Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ricerca di meningite

La meningite è un termine che si riferisce all'infiammazione delle meningi, le membrane che circondano e proteggono il cervello ed il midollo spinale.

Credito: Jarun Ontakrai/Shutterstock.com

La meningite accade tipicamente dovuto un'infezione batterica o virale, ma altre circostanze sono a volte responsabili, compreso l'infezione fungosa o parassitaria, determinate circostanze infiammatorie autoimmuni, il trauma, o le reazioni della droga.

Malgrado essere l'argomento di ricerca per molti anni, i trattamenti per la meningite sono ancora insoddisfacenti in determinati rispetti, con la meningite adulta ancora che ha un tasso di mortalità molto alto, malgrado la scoperta di parecchi antibiotici potenti. Quindi, la ricerca è in corso in parecchie aree aumentare la nostra comprensione della meningite e della capacità gestire gli agenti patogeni che causano questa malattia.

Patogenesi di meningite

Nella maggior parte dei casi della meningite, la patogenesi è ancora sconosciuta ed i ricercatori ancora stanno tentando di chiarire come il cervello ed il midollo spinale reagiscono alla presenza di infiammazione. È egualmente importante delucidare i meccanismi che sono alla base della violazione della barriera ematomeningea cruciale in questa malattia.

La comprensione come gli agenti patogeni possono infiltrarsi in del cervello potrebbe guidare lo sviluppo dei trattamenti novelli che impediscono o risolvono l'infiammazione del sistema neurale. Un tale metodo che è ricercato è molecole neuroprotective che possono inibire l'avvenimento di danno dopo l'infezione delle meningi.

La ricerca è egualmente in corso scoprire quanto l'infiammazione meningea produce esattamente le complicazioni neurologiche compreso lesione cerebrale permanente, l'inabilità intellettuale ed il colpo.

Ricerca sull'eziologia di meningite

Nella maggior parte dei casi, la meningite asettica o virale è uno stato misterioso di cui l'eziologia rimane sconosciuta in quasi 50% dei casi. Ciò è parzialmente dovuto una mancanza di efficace tecnologia diagnostica disponibile per la prova sistematica.

L'insensibilità e la mancanza relative di specificità dei segni clinici li rendono inaffidabili nella diagnosi della meningite. Per questo motivo, gli studi di CSF dovrebbero essere fatti sempre se la meningite è sospettata. In tal caso, tuttavia, lo studio di CSF prende al massimo soltanto 80% dei casi della meningite batterica (BM) ed altre eziologie vanno undiagnosed.

Ciò significa che la più ricerca è richiesta per contribuire a diagnosticare presto le cause trattabili urgenti della meningite, facendo uso delle tecniche quale l'analisi di parecchi cytochemicals potenzialmente diagnostici in siero ed in CSF. Tali analisi sono importanti nella diagnosi rapida, che è chiave ad intervento tempestivo in pazienti in cui l'esame diretto di CSF (da colorazione di Gram e da cultura) dà un risultato negativo.

Sono egualmente vitali nell'impedire la mortalità evitabile. Ciò è importante, poichè la meningite causata dagli agenti sconosciuti rappresenta le morti di 36% in pazienti anziani, confrontato a soltanto 3% in più giovani pazienti.

Miglioramento della diagnosi di meningite

Indicatori quale la promessa del lattato e del procalcitonin di CSF parzialmente risolvere il dilemma diagnostico. In uno studio, un valore di taglio di 3,8 mmol/L per il lattato di CSF ha dimostrato una sensibilità di 94% con una specificità di 97% nella diagnostica della meningite batterica e questo è stato confermato come prova apprezzata da una conferenza francese di consenso sul trattamento della meningite batterica.

Altri indicatori in esame comprendono la proteina C-reattiva del siero (CRP) e il procalcitonin del siero. L'ultimo è elevato ad appena 2 ore dall'inizio di infiammazione e può distinguere il BM dalla meningite virale ai livelli di taglio che variano 0,2 - 2 ng/mL. In uno studio, un insieme di taglio a 0,28 ng/mL è stato reclamato per avere una sensibilità di 97% e una specificità di 100%.

Le più nuove tecniche quali la PCR della multisala, il proteomics e la genomica ordinanti, possono contribuire a raggiungere più esattamente e rapidamente la diagnosi. La PCR, per esempio, contribuirebbe a distinguere virale dalla meningite batterica, a metà circa dei casi, così impedendo le prescrizioni antibiotiche inadeguate e perfino diminuendo la durata totale della degenza in ospedale.

