Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Glifosato in alimento: Quanto pericoloso è?

Che cosa è glifosato?

Come il diserbante più ampiamente usato nel mondo, il glifosato è utilizzato tipicamente affinchè la sua capacità gestisca la crescita delle erbacce all'interno dell'industria agricola e di quella di vegetazione per gli scopi non agricoli come pure di essere un diseccante del ventriglio da aiutare nella raccolta dei trattamenti. Una volta applicato alle erbacce ed altre popolazioni di piante indesiderate, legature di questo composto organofosforato a e blocchi l'attività enzimatica della sintasi di enolpyruvylshikimate-3-phosphate (EPSPS) per inibire i vari trattamenti biologici che permettono che l'impianto continui a svilupparsi (1). Per esempio, il glifosato vincola gli elementi quali calcio, ferro, magnesio e nichel, che sono alcuni dei micronutrienti più importanti presenti all'interno del terreno che sostengono la crescita dell'impianto (3).

Sebbene le valutazioni regolarici precedenti sul glifosato trovino che questo diserbante esibisce una bassa tossicità in esseri umani, uno studio recente pubblicato dall'agenzia internazionale per la ricerca su Cancro (IARC) ha trovato che il glifosato ed i sui prodotti formulati sono potenzialmente cancerogeni agli esseri umani (2). Da questo annuncio, ha stato moltissimo dibattito scientifico che circonda la carcinogenicità potenziale del glifosato.

Antiparassitari di polverizzazione del glifosato del trattore su un ventriglio. Credito di immagine: GerDuess/Shutterstock
Antiparassitari di polverizzazione del glifosato del trattore su un ventriglio. Credito di immagine: GerDuess/Shutterstock

Tossicità agli esseri umani

La relazione fra l'uso dei diserbanti e la loro capacità causare il danno alle sanità è una delle aree il più ampiamente studiate in tossicologia. Per determinare la tossicità del glifosato agli esseri umani, i numerosi studi della ricerca del laboratorio sono stati svolti per capire come il glifosato funziona dopo assorbimento umano con inalazione, ingestione o le vie cutanee del contatto.

Ulteriormente, vari esperimenti che dosi elevate d'amministrazione implicate del glifosato ai ratti ed ai mouse egualmente hanno fornito la comprensione supplementare nei meccanismi potenziali di questo diserbante della tossicità dopo assorbimento. Per riassumere, questi studi indicano che l'esposizione del glifosato può provocare le more inerenti allo sviluppo, il danno del rene, l'epatomegalia, l'epatite e la malattia gastrica (3).

Una pletora di altri studi scientifici è stata svolta per studiare la tossicità di questo diserbante, che indicano che il glifosato è associato con i vari stati di salute supplementari, compreso ipertensione, il diabete, l'obesità, la demenza senile, la malattia infiammatoria, la tiroide ed il fegato cancers3.

Il dibattito principale: È il glifosato cancerogeno agli esseri umani?

Mentre questi effetti contrari potenziali del glifosato sono accettati all'interno della comunità scientifica, la carcinogenicità di questo diserbante rimane un aspetto del dibattito aperto. Dal 1985 quando l'ente per la salvaguardia dell'ambiente degli Stati Uniti (EPA) ha classificato il glifosato come sostanza di categoria C ed agente cancerogeno umano potenziale, ricercatori, specialmente quelli all'interno delle industrie agricole, è stato sempre più interessato nella conferma del questo che trova (3). Dal 1985 al 2015, il glifosato non è stato non considerare come un agente cancerogeno potenziale, seguendo sia i dati animali che epidemiologici che hanno trovato il cancro per essere un avvenimento raro dopo l'esposizione a questo diserbante. Tuttavia, nel 2015, lo IARC reignited il dibattito classificando il glifosato come agente cancerogeno umano probabile. Questa decisione segue la raccolta dei dati che hanno confermato forte sia gli effetti cancerogeni che genotossici in animali esaminati.

Malgrado il fatto che la comunità scientifica non possa ancora giungere ad una conclusione definitiva per quanto riguarda la carcinogenicità del glifosato agli esseri umani dopo consumo, uno studio 2017 ha confermato che il consumo prolungato di alimenti alterato con il glifosato, anche alle dosi minime, può danneggiare significativo il fegato umano ed infine piombo ai termini come steatosi e necrosi analcoliche del fegato (4).

Il pericolo reale del glifosato in alimento

Poiché più di 250 milione libbre di glifosato è polverizzata ogni anno sui ventrigli americani, compreso grano, orzo, l'avena ed i fagioli, non è sorpresa che “i livelli in modo allarmante„ di questo diserbante potenzialmente nocivo siano stati trovati in una serie di prodotti alimentari popolari differenti, molti di cui specificamente mirano al consumo del bambino (5).

