Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ipnotici e sonno

Gli ipnotici sono sostanze che aumentano la sonnolenza e possono indurre una persona a dormire o avere una perdita di coscienza parziale. Per questo motivo, gli ipnotici possono essere molto utili da aiutare il sonno in persone che incontrano difficoltà dormire, come quelli che soffrono da insonnia.

Ci sono due vasti gruppi di farmaci ipnotici: benzodiazepine e non benzodiazepine. La melatonina egualmente è stata suggerita come un tipo di ipnotico e sembra essere efficace per alcuni pazienti con le difficoltà di sonno.

Ipnotici della benzodiazepina

Gli ipnotici della benzodiazepina sono un'opzione medica relativamente sicura ed efficace della gestione di aiutare il sonno e trattare l'insonnia. Gli esempi includono:

  • Triazolam
  • Lorazepam
  • Alprazolam
  • Temazepam
  • Oxazepam
  • Prazepam
  • Estazolam
  • Flunitrazepam
  • Flurazepam (a lunga azione)
  • Clonazepam (a lunga azione)
  • Quazepam (a lunga azione)

Una volta usato nel lungo termine, tuttavia, qualche gente può sviluppare una tolleranza per e una dipendenza dai farmaci. Possono anche essere pericolosi una volta usati congiuntamente all'alcool o ad altre droghe di calmante.

Ipnotici della Non Benzodiazepina

gli ipnotici della Non benzodiazepina possono essere usati per aiutare il sonno e trattare l'insonnia e generalmente sono associati con meno effetti contrari che gli ipnotici della benzodiazepina. Questi includono:

  • Zaleplon
  • Zolpidem
  • Eszopiclone
  • Ramelteon

Questi farmaci sono stati collegati ai comportamenti sconosciuti, come il cibo ed azionamento mentre ancora addormentati che può essere pericoloso. Similmente ai farmaci della benzodiazepina, sono raccomandati affinchè l'uso a breve termine evitino lo sviluppo di dipendenza.

Melatonina come ipnotico

La melatonina è un ormone che è presente nelle più alte concentrazioni nell'organismo vicino all'ora di andare a letto delle persone quando le sensibilità della sonnolenza sono più profonde. Come conseguenza di questo, una certa ricerca medica ha messo a fuoco sull'atto di melatonina indurre il sonno, poichè potrebbe avere il potenziale di essere usato come ipnotico naturale.

Si è rivelato efficacemente migliorare il sonno in alcuni disordini di sonno del ritmo circadiano (per esempio sindrome del jet lag, disordine del turnista, sindrome in ritardo di fase di sonno) ed in pazienti anziani con una riduzione identificata della concentrazione nella melatonina. Tuttavia, le raccomandazioni cliniche che seguono la ricerca della melatonina non sono ben definite, poichè c'è un potenziale per le interazioni con le altri droghe e peggioramento psicotropici dei disordini sonno-respiranti.

Per questo motivo, ulteriore ricerca è richiesta di studiare gli effetti terapeutici e la tollerabilità paziente del farmaco una volta usata a sonno dell'aiuto per le persone con i disordini di sonno.

Avvertenze

Mentre il farmaco ipnotico può essere molto utile da gestire i problemi con il sonno, è importante utilizzarli nel migliore modo evitare i risultati negativi.

Se c'è tutti gli stati di salute di fondo che possono pregiudicare il sonno, quali la depressione o l'ansia, questi dovrebbero essere indirizzati prima che i farmaci ipnotici siano presentati. Gli interventi comportamentistici o psicologici possono a volte sufficientemente migliorare le abitudini di sonno e trattare i disordini di sonno, senza l'esigenza degli ipnotici.

Gli effetti secondari degli ipnotici una volta catturati a sonno dell'aiuto possono includere:

  • Rischio aumentato di cadute
  • Perdita di memoria (in anziani)
  • Comportamenti alterati

La cattura del farmaco ipnotico può piombo regolarmente alla difficoltà aumentata che ottengono di dormire ed al ricorso alla droga. Per questo motivo, è raccomandato per catturare le pillole tre giorni o meno ogni settimana. Ulteriormente, se i farmaci ipnotici devono essere cessati, è importante che la dose è diminuita lentamente per abbassare il rischio di sintomi di ritiro e la ricorrenza dei problemi di sonno.

Riferimenti

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Yolanda Smith

Written by

Yolanda Smith

Yolanda graduated with a Bachelor of Pharmacy at the University of South Australia and has experience working in both Australia and Italy. She is passionate about how medicine, diet and lifestyle affect our health and enjoys helping people understand this. In her spare time she loves to explore the world and learn about new cultures and languages.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Smith, Yolanda. (2018, August 23). Ipnotici e sonno. News-Medical. Retrieved on November 30, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Hypnotics-and-Sleep.aspx.

  • MLA

    Smith, Yolanda. "Ipnotici e sonno". News-Medical. 30 November 2020. <https://www.news-medical.net/health/Hypnotics-and-Sleep.aspx>.

  • Chicago

    Smith, Yolanda. "Ipnotici e sonno". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Hypnotics-and-Sleep.aspx. (accessed November 30, 2020).

  • Harvard

    Smith, Yolanda. 2018. Ipnotici e sonno. News-Medical, viewed 30 November 2020, https://www.news-medical.net/health/Hypnotics-and-Sleep.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.