Scoppio di Monkeypox 2003 Stati Uniti

Il virus di Monkeypox rappresenta un virus di DNA a doppia elica del genere Orthopoxvirus, geneticamente distinto da altri virus in questo gruppo - compreso il virus del vaiolo (la causa di vaiolo) ed il vaccinia-virus (il virus usato per il vaccino di vaiolo).

Il monkeypox umano inizialmente è stato identificato nel 1970 nel Repubblica Democratica del Congo (Zaire), vicino alla conclusione degli sforzi dell'estirpazione della vaiolo in Africa. La trasmissione della malattia è soprattutto tramite le grandi goccioline o contatto diretto ed i sintomi sono simili a quelli della vaiolo, anche se solitamente più delicati.

Lo scoppio di monkeypox negli Stati Uniti Midwest durante giugno 2003 è stato identificato come l'infezione umana in primo luogo documentata nell'emisfero occidentale. Nella concordanza con gli scoppi in Africa, una maggioranza dei casi è stata presentata con la malattia impetuosa febbrile.

Lo sviluppo dello scoppio

Il 9 aprile 2003, una spedizione di 812 piccoli mammiferi dalla città Accra nel Ghana è stata ricevuta da un distributore commerciale dell'animale del Texas. Ciò ha incluso gli scoiattoli della corda (pyrropus di Funisciurus), gli scoiattoli del sole (gambianus di Heliosciurus), i ghiri africani (speci di Graphariurus) ed i ratti gambiani giganti (speci di Cricetomys).

I dodici giorni più successivamente, un venditore dell'Illinois ha ricevuto gli animali dal distributore commerciale del Texas. Un ratto gambiano infettato è stato alloggiato insieme alle marmotte prigioniere (speci del Cynomys) che questo venditore più successivamente ha distribuito a sei stati differenti negli Stati Uniti. Questi animali sono stati considerati come una fonte primaria di questo scoppio, come la maggior parte della gente infettata si sono ammalate dopo il contatto con le marmotte dell'animale domestico.

Il 15 maggio, i rapporti dei medici hanno cominciato emergere dal Midwest, descrivente la gente che stava esibendo i sintomi simili alla vaiolo, sebbene meno contagioso e nel modulo più delicato. Le persone commoventi sono diventato malate con una febbre, i sintomi respiratori ed i linfonodi gonfiati. Un'eruzione sviluppata con la progressione nelle vescicole e la diffusione attraverso l'organismo, con formazione finale di croste e di croste. La malattia è durato fra 2 e 4 settimane.

Sopra il paio di settimane seguente, gli scoppi di monkeypox sono stati identificati Wisconsin, in Indiana e l'Illinois, cioè nei paesi in cui il distributore commerciale del Texas ha inviato le marmotte agli operatori commerciali dell'animale domestico. Sebbene la via della trasmissione agli esseri umani provenga dal contatto vicino con gli animali domestici mammiferi infettati, la trasmissione da uomo a uomo può anche accadere. L'ultimo caso è stato riferito il 20 giugno.

L'impatto dello scoppio

Di 72 ha riferito i casi, 37 casi umani erano laboratorio confermato come monkeypox umano durante lo scoppio dei 2003 Stati Uniti. La microscopia elettronica e gli studi sierologici erano metodi impiegati per confermare la diagnosi corretta. La maggior parte dei casi sono stati associati con una malattia impetuosa febbrile delicata e auto-limitata ed è importante notare che non c'erano morti.

Dei pazienti da cui i dati erano disponibili, 18 sono stati ospedalizzati, sebbene alcuni dovuto le precauzioni di isolamento soltanto. Due pazienti (entrambi i bambini) hanno avuti malattia clinica seria - il primo bambino presentato con l'encefalite severa, mentre il secondo bambino ha esibito la linfadenopatia cervicale e tonsilar profonda e dolorosa con le lesioni diffuse di esantema.

L'introduzione delle specie instabili (quali i roditori dall'Africa) ancora rappresenta una minaccia significativa di salute pubblica a causa dell'infezione potenziale con il virus del monkeypox, ma anche con altri agenti patogeni nonindigenous. Di conseguenza tutti i fornitori di cure mediche, veterinari e funzionari di salute pubblica che il monkeypox sospetto in animali o gli esseri umani è obbligato per riferire tali casi ai loro dipartimenti di salubrità del locale o dello stato.

Sorgenti

  1. http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs161/en/
  2. http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/mm5223a1.htm
  3. http://cid.oxfordjournals.org/content/58/2/260.long
  4. http://cid.oxfordjournals.org/content/41/12/1765.long
  5. Fenner F. Human Monkeypox, una malattia di virus umana recentemente scoperta. In: Morse S. Emerging Viruses. Stampa dell'università di Oxford, 1993; pp. 176-183.

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2018, August 23). Scoppio di Monkeypox 2003 Stati Uniti. News-Medical. Retrieved on April 02, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Monkeypox-2003-US-Outbreak.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Scoppio di Monkeypox 2003 Stati Uniti". News-Medical. 02 April 2020. <https://www.news-medical.net/health/Monkeypox-2003-US-Outbreak.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Scoppio di Monkeypox 2003 Stati Uniti". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Monkeypox-2003-US-Outbreak.aspx. (accessed April 02, 2020).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2018. Scoppio di Monkeypox 2003 Stati Uniti. News-Medical, viewed 02 April 2020, https://www.news-medical.net/health/Monkeypox-2003-US-Outbreak.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.