Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Trattamenti di otite media

Approssimativamente la metà di tutti i casi di dolore di orecchio ha riferito da risoluzione dei bambini in tre giorni senza trattamenti e da 90% in una settimana. Di conseguenza, il trattamento non è sempre necessario e può essere usato semplicemente per gestire i sintomi mentre l'organismo si guarisce.

Sollievo di dolore

Per l'otite media acuta, il dolore può essere abbastanza severo ed il trattamento per indirizzare questo è importante. I farmaci più comuni usati sono paracetamolo, ibuprofene o opioidi come pure eardrops orali della benzocaina e di antipirina.

Il paracetamolo è preferito solitamente mentre è associato con meno effetti secondari, con ibuprofene che è un'alternativa adatta.

I decongestionante e gli antistaminici non sono stati indicati per offrire un grande vantaggio e ci sono alcune preoccupazioni per quanto riguarda gli effetti secondari possibili. Di conseguenza, queste formulazioni - sia intranasale che orale - non sono raccomandate per uso nel trattamento di questa circostanza.

Antibiotici

Gli antibiotici possono essere utili nel contribuire a accorciare il tempo di recupero dell'otite media acuta, ma egualmente sono associati con gli effetti secondari in modo dai vantaggi devono essere pesati su contro i rischi.

La vasta maggioranza degli episodi acuti si sistema senza l'esigenza del trattamento, curante così ordinariamente i bambini con i sintomi dell'otite media provocherà tantissimi trattamenti non necessari. Questi trattamenti possono anche causare il danno, quali il vomito, la diarrea o l'eruzione come effetti secondari.

Come regola generale, gli antibiotici sono indicati per quelli con i sintomi severi o per quelli meno di due anni. Ulteriormente, anche se i sintomi sono delicati moderare, se non migliorano nei 2 - 3 giorni che gli antibiotici possono offrire un vantaggio.

La prima riga scelta di antibiotico è solitamente amoxicillina. Tuttavia, le opzioni alternative del trattamento possono essere indicate in alcune circostanze. Per esempio, se c'è la resistenza sospettata ad amoxicillina o se il bambino la ha utilizzata nei 30 giorni precedenti, una scelta alternativa può essere utile.

La seconda riga scelta è amoxicillina-clavulanate o un altro derivato della penicillina insieme con un beta inibitore di lactamase. Se il trattamento è catturato per più di 48 ore senza un miglioramento notevole nei sintomi che sono evidenti, è consigliabile cambiare la terapia antibiotica.

La lunghezza tipica del trattamento è più lunga dei 7 giorni. Ciò porta un rischio leggermente maggior di effetti secondari ma è più efficace, impedire specialmente la ricorrenza di infezione.

Gli antibiotici attuali di quinolone sono un'altra opzione che sembrano essere più efficaci per lo scarico connesso con l'otite media suppurative cronica, comunque il profilo di sicurezza di questo non è stato determinato.

Tubi di Tympanostomy                              

Alcune persone tendono ad ottenere le infezioni ricorrenti e possono trarre giovamento dai metodi per impedire l'infezione il ritorno alle loro orecchie.

I tubi di Tympanostomy, anche conosciuti come un gommino di protezione, sono un metodo che può contribuire a fare diminuire la ricorrenza dell'infezione. La gente che ha almeno 3 episodi dell'otite media acuta entro 6 mesi, o più di 4 durante un anno, può trarre giovamento dai tubi tympanostomy.

Il tubo è inserito nel timpano e contribuisce a diminuire le tariffe di ricorrenza per il procedimento 6 mesi. Il profilo di effetto secondario è buono e c'è scarso effetto sull'audizione a lungo termine, comunque qualche gente può avvertire uno scarico dall'orecchio conosciuto come il otorrhea.

Nel caso di scarico dalle orecchie come conseguenza dei tubi, i eardrops antibiotici attuali sono il trattamento della scelta per gestire questo, piuttosto che gli antibiotici orali. Ciò è perché gli antibiotici orali sono meno efficaci ed egualmente aumentano il rischio di infezioni opportunistiche.

Trattamenti alternativi

I trattamenti alternativi per l'otite media non sono stati studiati notevolmente e, di conseguenza, c'è prova limitata da pronunciarsi o avvertire contro il loro uso.

La tecnica di Galbreath è un tipo di tecnica osteopatica di manipolazione che ha indicato una certa efficacia e può essere un trattamento di promessa, sebbene la prova fin qui sia inconcludente.

Riferimenti

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Yolanda Smith

Written by

Yolanda Smith

Yolanda graduated with a Bachelor of Pharmacy at the University of South Australia and has experience working in both Australia and Italy. She is passionate about how medicine, diet and lifestyle affect our health and enjoys helping people understand this. In her spare time she loves to explore the world and learn about new cultures and languages.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Smith, Yolanda. (2018, August 23). Trattamenti di otite media. News-Medical. Retrieved on March 05, 2021 from https://www.news-medical.net/health/Otitis-Media-Treatments.aspx.

  • MLA

    Smith, Yolanda. "Trattamenti di otite media". News-Medical. 05 March 2021. <https://www.news-medical.net/health/Otitis-Media-Treatments.aspx>.

  • Chicago

    Smith, Yolanda. "Trattamenti di otite media". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Otitis-Media-Treatments.aspx. (accessed March 05, 2021).

  • Harvard

    Smith, Yolanda. 2018. Trattamenti di otite media. News-Medical, viewed 05 March 2021, https://www.news-medical.net/health/Otitis-Media-Treatments.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.