Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Obesità e sforzo

Lungamente è stato teorizzato che un'associazione esiste fra lo sforzo e l'obesità a lungo termine. Lo sforzo cronico può piombo “alla comodità che mangia,„ che comprende spesso l'eccesso di cibo degli alimenti che sono alti in grasso, nello zucchero e nelle calorie, che, a sua volta, può piombo ad obesità.

Mentre lo sforzo a breve termine può indurre una persona a perdere il loro appetito, lo sforzo cronico può avere l'effetto opposto.

Lo sforzo a breve termine induce il cervello a produrre un ormone disoppressione chiamato ormone dirilascio. I segnali egualmente sono inviati alle ghiandole surrenali che avviano la loro produzione di adrenalina, che temporaneamente sopprime tutto lo stimolo a mangiare come componente della risposta di lotta-o-volo. Lo sforzo in corso, d'altra parte, causa la versione di un ormone chiamato cortisol. Questo ormone aumenta l'appetito e se lo sforzo non passa, il cortisol di una persona ed i livelli di appetito rimangono aumentati.

Uno studio dai ricercatori (UCL) di University College di Londra ha esaminato se c'era un'associazione fra i livelli di cortisol presenti nei capelli e BMI e la circonferenza della vita. I dati sono stati registrati in quattro anni, per più di 2.500 uomini e donne. I 2 pezzi di cm di capelli analizzati hanno rappresentato circa 2 mesi' di valore della crescita e dei livelli del cortisol che si era accumulato durante quel tempo.

Studi la guida Sara Jackson ed il gruppo ha trovato che i livelli elevati di cortisol nei capelli sono stati associati con le maggiori circonferenze della vita e più alto BMIs. La gente che ha fatta un BMI di 30 o più e quindi classificare come obeso ha avuto particolarmente alto cortisol dei capelli livella. Ancora, l'analisi retrospettiva durante il periodo di quattro anni ha mostrato col passare del tempo un'associazione positiva fra i livelli del cortisol dei capelli e la persistenza di obesità.

In uno studio britannico, i ricercatori hanno trovato che quella gente che ha avuta massimo i livelli del cortisol in risposta allo sforzo hanno avuti una maggior tendenza a mangiare gli spuntini quando avverte i problemi quotidiani che la gente che ha avuta un basso livello del cortisol in risposta allo sforzo.

In un altro studio dall'università ebraica di Gerusalemme, i ricercatori hanno esaminato i meccanismi molecolari che possono collegare l'ansia ed il metabolismo. Specificamente, hanno esaminato il collegamento fra l'espressione di certo tipo di microRNA (mRNA) ed i trattamenti si sono riferiti alla sindrome metabolica. Hermona Soreq e gruppo già aveva svolto gli studi che mostrano l'espressione aumentata dei regolatori di infiammazione del microRNA all'interno del cervello e dell'intestino in risposta allo sforzo ed all'ansia, ma i ricercatori hanno voluto esplorare tutta l'influenza che questa ha avuta sull'obesità. Hanno trovato che il mRNA espresso come conseguenza di ansia potrebbe aumentare gli effetti dei trattamenti relativi alla sindrome metabolica. Egualmente hanno trovato che il livello di espressione del mRNA ha variato fra le celle ed i tessuti differenti, secondo se gli oggetti erano stati esposti allo sforzo.

Molti studi sugli animali egualmente hanno suggerito che lo sforzo influenzasse le preferenze dell'alimento, con gli alimenti ricchi in grasso e zucchero che sono preferiti quando gli oggetti diventano fisicamente o emozionalmente hanno sollecitato. Questi alimenti sembrano inibire l'attività di cervello che è compresa nel trattamento dello sforzo e dell'ansia, che ha l'effetto di opposizione delle queste emozioni. Oltre all'eccesso di cibo, lo sforzo può anche piombo per dormire problemi, motivazione in diminuzione da esercitarsi e consumo aumentato dell'alcool, tutti i fattori che aumentano la probabilità di obesità.

Opposizione dello sforzo

La misura principale una persona può catturare se trovano che lo sforzo ha aumentato i loro livelli di fame e quindi il giro vita, è di eliminare gli alimenti nella dieta che sono alti in grasso e zucchero. Alcune altre raccomandazioni che sono descritte qui sotto:

Esercizio: Quando una persona si esercita vigoroso, il livello del cortisol aumenta, sebbene soltanto a breve termine. L'esercizio delicato, d'altra parte, tende ad abbassare il cortisol.

Meditazione: Molti studi hanno dimostrato che la meditazione può fare diminuire lo sforzo. Può anche motivare la gente per essere più avviso circa quali alimenti scelgono di comprare.

Supporto: Essendo supportando dagli amici e dalla famiglia sembra essere utile nell'opposizione dello sforzo e la ricerca ha indicato che le persone che lavorano negli ambienti in genere stressanti quali i dipartimenti di A&E sono significativamente meno probabili avere problemi sanitari di salute mentale se ritengono di supporto da quelle intorno loro.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally first developed an interest in medical communications when she took on the role of Journal Development Editor for BioMed Central (BMC), after having graduated with a degree in biomedical science from Greenwich University.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2018, August 23). Obesità e sforzo. News-Medical. Retrieved on April 11, 2021 from https://www.news-medical.net/health/Obesity-and-stress.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "Obesità e sforzo". News-Medical. 11 April 2021. <https://www.news-medical.net/health/Obesity-and-stress.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "Obesità e sforzo". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Obesity-and-stress.aspx. (accessed April 11, 2021).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2018. Obesità e sforzo. News-Medical, viewed 11 April 2021, https://www.news-medical.net/health/Obesity-and-stress.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.