi, o i metalli preziosi.

Ferrofluids nella terapia del Cancro

Il Cancro è un uccisore importante dappertutto. Durante i parecchi decenni passati, la chemioterapia, la radioterapia e l'ambulatorio sono stati le componenti principali della gestione del cancro. Tali trattamenti possiedono i loro propri vantaggi e svantaggi.

Sia la chemioterapia che la radioterapia sono non selettive nei loro effetti, pregiudicando le celle in buona salute come pure quelle cancerogene, sebbene la radioterapia abbia localizzato gli effetti. Inoltre, questo trattamento è effettuato al livello organo/del tessuto, non al livello cellulare; quindi, le probabilità di causare il danno alle celle in buona salute aumentano.

Il trattamento del cancro tramite rimozione chirurgica è un altro riuscito metodo, ma è impossible da effettuare la chirurgia in tutti i casi, poichè alcune posizioni sono inaccessibili, quale l'interno profondo del cervello o del fegato. Inoltre, l'ambulatorio non è un'opzione in presenza della metastasi diffusa del tumore.

Tutti i tali trattamenti convenzionali hanno ad accesso limitato in altro un o modo e mancano della selettività di atto verso le celle del tumore. C'è molto bisogno di una tecnica che mira alle celle del tumore specificamente.

Facendo uso di MNPs come portafili della droga nel cancro mirato alla terapia offre le buone occasioni della maturazione del cancro, poichè l'uso di tali portafili diminuisce gli effetti secondari pertinente ai trattamenti convenzionali. I farmaci possono essere mirati a per trattare le posizioni desiderate dentro l'organismo con l'aiuto dei beni magnetici dei ferrofluids.

Approccio fluido magnetico (MFH) di ipertemia

MFH usa MNPs congiuntamente al calore. Può trattare i tumori che si trovano in profondità all'interno delle aree dell'organismo quali il cranio ossuto (glioblastoma) ed il bacino (prostata/carcinoma cervicale). Il trattamento comprende l'amministrazione delle nanoparticelle magnetiche nel tumore seguito dall'esposizione ad un campo (AC) magnetico di corrente alternata.

Le cellule tumorali che aderiscono a MNPs sono esposte al campo magnetico alternante (AMF) ed alla temperatura è collocata sopra il calore 42-46°C. altera alcune molecole del ricevitore sulla superficie della cellula tumorale, che migliora il loro riconoscimento dalle celle di uccisore naturali.

La grande promessa di ferro dell'ossido di manifestazione superparamagnetica di nanoparticelle (SPIONs) nelle applicazioni biomediche poichè sono abbastanza piccole essere usate al livello cellulare e video il comportamento magnetico soltanto in presenza di un campo magnetico.

Nel 2005, gli studi clinici di prima fase 1 sono stati intrapresi in pazienti con il tumore prostatico ricorrente che ha concluso che l'ipertemia magnetica è una modalità fattibile come pure ben-tollerata del trattamento.

Un altro studiano, due anni più successivamente, sono stati condotti facendo uso dell'ipertemia magnetica congiuntamente alla radioterapia in 14 pazienti di tumore al cervello, dimostranti che la terapia era ‑ buono tollerato in tutti i pazienti, comunque con vantaggio minimo o nessun clinico.

Il trattamento funziona al livello cellulare piuttosto che al livello dell'organo o del tessuto, in modo da può da mirare alle cellule tumorali confrontate selettivamente agli approcci convenzionali utilizzati nel trattamento dei tumori. In uno studio recente, è stato veduto che un inibitore proteasome usato con MFH può essere usato per trattare i più grandi tumori a differenza di altri metodi convenzionali.

MFH è aggettato per essere un'innovazione importante nel trattamento del cancro e promette di essere una terapia possibile per il trattamento dei tumori umani.

Altre applicazioni

Altre aree in cui MNPs può risultare essere utile comprendono il cancro polmonare quale sono notoriamente difficili da trattare a causa della mancanza di concentrazioni adeguate nella droga ai siti della malattia. Uno studio in vitro ha usato gli aerosol che contengono le nanoparticelle superparamagnetiche dell'ossido di ferro consegnate al polmone per raggiungere gli efficaci livelli di dosaggio nelle aree commoventi del polmone senza effetti contrari.

Un altro metodo proposto della consegna utilizza i portafili mirati a magnetici che usando le particelle ferromagnetiche sotto la dimensione del micron, per consegnare le droghe del farmaco rilassante durante l'amministrazione dell'anestesia locale come pure nella terapia mirata a del cancro.

Un'altra area che sta esplorando la possibilità di MNPs è terapia genica per presentare i geni nelle celle mirate a senza dovere usare i vettori virali e retroviral, che sono notati particolarmente per essere associati con gli effetti contrari.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Feb 26, 2019

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.