Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Dieta ed invecchiamento Ketogenic

Una dieta ketogenic può aiutare qualche gente a perdere il peso. Gli studi che esaminano l'effetto delle diete ketogenic mostrano i risultati contraddittori. Ciò rende a diete ketogenic un argomento estremamente discutibile.

Che cosa è una dieta ketogenic?

Le diete povere di carboidrati (LCDs) mirano a limitare il consumo di carboidrato mentre simultaneamente aumentando il consumo di proteine e/o di grassi. Il LCD più estremo è la dieta ketogenic (KD), che aumenta il consumo di grassi e fa diminuire l'assunzione del carboidrato. La prova indica che un KD può piombo a perdita di peso e ad energia aumentata, poichè un KD sposta l'organismo in uno stato metabolico citato come chetosi. Gli effetti a lungo termine delle affissioni a cristalli liquidi e di KDs sono discutibili con i risultati contrastanti in seguito a molti studi differenti.

Credito di immagine: Sunvic/Shutterstock
Credito di immagine: Sunvic/Shutterstock

Possono le diete ketogenic migliorare la salubrità?

In uno studio, i mouse sono stati utilizzati per verificare il LCD (70% Kcal da grasso), un KD (89% Kcal da grasso) e una dieta normale di controllo del `' (65% Kcal dai carboidrati) per confrontare l'effetto di ogni dieta e le differenze loro. I mouse nei gruppi di KD e di LCD hanno ricevuto sensibilmente più delle loro calorie da grasso animale ma anche da proteina. Questo studio ha trovato che la durata della vita nei mouse di KD significativamente è stata aumentata confrontata al gruppo di controllo (aumento 13,6%). Un'individuazione dell'interesse particolare è che il gruppo di mouse sottoposti al KD egualmente ha mostrato un'incidenza in diminuzione dei tumori ai tempi della morte.  Questi risultati suggeriscono che un KD possa aumentare la durata della vita e diminuire il rischio di sviluppare i tumori, in particolare, sarcomi histiocytic.

Un altro rapporto ha indicato che una dieta di KD egualmente ha migliorato la memoria in mouse invecchiati come pure ha migliorato i loro risultati sulle prove comportamentistiche (quali coordinamento, resistenza e resistenza degli asini). L'analisi della fisiologia ed il metabolismo egualmente sono stati eseguiti, che ha scoperto che i mouse con il LCD erano più pesanti di entrambi altri gruppi malgrado avere la stessa assunzione di caloria. I mouse di KD hanno la maggior massa magra confrontata agli altri gruppi a 26 mesi ed i mouse LCD hanno avuti massa più grassa confrontata agli altri gruppi. Le prove metaboliche hanno riferito che i mouse su un KD avevano alterato la tolleranza del glucosio confrontata al gruppo di controllo, tuttavia, questo non ha pregiudicato la segnalazione dell'insulina di questi mouse. Infatti, pAS-160 (un mediatore della sensibilità dell'insulina) è stato aumentato di mouse di KD, indicanti un aumento nella sensibilità dell'insulina. I risultati di questo studio suggeriscono che i cambiamenti metabolici si presentino in KD ed in LCD, ma che gli effetti potrebbero essere positivo e negativo misti. È dimostrato che la durata della vita è migliorata da un KD, ulteriormente, KD rallenta il declino conoscitivo ed ha migliorato la funzione di motore dei mouse invecchiati. I mouse sottoposti ad un LCD hanno avuti simile longevità ai mouse di KD sebbene, il KD fosse sensibilmente più efficace a conservare la prestazione fisiologica ad un'età avanzata.

Sono le diete ketogenic appropriate per gli esseri umani?

