Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Emofilia complicazioni

Ci sono numerose complicazioni che possono accadere come conseguenza dello spurgo prolungato ed incontrollato connesso con emofilia, particolarmente emofilia A. Queste complicazioni possono richiedere l'ulteriori trattamento e prevenzione.

Alcune delle complicazioni si sono associate con emofilia A includono:

Danno unito

Se l'emofilia è male controllata, l'emorragia interna può accadere intorno alle giunzioni e muscles il piombo da fare soffrire e la rigidezza. Finalmente, sanguinare nelle giunzioni può piombo a cartilagine nociva, che è il tessuto molle che circonda le giunzioni e funge da ammortizzatore.

Lo synovium, un livello di tessuto dentro la giunzione può anche essere nocivo. Questo danno unito si presenta più frequentemente nei pazienti dell'adulto più anziano con la circostanza perché il trattamento adeguato per evitare l'emorraggia non era disponibile nel passato.

Oggi, i bambini che crescono con la circostanza possono essere curati con i farmaci che impediranno il danno unito.

In alcuni casi di danno unito, l'ambulatorio può essere considerato. Per esempio, uno synovium nocivo può essere eliminato per permettere che il nuovo tessuto sinoviale si sviluppi nel suo posto.

Se il danno unito è severo, può essere necessario da eliminare l'intera giunzione, quali un cinorrodo o un ginocchio e da sostituirla con artificiale.

Inibitori

In alcuni pazienti, il farmaco di fattore di coagulazione di sangue usato per trattare i grilletti di emofilia il sistema immunitario per reagire perché comincia riconoscere i fattori di coagulazione come corpi estranei.

Il sistema immunitario si avvi produrre gli anticorpi che inibiranno gli effetti dei fattori di coagulazione, quindi rendenti il farmaco meno efficace. Questi anticorpi si riferiscono a come inibitori.

I preventivi indicano che questi inibitori sviluppano dentro intorno 20-30% della gente che riceve il trattamento per emofilia A e 1-3% di coloro che è curato per il hemophila B.

Gli inibitori si presentano solitamente nel primo anno di trattamento, sebbene possano svilupparsi dopo questo periodo.

In molti casi, gli inibitori accadono soltanto temporaneamente, ma il problema può essere gestito con la terapia di tolleranza immunitaria (ITT) che comprende le iniezioni quotidiane dell'alfa del octocog (per emofilia A).

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Feb 26, 2019

Dr. Ananya Mandal

Written by

Dr. Ananya Mandal

Dr. Ananya Mandal is a doctor by profession, lecturer by vocation and a medical writer by passion. She specialized in Clinical Pharmacology after her bachelor's (MBBS). For her, health communication is not just writing complicated reviews for professionals but making medical knowledge understandable and available to the general public as well.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Mandal, Ananya. (2019, February 26). Emofilia complicazioni. News-Medical. Retrieved on September 29, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Haemophilia-A-Complications.aspx.

  • MLA

    Mandal, Ananya. "Emofilia complicazioni". News-Medical. 29 September 2020. <https://www.news-medical.net/health/Haemophilia-A-Complications.aspx>.

  • Chicago

    Mandal, Ananya. "Emofilia complicazioni". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Haemophilia-A-Complications.aspx. (accessed September 29, 2020).

  • Harvard

    Mandal, Ananya. 2019. Emofilia complicazioni. News-Medical, viewed 29 September 2020, https://www.news-medical.net/health/Haemophilia-A-Complications.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.