Epidemiologia di Multimorbidity

Multimorbidity è definito come l'esistenza malattie croniche di due o più a lungo termine nella stessa persona allo stesso tempo. Solitamente nessuna delle condizioni mediche è considerata dominante - invece, le circostanze esistono accanto ad una un altro, ciascuna che ha un impatto significativo sul paziente.

Questo fenomeno è oggi sempre più comune nella popolazione e forte è collegato per invecchiare, sesso e lo stato socioeconomico. Alcuni dei disordini più comuni che causano il multimorbidity includono: ipertensione, depressione ed ansia e dolore cronico.

Epidemiologia di Multimorbidity
Multimorbidity. Credito di immagine: WHO

Relazione all'età ed al sesso

La maggior parte dei studi mostrano una correlazione positiva fra la prevalenza del multimorbidity ed invecchiano, sebbene pregiudichi i pazienti di tutte le fasce d'età. È la più diffusa in quelle sopra l'età di 50 e come tale, sta trasformandosi in in un'emissione crescente nell'odierna popolazione di invecchiamento.

In uno studio olandese, circa 10% dei pazienti sotto l'età di 15 sono stati conosciuti al loro GP come avendo almeno una malattia cronica. Tuttavia, questa percentuale è aumentato più a 90% in pazienti sopra l'età di 75. Interessante comunque, il comorbidity delle circostanze fisico-mentali è più prevalente in più giovani pazienti (fra 18-44 anni) ed in pazienti più poveri.

Multimorbidity egualmente mostra che i forti legami positivi al sesso ed a è più comuni fra le femmine secondo la maggior parte dei studi. Tuttavia, la ricerca realizzata in Nuova Zelanda ha indicato che le malattie croniche multiple sono più comuni fra i maschi secondo i dati dell'ospedale, sebbene i dati basati sull'erogazione farmaceutica ancora mostrassero un'più alta prevalenza fra le femmine.

Relazione allo stato socioeconomico

La prevalenza del multimorbidity dipende forte dalla classe socioeconomica. È più comune in strati socioeconomici più bassi, che è a sua volta è associata con la frequenza di uso dei servizi sanitari dal paziente. Le circostanze a lungo termine vedute socioeconomico nello svantaggiato sono collegate ad una maggior esposizione al sociale, ai fattori di rischio del posto di lavoro o ambientali come pure a determinati fattori di rischio ad un livello determinato, quali il fumo, la dieta difficile, la mancanza di esercizio e la povertà di accesso alla sanità. Al contrario, i pazienti in un'alta classe socioeconomica sono più probabili non avere malattie croniche affatto.

L'esigenza aumentata di uso dei servizi di sanità dai pazienti che soffrono le malattie da due o più cronici è particolarmente evidenti quando considera il sistema sanitario primario. Nel Regno Unito, i pazienti con il multimorbidity rappresentano più di una metà delle consultazioni del GP e dei ricoveri ospedalieri. Inoltre, oltre tre quarti del numero totale delle prescrizioni dispensato annualmente sono amministrati ai pazienti che soffrono da una serie di malattie croniche che conseguentemente hanno bisogno dell'accesso ad una serie di farmaci.

Un aumento nell'efficacia del trattamento offerta e dei tassi di sopravvivenza dei pazienti' significa un aumento nella prevalenza delle malattie croniche. Nelle nazioni sviluppate, dove la speranza di vita sta sviluppandosi, l'incidenza del multimorbidity è fissata per aumentare pure. Ciò è contrariamente ai paesi meno sviluppati, in cui un maggior numero dei pazienti soffre dalle malattie acute rispetto ai numeri registrati nella maggior parte delle nazioni sviluppate.

Limitazioni di ricerca in epidemiologia

Mentre la maggior parte della ricerca per valutare la prevalenza del multimorbidity in odierna popolazione è realizzata su un grande gruppo di partecipanti, i dati in ogni studio principalmente sono limitati dalla raccolta in un paese. Ancora, la lista delle malattie croniche valutate in ogni studio varia, con alcuno che considera altrettanto come 75 malattie a lungo termine ai fini dello studio.

Alcuni ulteriori passi della presa dei gruppi di ricerca per considerare gli insiemi di tre o quattro circostanze croniche che accadono frequentemente insieme ed eseguono l'analisi di dati separati di questi, ottenenti i risultati interessanti che possono variare da quelli ottenuti con una più grande dimensione del campione.

Similmente, gli studi possono essere limitati ad un più piccolo gruppo d'età per valutare la prevalenza del multimorbidity nella più giovane popolazione soltanto. Come tale, la percentuale della popolazione con il multimorbidity può variare significativamente secondo l'insieme di dati usato. Per esempio, uno studio svolto fra la popolazione svizzera ha trovato una prevalenza di multimorbidity tra compreso 13,0% e 76,6%, secondo le circostanze croniche considerate, i dati usati e la popolazione coperta. Un altro fattore da considerare è l'aumento nella prevalenza delle malattie croniche come conseguenza di attenzione del pubblico intensificata alle malattie croniche.

Sorgenti

  • Cassell A, Edwards D, Harshfield A, et al. L'epidemiologia di Multimorbidity nel pronto intervento. Il giornale britannico del   di pratica generale: il giornale dell'istituto universitario reale dei medici di famiglia. 2018; 68(669): e245-e251. doi: 10.3399/bjgp18X695465.
  • Annemarie A. Uijen & Eloy H. van de Lisdonk (2008) Multimorbidity nel pronto intervento: Prevalenza e tendenza durante gli ultimi 20 anni, il giornale europeo di pratica generale, 14: sup1, 28-32, DOI: 10.1080/13814780802436093
  • Excoffier S, Herzig L, N'Goran aa, et al. prevalenza del multimorbidity nella pratica generale: uno studio rappresentativo all'interno del sistema di sorveglianza svizzero della sentinella (Sentinella) BMJ apre 2018; 8: e019616. doi: 10.1136/bmjopen-2017-019616
  • Salisbury C, Johnson L, Purdy S, Valderas JM, Montgomery aa. Epidemiologia ed impatto del multimorbidity nel pronto intervento: uno studio di gruppo retrospettivo. Il giornale britannico di pratica generale. 2011; 61(582): e12-e21. doi: 10.3399/bjgp11X548929.
  • Stanley J, Semper K, Millar E, ed altri
  • Epidemiologia del multimorbidity in Nuova Zelanda: uno studio rappresentativo facendo uso dell'ospedale di livello nazionale e dei dati farmaceutici
    BMJ aprono 2018; 8: e021689. doi: 10.1136/bmjopen-2018-021689

[Ulteriore lettura: Multimorbidity]

Last Updated: Oct 22, 2018

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post