Gli studi hanno indicato che le affissioni a cristalli liquidi sono associate con la mortalità aumentata in popolazioni nordamericane ed europee e che l'alto consumo del carboidrato è associato con la mortalità aumentata in popolazioni multinazionali ed asiatiche. Questi risultati contraddittori possono essere un prodotto della progettazione sperimentale come questi studi soltanto riferiscono sull'assunzione del carboidrato di una popolazione specifica, significante che i dati non possono applicarsi alle persone che differiscono dal soggetto (cioè qualcuno da una nazionalità differente). Molti studi su questa natura non rappresentano la sorgente del carboidrato che gli oggetti stanno consumando, che possono anche pregiudicare i risultati.

Una meta-analisi del consumo del carboidrato e della mortalità di tutto causa ha riferito che circa 40-50% di guadagno di energia come carboidrati è il livello ottimale per minimizzare il rischio di mortalità. Egualmente è stato notato che in carboidrati bassi delle comunità degli Stati Uniti (<40%) e l'alto consumo del carboidrato (>70%) è associato a un aumentato rischio della mortalità e di più breve durata della vita. D'importanza, la meta-analisi ha indicato che pazienti che hanno sostituito i carboidrati con i grassi animale-derivati e le proteine hanno avute un più alto rischio della mortalità che coloro che ha sostituito i carboidrati con i grassi e le proteine impianto-derivati.

Quindi, gli studi umani sulla longevità continuano a favorire le diete formate dalle sorgenti dei carboidrati e dell'impianto di circa 50% dei grassi e delle proteine.

Possono le diete ketogenic aiutare con la gestione di dolore?

KDs è riferito all'aiuto con dolore poichè hanno effetti hypoalgesic ed antinfiammatori. Gli studi hanno mirato a valutare l'effetto di un KD su dolore. Una prova della piastra riscaldante è stata eseguita sui ratti che sono stati alimentati un KD ed i ratti che hanno avuti una dieta normale più su in carboidrati (il gruppo di controllo), questo esperimento hanno indicato che i ratti con un KD hanno avuti una latenza aumentata a dolore termico durante la prova.

Una spiegazione possibile per questa che trova è che il metabolismo del chetone produce meno specie reattive dell'ossigeno (ROS) confrontate al metabolismo del glucosio. Il ROS è un contributore ben noto ad infiammazione. Durante gli studi del roditore, è stato indicato che KDs diminuisce il ROS nel cervello e nei modelli di sclerosi a placche. KDs egualmente è stato indicato per diminuire l'infiammazione del fegato in pazienti obesi con l'affezione epatica grassa (la variante analcolica). Ulteriormente, il metabolismo ketolytic aumenta i livelli di adenosina, che ha effetti antinfiammatori. Gli effetti di un KD su dolore neuropatico è stato valutato durante i parecchi studi. Purtroppo, i risultati suggeriscono che un KD non potrebbe migliorare significativamente sopra dolore neuropatico. Più ricerca su questa area dovrebbe migliorare i modelli usati e potenzialmente fornire i risultati significativi.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Jul 2, 2019

Written by

Samuel Mckenzie

Sam graduated from the University of Manchester with a B.Sc. (Hons) in Biomedical Sciences. He has experience in a wide range of life science topics, including; Biochemistry, Molecular Biology, Anatomy and Physiology, Developmental Biology, Cell Biology, Immunology, Neurology  and  Genetics.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Mckenzie, Samuel. (2019, July 02). Dieta ed invecchiamento Ketogenic. News-Medical. Retrieved on July 02, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Ketogenic-Diet-and-Aging.aspx.

  • MLA

    Mckenzie, Samuel. "Dieta ed invecchiamento Ketogenic". News-Medical. 02 July 2020. <https://www.news-medical.net/health/Ketogenic-Diet-and-Aging.aspx>.

  • Chicago

    Mckenzie, Samuel. "Dieta ed invecchiamento Ketogenic". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Ketogenic-Diet-and-Aging.aspx. (accessed July 02, 2020).

  • Harvard

    Mckenzie, Samuel. 2019. Dieta ed invecchiamento Ketogenic. News-Medical, viewed 02 July 2020, https://www.news-medical.net/health/Ketogenic-Diet-and-Aging.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.