Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Malattie Non Comunicative

le malattie Non comunicative (NCD) sono definite dall'organizzazione mondiale della sanità (WHO) come stati cronici, solitamente della durata lunga e sono causate tramite una combinazione di fattori genetici, fisiologici, ambientali e comportamentistici. Queste malattie non sono contagiose e non tendono ad avere un più impatto significativo su più basso ai paesi con reddito medio dovuto l'influenza dei fattori ambientali e comportamentistici.

Credito di immagine: Olivier Le Moal/Shutterstock.com

malattia Non comunicativa e salubrità globale

Le malattie cardiovascolari quali gli attacchi di cuore e colpo, il diabete, malattie respiratorie croniche quale asma ed una vasta gamma di cancri sono i tipi principali di NCD che urtano oggi la popolazione del mondo.

Annualmente ed intorno al globo, oltre 41 milione di persone muoia da NCDs, rappresentante ogni anno 71% di tutte le morti. Ulteriormente, le statistiche rivelano che 15 milione di persone fra le età di 30 e di 69 muoiono ogni anno da NCDs, con 85% di avvenimento prematuro del ` reputato queste morti' nei paesi bassi e con reddito medio. Ciò dimostra l'influenza socioeconomica significativa sopra lo sviluppo e la progressione di questa malattia.

In termini di quale NCDs è la maggior parte del prevalente, le malattie cardiovascolari sono il più comune, con 17,9 milione di persone che muoiono annualmente. Il Cancro reclama la seguente proporzione di vite più significativa (9,3 milioni), seguita dalle malattie respiratorie (4,1 milioni) e per concludere, il diabete (1,5 milioni). Nel totale, questi quattro gruppi di malattie rappresentano più di 80% di tutte le morti premature in relazione con NCD.

Gli studi hanno indicato che una combinazione di fattori genetici, fisiologici, ambientali e comportamentistici è compresa nello sviluppo e nella progressione di NCDs. In particolare, l'uso del tabacco e l'uso nocivo dell'alcool, l'inattività fisica e le diete non sane aumentano il rischio di una persona di morte da un NCD.

Le organizzazioni di salubrità globali hanno identificato gli efficaci metodi di diagnosi, di selezione e di trattamento come le componenti critiche nel rispondere a questo circostanza oltre a cura palliativa.

Noncommunicable Diseases and their Risk Factors (animated video)

Fattori di rischio delle malattie non comunicative

La gente di influenza di NCDs di tutte le età ed è un carico significativo per tutti i paesi e regioni, sebbene la prova indichi che alcuni gruppi sono più al rischio che altri. Gli studi indicano che quelli nelle più vecchie fasce d'età sono più probabili morire da NCDs. Tuttavia, la malattia ancora urta significativamente le più giovani fasce d'età, con 15 milione morti invecchiate 30 - 69 attribuite a NCDs.

Ulteriormente, i dati indicano che il carico di NCDs è in particolare regioni globali più pronunciate, con le morti premature del `' di quelli nelle più giovani fasce d'età più probabilmente per accadere nelle parti delle parti di sviluppo del mondo.

Ulteriormente, i fattori di rischio che aumentano le probabilità di una persona di sviluppo e della morte da un impatto di NCD tutte le fasce d'età senza distinzione. Significando che i comportamenti nocivi, quali le diete difficili o l'inattività fisica, influenzano la progressione di malattia in bambini, in adulti e negli anziani.

Determinati fattori sono stati identificati come determinare la prevalenza di NCDs, compreso l'urbanizzazione rapida e non pianificata, la globalizzazione degli stili di vita non sani e la speranza di vita aumentante della popolazione. I fattori di rischio che influenzano NCDs possono essere categorizzati come i rischi comportamentistici modificabili e fattori metabolici. Il primo gruppo di fattori può essere indirizzato fermando o cambiando un comportamento nocivo. Il secondo è più duro da gestire dovuto le costruzioni fisiologiche, spesso associate con i fattori genetici.

I fattori di rischio comportamentistici modificabili comprendono l'esposizione a tabacco (sia fumando che fumo passivo), ad inattività fisica (che possono provocare un'elevazione nella pressione sanguigna, nel glucosio di sangue, nei lipidi di sangue e nell'obesità), alla dieta non sana ed all'uso nocivo dell'alcool. Questi fattori di rischio tutti si sono rivelati aumentare il rischio di una persona di NCDs. Per esempio, ogni anno, il tabacco (sia fumando che aiutante che fuma) è attribuito a 7,2 milione morti ed è preveduto per continuare ad aumentare.

Le diete non sane, pricipalmente eccessiva assunzione del sodio, sono attribuite ogni anno a 4,1 milione morti. Più della metà delle 3,3 milione morti totali collegate con uso dell'alcool provenga da NCDs. Per concludere, l'attività fisica insufficiente è attribuita ogni anno a 1,6 milione morti.

I fattori di rischio metabolici, tuttavia, non possono direttamente essere manipolati nel modo che i fattori comportamentistici inscatolano, sebbene, con le giuste strategie, l'alterazione sia possibile. I fattori di rischio metabolici comprendono la pressione sanguigna, l'obesità, l'iperglicemia e l'iperlipidemia elevate. Questi fattori di rischio metabolici possono derivare dai fattori comportamentistici ma egualmente sono moderati dai fattori genetici. I dati indicano che il fattore di rischio metabolico principale è pressione sanguigna aumentata, con 19% delle morti globali da NCDs hanno attribuito a questo fattore.

Il modo in avanti a diminuire la prevalenza di NCDs può essere nell'instaurazione dei metodi preventivi efficaci che abbassano questi fattori di rischio.

Mentre le innovazioni in sistemi diagnostici e terapeutica sono indubbiamente vitali al miglioramento dei risultati e ad abbassare le morti, gli approcci preventivi sono essenziali perché i fattori di rischio in questione in queste malattie, quali i fattori di rischio comportamentistici modificabili, sono variabili. La conoscenza di come indurre l'efficace e cambiamento a lungo termine in questi comportamenti probabilmente sarà fondamentale a diminuire la prevalenza di NCDs.

Riferimenti

Further Reading

Last Updated: Aug 9, 2021

Sarah Moore

Written by

Sarah Moore

After studying Psychology and then Neuroscience, Sarah quickly found her enjoyment for researching and writing research papers; turning to a passion to connect ideas with people through writing.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Moore, Sarah. (2021, August 09). Malattie Non Comunicative. News-Medical. Retrieved on December 02, 2021 from https://www.news-medical.net/health/Non-Communicable-Diseases.aspx.

  • MLA

    Moore, Sarah. "Malattie Non Comunicative". News-Medical. 02 December 2021. <https://www.news-medical.net/health/Non-Communicable-Diseases.aspx>.

  • Chicago

    Moore, Sarah. "Malattie Non Comunicative". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Non-Communicable-Diseases.aspx. (accessed December 02, 2021).

  • Harvard

    Moore, Sarah. 2021. Malattie Non Comunicative. News-Medical, viewed 02 December 2021, https://www.news-medical.net/health/Non-Communicable-Diseases.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.