Purtroppo, una maggioranza di questi alimenti era a prodotti basati a avena che, se non per la presenza di diserbanti indesiderati, sono una sorgente sana di fibra e di varie sostanze nutrienti per sia i bambini che adulti.

Negli studi intrapresi dal gruppo di lavoro ambientale (EWG), i ricercatori hanno provato 45 prodotti che hanno contenuto l'avena convenzionalmente coltivata come pure 16 prodotti alimentari che sono stati fatti con l'avena organicamente coltivata. Dal numero totale dei campioni collaudati, 43 prodotti convenzionali e 5 prodotti biologici sono stati trovati per contenere le tracce di glifosato, all'interno di quali 31 delle 45 tracce contenute prodotti convenzionali di glifosato che hanno superato il benchmark del EWG di 160 parti per miliardo (ppb). Si noti che il benchmark della salubrità di EWG per il glifosato in alimento è 230 volte più basso dei livelli elevati dietetici stimati dell'esposizione del EPA per i bambini e gli adulti (5).

Questi informazioni da solo lo rendono evidente perché c'è un bisogno urgente affinchè gli enti federali gestisca e di imporre le restrizioni all'uso delle sostanze tossiche nell'agricoltura, particolarmente quelli che possono entrare liberamente negli approvvigionamenti di generi alimentari. Corrente, il ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti (usda) specifica che i metodi che sono usati per valutare la presenza di glifosato in alimenti su base giornaliera sono “molto costosi„ e “che richiede tempo,„ un atteggiamento che infine piombo all'omissione dell'agenzia di scoprire la contaminazione del cibo suddetta (6).

Indipendentemente dal rischio calcolato di questo diserbante, c'è senza dubbio che non appartiene in prodotti alimentari. Di conseguenza, le varie organizzazioni stanno invitando il EPA ed altri regolamenti federali negli Stati Uniti per limitare le applicazioni preraccolte del glifosato in uno sforzo per limitare, o completamente per eliminare, la presenza di questo antiparassitario chiaramente pericoloso in prodotti alimentari.

Sorgenti

  1. “Glifosato: meccanismo della forza convenzionale di industria di atto„ - sul glifosato
  2. Tarazona, J.V., Corte-Marques, D., Tiramani, M., Reich, H., Pfeil, R., et al. (2017). Archivi di tossicologia 91(8); 2723-2743. DOI: 10.1007/s00204-017-1962-5.
  3. Toretta, V., Katsoyiannis, I.A., Viotti, P., & Rada, la COMUNITÀ EUROPEA (2018). Recensione degli effetti di esposizione del glifosato all'ambiente ed agli esseri umani attraverso la catena di fornitura dell'alimento. Sostentamento economico 10(950). DOI: 10.3390/su10040950.
  4. Mesnage, R., Renney, G., Seralini, G.E., reparto, M., & Antoniou, M.N. (2017). Multiomics rivela l'affezione epatica grassa analcolica in ratti che seguono l'esposizione cronica ad una dose ultra-bassa del diserbante di raccolta. Rapporti scientifici. DOI: 10.1038/srep39328.
  5. “Prima colazione con una dose di raccolta?„ - Il gruppo di lavoro ambientale
  6. “I residui di antiparassitario di reclami di usda in alimento è - ecco perché sono sbagliati„ - Mercola sicuro

Further Reading

Last Updated: Oct 17, 2018

Benedette Cuffari

Written by

Benedette Cuffari

After completing her Bachelor of Science in Toxicology with two minors in Spanish and Chemistry in 2016, Benedette continued her studies to complete her Master of Science in Toxicology in May of 2018. During graduate school, Benedette investigated the dermatotoxicity of mechlorethamine and bendamustine, which are two nitrogen mustard alkylating agents that are currently used in anticancer therapy.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Cuffari, Benedette. (2018, October 17). Glifosato in alimento: Quanto pericoloso è?. News-Medical. Retrieved on September 25, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Glyphosate-in-Food-How-Dangerous-is-it.aspx.

  • MLA

    Cuffari, Benedette. "Glifosato in alimento: Quanto pericoloso è?". News-Medical. 25 September 2020. <https://www.news-medical.net/health/Glyphosate-in-Food-How-Dangerous-is-it.aspx>.

  • Chicago

    Cuffari, Benedette. "Glifosato in alimento: Quanto pericoloso è?". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Glyphosate-in-Food-How-Dangerous-is-it.aspx. (accessed September 25, 2020).

  • Harvard

    Cuffari, Benedette. 2018. Glifosato in alimento: Quanto pericoloso è?. News-Medical, viewed 25 September 2020, https://www.news-medical.net/health/Glyphosate-in-Food-How-Dangerous-is-it.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.