Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Che cosa è virus di Marburgo?

Il virus di Marburgo è considerato come un agente patogeno di riapparizione che posa una minaccia significativa contro le sanità. Questo virus naturale può causare una malattia emorragica fulminante con una sindrome severa di scossa e un'alta mortalità sia in esseri umani che in primati non umani - anche conosciuti come febbre emorragica di Marburgo.

Il virus di Marburgo appartiene alla famiglia Filoviridae, che contiene tre generi - Ebolavirus, Marburgvirus e Cuevavirus. Il genere Marburgvirus contiene le specie soltanto una: Marburgvirus di Marburgo, più comunemente definito virus di Marburgo. Il suo genoma contiene la molecola lineare, non segmentata, unico incagliata del RNA che è di una polarità negativa.

Questo agente pericoloso inizialmente ora è stato riconosciuto nel 1967, quando gli scoppi di febbre emorragica si sono presentati contemporaneamente in laboratori in Germania (Marburgo e Francoforte) e ex Iugoslavia, la Serbia (Belgrado). 31 paziente (25 con primario e 6 con le infezioni secondarie) ha sviluppato la malattia severa che ha provocato la morte per sette persone infettate.

Epidemiologia del virus di Marburgo

Gli scoppi del virus di Marburgo che si presentano sporadicamente in Africa sono caratterizzati dall'alta mortalità e da un'alta incidenza della trasmissione nosocomiale. La malattia che causa è considerata una zoonosi che persiste in host in buona salute del bacino idrico (pipistrelli di frutta) nelle regioni endemiche dell'Africa, mentre gli esseri umani ed i primati non umani forniscono il ciclo come host dello straripamento con un tasso alto di risultati interni.

Dopo uno scoppio iniziale 1967 in Europa, il virus non era nel fuoco per otto anni in cui un giovane viaggio australiano in tutto lo Zimbabwe ha sviluppato la simile sintomatologia. Il più grande scoppio di febbre emorragica di Marburgo fin qui si è presentato in Angola di nordest in primavera di 2005, con oltre 90 casi ed il tasso di mortalità di 90%.

Gli itinerari specifici primari della diffusione virale fra gli esseri umani (ma anche fra altri animali ed esseri umani) sono contatto diretto ed indiretto come pure trasmissione della gocciolina. Il contatto con attrezzature ed altri oggetti contaminati con sangue contagioso o i tessuti è egualmente un modo possibile della trasmissione.

Presentazione clinica

La febbre emorragica di Marburgo è caratterizzata da un inizio brusco che presenta con la febbre, i freddi e la mialgia. Due funzionalità della malattia sono critiche in sua patogenesi: danno endoteliale orchestrato sia dal virus che dal su-regolamento delle citochine tossiche (con estesa dispersione vascolare di conseguenza) e coagulazione intravascolare diffusa che piombo alla trompocitopenia seria.

Di conseguenza, l'emorragia severa può seguire a parecchie parti del corpo nei circa 5 - 7 giorni dopo l'inizio dei sintomi. Sanguinando dal radiatore anteriore, le gomme e gli occhi è osservata comunemente, mentre la considerevole emorragia gastrointestinale spesso si manifesterà come sangue franco nei feci o vomiterà. La disidratazione è una frequente conseguenza.

Il rapporto della caso-fatalità per questa malattia varia da 23 a 90%. I superstiti di febbre emorragica di Marburgo avvertono una convalescenza prolungata caratterizzata da mialgia, dalla debolezza di muscolo, dall'artralgia, dalla mielite, dall'epatite, dalla malattia oculare, dalla perdita dell'udito ed in alcuni casi anche dalla psicosi.

Diagnosi e trattamento

In pazienti che presentano con una cronologia del viaggio ai paesi africani sicuri, i seguenti criteri clinici dovrebbero essere considerati nei casi sospettati: alta febbre (più di °C 38 per meno di tre settimane), dolore di muscolo ed almeno due sintomi emorragici (eruzione, emorragia nasale, vomito del sangue, tosse del sangue, o sangue in feci).

Tuttavia, la diagnosi è altrettanto difficile dei segni ed i sintomi imitano quelli di altre più frequenti malattie infettive, quali febbre tifoide o malaria; quindi, i metodi microbiologici (quali ELISA di antigene-bloccaggio, ELISA di IgM-bloccaggio e reazione a catena della polimerasi) sono impiegati per confermare un caso di febbre emorragica di Marburgo.

Corrente non ci sono opzioni disponibili per la profilassi o la terapia delle persone con questo tipo di febbre emorragica. Il trattamento è quindi complementare, che comprende la fornitura dell'ossigeno supplementare, saldando i liquidi e gli elettroliti del paziente, volume circolatorio di mantenimento e pressione sanguigna ed introducente il trattamento per tutte le infezioni di complicazione.

L'istituzione di quarantena rigorosa misura impedire ulteriore virus che la trasmissione è ancora il solo modo combattere questa infezione nel campo. Le terapie antivirali anche se multiple ed i vaccini del candidato contro il virus di Marburgo sono corrente in via di sviluppo, controllo sanitario di salute pubblica classico e le linee guida di controllo di scoppio rimarranno indubbiamente la pietra angolare di controllo di malattie.

Sorgenti

  1. http://www.cdc.gov/vhf/marburg/
  2. http://www.who.int/csr/disease/marburg/en/
  3. http://www.mdpi.com/1999-4915/4/10/1878/htm
  4. http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp068160
  5. http://journals.plos.org/plosntds/article?id=10.1371/journal.pntd.0001546
  6. AL Ebola di Hartman e infezioni virali di Marburgo. In: Magill AJ, Strickland GT, Maguire JH, Ryan ET, medicina di Tropical di Solomon T. Hunter e malattia infettiva emergente. Scienze di salubrità di Elsevier, 2012; pp. 330-333.

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2018, August 23). Che cosa è virus di Marburgo?. News-Medical. Retrieved on July 05, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Marburg-Virus.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Che cosa è virus di Marburgo?". News-Medical. 05 July 2020. <https://www.news-medical.net/health/Marburg-Virus.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Che cosa è virus di Marburgo?". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Marburg-Virus.aspx. (accessed July 05, 2020).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2018. Che cosa è virus di Marburgo?. News-Medical, viewed 05 July 2020, https://www.news-medical.net/health/Marburg-Virus.aspx.

Comments

  1. Samuel Reich Samuel Reich United States says:

    If bats are reservoir of Ebola and Marburg fevers.  Can bats in the US get it?  That must be answered if it is to be contained.  If so the likely types must be eradicated.

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.