Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovi approcci per il combattimento degli acari di Demodex

By Keynote ContributorBy Dr. Kathryn Najafi-Tagol, MDFounder and Medical Director of the Eye Institute of Marin

Da Dott. Kathryn Najafi-Tagol, MD, fondatore e Direttore medico dell'istituto dell'occhio di Marin

Gli acari di Demodex sono uno dei problemi più provocatori che gli oftalmologi e gli optometristi affrontano nella cura sistematica dei loro pazienti.

© Kalcutta/Shutterstock.com

Questi acari sono parassiti microscopici che vivono sulle palpebre e su altre parti della fronte di taglio. Una delle due specie, folliculorum di Demodex, si seppellisce fronte di taglio giù vicino alle root dei cigli. Usa un organo sette-graffiato (“un palpus ") per ottenere le celle. Poi si diletta sulle celle che allineano il follicolo, succhianti fuori il loro frattaglie con un ago di stampa ritrattabile in mezzo ad una bocca rotonda.

Il materiale riciclato che i prodotti degli acari sviluppano come detriti sulle palpebre e che causano l'infiammazione.

Inoltre, il folliculorum del D. porta tipicamente lo stafilococco ed il bacillo batteri di oleronius.

© Kalcutta/Shutterstock.com

La combinazione di acari e di batteri causa la blefarite, una circostanza sofferta da più di 20 milione Americani, in cui gli occhi diventano rossi, irritato e doloroso ed i detriti crostosi si accumulano sugli occhi.

Nel frattempo, le altre specie, Demodex brevis, tane nella ghiandola meibomian da alimentare, spesso tappando su questa ghiandola cruciale. La ghiandola produce una sostanza oleosa che è necessaria da tenere gli strappi dall'evaporazione. Di conseguenza, gli acari brevis del D. sono associati con la malattia di ghiandola meibomian, anche conosciuta come l'occhio asciutto.

Questi parassiti sono comuni. Uno studio li ha trovati in 25% del 20enni, in 30% del 50enni ed in 100% di più vecchi di 90 anni dei pazienti.

I miei propri pazienti sono sconvolti solitamente quando dico loro che ci sono parassiti minuscoli, che sono parenti delle tacche, ragni e scorpioni, dilettantesi sulle celle intorno ai loro occhi.

Così come possiamo combattere questi parassiti? Ci sono parecchi approcci, che possono combinarsi per attaccare gli acari sulle parti anteriori multiple:

Petrolio dell'albero del tè

Alle alte concentrazioni, il petrolio dell'albero del tè è un uccisore potente degli acari di Demodex. Il problema è che le soluzioni di olio 100% del tè, o altre alte concentrazioni, sono molto irritanti all'occhio. Così un approccio è di pulire completamente i cigli e le sopracciglia con una soluzione diluita dell'albero del tè lubrificano, 5% - 50%. Possiamo anche in primo luogo usare un eyedrop anestetico per diminuire l'irritazione dal petrolio dell'albero del tè.

In uno studio, una strofinata quotidiana del coperchio con una soluzione di 5% di petrolio dell'albero del tè ha diminuito sia i numeri degli acari che il itchiness percepito del eyes.3 fino ad oggi, petrolio dell'albero del tè era il metodo main di conservazione degli acari nell'assegno.

Antibiotici & steroidi

Un unguento steroide antibiotico può contribuire ad impedire agli acari di muoversi. Può anche soffocarli. La combinazione di antibiotici e di steroidi è egualmente un trattamento standard per la blefarite. Lo steroide diminuisce l'infiammazione, che è causata dagli acari, i batteri ed i trattamenti come l'albero del tè lubrificano le strofinate. Inoltre, l'antibiotico aiuta il controllo i batteri.

Il problema con questo approccio è che gli steroidi possono peggiorare il glaucoma, mentre l'uso cronico degli antibiotici può piombo allo sviluppo dei batteri che sono resistenti agli antibiotici.

Acido ipocloroso

L'acido ipocloroso (HOCl) è una sostanza naturale prodotta dai globuli bianchi come prima difesa contro gli invasori microbici. I sui beni antimicrobici sono stati riconosciuti più di 100 anni fa, quando le soluzioni che contengono HOCl sono state usate per combattere le infezioni nelle ferite dei soldati danneggiati in WWI.

Recentemente, tuttavia, lo ha soltanto stato possibile per fabbricare una versione stabile e pura di HOCl. HOCl ha beni antimicrobici potenti. Le ricerche di laboratorio indicano che efficacemente uccide il modulo della crisalide degli acari di Demodex come pure i batteri di bacillo oleronius e di staphylococcus aureus che in tensione sulle palpebre e che sono trovati dentro l'intestino di Demodex. Inoltre, HOCl egualmente neutralizza le tossine infiammatorie rilasciate sia dagli acari che dai batteri.

Inoltre, a differenza del petrolio dell'albero del tè, HOCl è completamente non tossico e non irritante.

© Nyrelle Hawkins/Shutterstock.com

L'igiene domestica

Il trattamento gli occhi e delle palpebre può portare il sollievo rapido ai pazienti, molti di chi hanno sofferto dagli acari di Demodex, dalla blefarite, o dall'occhio asciutto per anni.

