È il vino rosso buono per l'organismo?

C'è una pletora di ricerca ed orientamento che discutono le conseguenze di salubrità dell'alcool di consumo. Nel Regno Unito, è raccomandato che sia gli uomini che le donne non consumino frequentemente più di 14 unità dell'alcool alla settimana.

vino rossoCredito di immagine: jazz3311/Shutterstock.com

Ciò è approssimativamente equivalente a bere dieci piccoli bicchieri di vino o sei pinte della birra. Tuttavia, egualmente è suggerito che non ci sia quantità sicura di alcool che può essere bevuta senza potenzialmente causare le emissioni di salubrità quali cirrosi epatica, la coronaropatia, il cancro ed il colpo.

Malgrado queste raccomandazioni, uno studio recente ha dubitato che il vino rosso consumato nella moderazione potesse ancora fornire alcune indennità-malattia.

È il vino rosso buono per l'organismo?

La ricerca recente pubblicata in gastroenterologia del giornale suggerisce che un vetro quotidiano di vino rosso possa fornire le indennità-malattia per il microbiome umano dell'intestino. Il microbiome è un termine usato per descrivere il gruppo di genoma dei microorganismi che risiedono nell'intestino umano. I microbi dell'intestino sono considerati di svolgere un ruolo vitale in metabolico e sistemi immunitari come pure nei sistemi che regolamentano il comportamento umano.

I ricercatori dal dipartimento dell'epidemiologia genetica della ricerca gemellata all'College Londra e il VIB di re concentrano per il laboratorio di microbiologia KU Lovanio di batteriologia molecolare all'istituto di Rega per ricerca medica nel Belgio hanno lavorato nella collaborazione sul progetto.

La ricerca ha compreso la raccolta di dietetico, di alimento e di abitudini della bevanda da un grande campione della popolazione attraverso il Regno Unito, gli Stati Uniti ed il Belgio in tre studi in corso. Specificamente, i dati gemellati di studio sono stati raccolti dal Regno Unito ed i dati successivi dagli Stati Uniti e dal Belgio sono stati derivati dal progetto americano dell'intestino ed i fiamminghi sventrano il progetto, rispettivamente.

Risultati di studio

I ricercatori hanno trovato quello vino rosso bevente, anche nelle istanze dove altri tipi di alcool sono stati consumati, è collegato ad un reticolo sano del microbo dell'intestino. Ancora, analizzando i dati gemellati di studio, hanno trovato che in persone che hanno consumato un'più alta quantità di vino rosso confrontata al loro gemello ha avuta un intestino sano. Ciò diminuisce la probabilità che, in questa istanza, i microbi dell'intestino di salubrità sono stati causati dai tratti genetici familiari.

I ricercatori egualmente hanno confrontato gli effetti di bere altri tipi di alcool su salubrità dell'intestino. È stato trovato che coloro che ha consumato le birre, gli alcoolici, o il vino bianco non hanno dimostrato lo stesso microbiome sano dell'intestino.

Altri risultati si riferiscono ai più vasti effetti sulla salute di bere il vino rosso. I dati gemellati di studio hanno trovato che le persone che hanno bevuto un'più alta quantità di vino rosso confrontata al loro gemello hanno avute un rischio diminuito di sviluppare il colesterolo e l'obesità della lipoproteina a bassa densità. È creduto che questo sia causato dai polifenoli presenti in vino rosso.

Le indennità-malattia dei polifenoli

I ricercatori dello studio hanno sostenuto che le più ampie indennità-malattia di salubrità di bere il vino rosso potrebbero essere giù ai polifenoli presenti nell'alcool. Questa nozione allinea bene con la ricerca precedente che suggerisce che il moderato ed il consumo corrente di vino rosso possano svolgere un ruolo nell'impedire il cancro e la malattia cardiovascolare.