La diagnosi del BM ha usato per essere fatta facendo uso della cultura di CSF, cercante la pleocitosi di CSF con una predominanza dei neutrofili, il glucosio diminuito di CSF e la proteina aumentata di CSF. L'esigenza delle impostazioni del laboratorio e dei periodi di tempo (fino a 48 ore per la cultura di CSF risulta) neutralizza l'accuratezza aumentata della diagnosi particolarmente se gli antibiotici di pre-ammissione sono stati amministrati.

Differenziandosi fra i tipi di meningite

Qualsiasi mora nell'inizio degli antibiotici può aumentare il rischio di mortalità e di conseguenze neurologiche severe, ma usando gli antibiotici piombo troppo spesso all'emergenza della resistenza. Ciò piombo i ricercatori cercare un indicatore rapido e facile per la prova di punto-de-cura e la diagnosi del BM.

Molti paesi africani hanno malaria endemica ed il BM acuto deve così essere distinto presto da malaria cerebrale (CM). In assenza di questa funzione, l'uso antibiotico empirico diventa necessario. Alcuni esperimenti indicano che la risposta del proteome nel CSF del host al BM acuto è abbastanza differente da quella a cm.

Proteomics è un'area fertile dell'analisi delle proteine in liquidi quali plasma ed il CSF. Può fornire i reticoli specifici delle proteine ospite che distinguono i tipi differenti di meningiti quale la meningite pneumococcica, enteroviral e meningococcica, o che contribuiscono a quantificare la mortalità nella meningite pneumococcica. I due prodotti chimici chiave trovati per essere differenti includono il myeloperoxidase e il lactotransferrin, con una sensibilità e una specificità di circa 97%-100%, rispettivamente.

Altri studi hanno indicato che parecchi mediatori infiammatori quale TNF-α e le interleuchine 1, 6, 8, 10 e 12 sono presenti ai livelli elevati in BM infantile. I ricercatori stanno lavorando alle combinazioni delle citochine che hanno un valore discriminatorio nella diagnosi dei tipi differenti di meningiti in infanti come pure per la prevenzione del trattamento inutile degli infanti che hanno batteri nella loro circolazione sanguigna ma non nella meningite.

Ricerca sui trattamenti

Attualmente, molti ricercatori stanno tentando di determinare i quali trattamenti aggiuntiva possono migliorare il tasso di mortalità in questa malattia, poichè gli antibiotici da solo non sono spesso abbastanza per fare maturare il paziente.  Tali trattamenti di corollario includono i corticosteroidi per combattere il danno infiammatorio ed i vaccini polivalenti, che sono considerati come il migliore metodo per diminuire la mortalità portando giù l'incidenza di malattia.

Il glicerolo ed il mannitolo sono stati amministrati in alcuni casi per diminuire la pressione intracranica nella meningite. Gli studi indicano che il glicerolo può diminuire l'incidenza della sordità ma non pregiudica altre complicazioni quale spurgo gastrointestinale, nausea, vomitando, o il tasso di mortalità.

La predisposizione alla meningite come pure il risultato preveduto della malattia sono altri centri di interesse e gli studi stanno continuando ad identificare la variazione geneticamente risoluta nel grado e nelle dimensioni di attivazione del complemento che possono influenzare il trattamento offerto, quale l'uso degli inibitori di complemento in BM.

Le conseguenze neurologiche possono essere diminuite dagli inibitori della proteinasi metallica basati sopra il lavoro fatto per delucidare il ruolo svolto dagli enzimi della proteinasi metallica in questa area. Le vari combinazioni e livelli di dosaggio di antibiotici giustamente usati egualmente stanno subendo la prova per determinare il tipo di trattamento più efficace. Il best practice nella cura di emergenza e nel trattamento neurologico egualmente corrente sta essendo risoluto come pure la ricerca di migliori opzioni.

Per concludere, i vaccini che agiscono contro vari tipi di agenti malattia-causativi per impedire la meningite sono stati sviluppati e sforzi devono sopra aumentare la loro disponibilità ed applicazione attraverso il mondo, per diminuire il carico della malattia.

World Meningitis Day 2018 - #AllMeningitisMatters

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Feb 27, 2019

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, February 27). Ricerca di meningite. News-Medical. Retrieved on December 02, 2021 from https://www.news-medical.net/health/Meningitis-Research.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Ricerca di meningite". News-Medical. 02 December 2021. <https://www.news-medical.net/health/Meningitis-Research.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Ricerca di meningite". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Meningitis-Research.aspx. (accessed December 02, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. Ricerca di meningite. News-Medical, viewed 02 December 2021, https://www.news-medical.net/health/Meningitis-Research.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.