Ma c'è egualmente fa un passo pazienti può catturare a casa più ulteriormente per diminuire il problema. Raccomando di lavare le lamiere sottili e le federe in acqua calda ed in essiccamento con la regolazione dell'essiccatore possibile più calda per uccidere gli acari che potrebbero saltare altrimenti da letto di fusione alle fronti di taglio. In alcuni casi, potrebbe anche contribuire ad ottenere i nuovi cuscini. I pazienti potrebbero anche studiare la possibilità di non non usando il trucco per una settimana e di eliminare il loro vecchio trucco.

Molti medici si preoccupano che i pazienti non aderiscano ai trattamenti che raccomandano. Ma trovo che una volta che descrivo ai pazienti come i parassiti burrowing nelle loro celle e stanno dilettando sui loro organismi, particolarmente se mostro loro le maschere delle creature microscopiche, io ottengono la loro attenzione e la loro cooperazione completa. Inoltre, se il trattamento è irritante come i prodotti petroliferi dell'albero del tè, i pazienti sono meno probabili essere compiacenti; tuttavia, se la terapia ritiene comoda e fa le palpebre ritenere rinfrescate, i pazienti sono più probabili aderire al regime.

E le buone notizie sono che, dopo gli anni di acari e di trattamento di combattimento della blefarite cronica, i nuovi approcci stanno facendola più probabilmente che possiamo definitivo efficacemente gestire queste circostanze.

Sorgenti

Further Reading


Dichiarazione: Questo articolo non è stato sottoposto a revisione tra pari ed è presentato come i punti di vista personali di un esperto qualificato nell'oggetto conformemente ai termini e condizioni generali generali di uso del sito Web di News-Medical.Net.

Last Updated: Jun 25, 2019

Comments

  1. Linda Haghgoo Linda Haghgoo United States says:

    Wash your face as soon as possible when you wake up because they retreat into us when light hits them. I use Kirk's coconut soap

  2. Helen Turner Helen Turner United States says:

    Anyone have an idea what to do with our cloth stuffed recliners we use to take naps in the afternoon? The article suggest throwing pillows away.

  3. HRFNEMDW 3JNK4REDMF HRFNEMDW 3JNK4REDMF United States says:

    THIS IS A LIE!!! ALMOST EVERY PERSON ON EARTH HAS THESE AND THEYRE JUST FUNKY LITTLE MITES!! THEY DONT CARRY BACTERIA, AND THE ONLY HARM THEY CAN DO IS OVERPOPULATION IN LOW IMMUNE SYSTEMS WHICH CAUSES A RASH >Frown DO NOT SLANDER MY FRIENDS!! THE MITES ARE SO CUTE AND PGOGERS

  4. Ingrid Tarien Ingrid Tarien United States says:

    Good article. A few questions and comments for clarification:
    1. The mites have no anus and they eventually deteriorate or rupture after their 2 week lifespan (releasing whatever has been building up inside them). (There is reference to “the waste material that mites produce” but they don’t actually produce waste in the sense that they can’t poop, not having an anus. Maybe the reference is to what they have stored up inside them that gets released when they break down/rupture after death).
    2. I’ve read males outnumber females by 4-5x. They come out only at night (thus washing in daytime would have limited effect?). Nothing really reaches them inside the follicle and inside the pores as far as I understand. Can you elaborate on this detail please?
    3. They mate at night near the surface of the skin and the female heads back down to eventually lay about 20 eggs. An army of 20 from any one mite missed is a big threat. Would be great to keep them from mating.
    4. It seems that to be really effective, washing and treating should take place at night (away from light). I don’t know if such simple organisms have any rhythms that tell them what time is appropriate other than sensing bright light (if you cover an eye with a tightly fitting dark cup at noon, will they think it is night?)
    5. Does mineral (or other) oil clog their respiration and kill them? Little is written on Demodex from a phylogenetic perspective. I assume they respire somewhat like termites do, from openings in the sides of their body. If so, they should be capable of being suffocated by such - but reaching them/finding access to them doesn’t seem at all easy (they’re not on top of the skin; when we wash, we wash right over where they reside in the pores).
    6. Don’t know what they are made of (chitin exoskeleton?). With regard to using hot water and hot drying cycle, don’t they expire under water when detergent/soap is added (not pure water, as fleas also walk right off the water - the soap would break the surface tension of water and take them down). I don’t see how they could survive a wash cycle. Seems all air pockets would be pretty much gone in fabrics.
    7. With “jumping” from bedding to face - aren’t these extremely slow crawling .3 mm creatures who only move a very short distance in an hour. They don’t have the ability to “jump,” right? The word may be have been used figuratively.
    8. If they only live about 2 weeks, I imagine they don’t survive in the environment (and certainly can’t mate) - so the environment doesn’t seem like much of a threat unless you’re burying your face in something or using hands in a sloppy way (we don’t want them anywhere, but they’re still ubiquitous on humans). And humans only - they are not transmitted to/from pets (dogs and cats have their own species). I don’t know if they can survive harmlessly on another host long enough to live out their short life, but they would not be able to mate and make more (just like if they were on carpet)

    • Helen Cochems Helen Cochems United States says:

      Hello.  I would sure like to learn more about DIY treatments for scalp mites.  Your post provided useful clarification in many areas.  I especially like your use of the term phylogenetic perspective, which is new to me, and will help me in my search.  Thank you very much.

  5. agauerm agauerm Brazil says:

    Seriously, this is like trying to keep ice dry using a towel every couple of seconds. You will never get rid of this mite if every human being on earth has them and they are spread everywhere...

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.