I polifenoli sono presenti in un intervallo dei prodotti alimentari, compresi i semi e noci ed alcune frutta e verdure quali l'uva. L'uva, in particolare, è considerata di avere tantissimi polifenoli nella loro interfaccia. In vino, specificamente, è quantità elevate in genere trovate in vino rosso confrontato a vino bianco.

I ricercatori suggeriscono che i polifenoli siano egualmente presenti alle nelle bevande analcoliche basate a uva, ma nel contenuto più basso. Ancora, il vino rosso è considerato di ospitare il resveratrol - un antiossidante che è stato trovato per migliorare la composizione del microbiome dell'intestino - che egualmente è stato trovato per diminuire la probabilità di sviluppare il cancro e la malattia di cuore.

Implicazioni della ricerca

Questo studio è considerato come il più grande del suo genere per studiare e concludere che il consumo del moderato di vino rosso fornisce le indennità-malattia del microbiome dell'intestino come pure ha effetti protettivi contro gli stati di salute seri. Da questo, la comprensione è stata guadagnata nelle indennità-malattia dei polifenoli.

Tuttavia, ci sono limitazioni allo studio. Come studio puramente d'osservazione, la causalità non può essere stabilita. Di conseguenza, determinare che gli effetti effettivamente sono stati causati solamente da vino rosso, la ricerca più controllata è necessaria.

Ancora, lo studio presenta il conflitto potenziale contro parere di lunga durata per quanto riguarda le implicazioni di salubrità dell'alcool di consumo in qualsiasi quantità. Tuttavia, i ricercatori da questo studio suggeriscono che se le persone desiderano bere dell'alcool, quindi basato su questa ricerca, un piccolo vetro di forza di rosso può essere la migliore opzione dovuto le indennità-malattia proposte.

Sorgenti

NHS (2019). Supporto dell'alcool: I rischi di bere troppo. https://www.nhs.uk/live-well/alcohol-support/the-risks-of-drinking-too-much/

Dinan, T.G., calmare, R M., Stanton, C., & Cryan, J.F. (2015). Incosciente collettivo: Come i microbi dell'intestino modellano il comportamento umano. Giornale di ricerca psichiatrica. DOI: https://doi.org/10.1016/j.jpsychires.2015.02.021

Valdes, DI MATTINA, Walter, J., Segal, E., & Spector, T.D. (2018). Ruolo del microbiota dell'intestino nella nutrizione e nella salubrità. Scienza e politica di nutrizione. DOI: https://doi.org/10.1136/bmj.k2179

Cordova, corrente alternata & Sumpio, B.E. (2009). I polifenoli sono medicina: È tempo di prescrivere il vino rosso per i nostri pazienti? Giornale internazionale di angiologia. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2903024/

Le Roy, C.I., Wells, P.M., SI, J., Raes, J., Bell, J.T., & Spector, T.D. (2019). Il consumo del vino rosso si è associato con α-diversità aumentata di Microbiota dell'intestino in 3 gruppi indipendenti. Gastroenterologia. DOI: https://doi.org/10.1053/j.gastro.2019.08.024

Further Reading

Last Updated: Jan 6, 2020

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Bennett, Chloe. (2020, January 06). È il vino rosso buono per l'organismo?. News-Medical. Retrieved on January 19, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Is-Red-Wine-Good-for-the-Body.aspx.

  • MLA

    Bennett, Chloe. "È il vino rosso buono per l'organismo?". News-Medical. 19 January 2020. <https://www.news-medical.net/health/Is-Red-Wine-Good-for-the-Body.aspx>.

  • Chicago

    Bennett, Chloe. "È il vino rosso buono per l'organismo?". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Is-Red-Wine-Good-for-the-Body.aspx. (accessed January 19, 2020).

  • Harvard

    Bennett, Chloe. 2020. È il vino rosso buono per l'organismo?. News-Medical, viewed 19 January 2020, https://www.news-medical.net/health/Is-Red-Wine-Good-for-the-Body.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post