Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Inquinamento ed Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è un disordine neurodegenerative che causa a lungo termine la demenza, le funzioni anormali del cervello e la dipendenza completa da altre.

È stato nominato dopo il Dott. Alois Alzheimer, un neurologo. Parecchie categorizzazioni sono sviluppate in base ai parametri quali la severità (delicato, moderato, o severo), il tempo di inizio (manifestazione tardiva, o l'presto-inizio) e la risposta infiammatoria (infiammatorio, non infiammatorio, o corticale).

I pazienti soffrono dagli intervalli di memoria che sono persistenti e perfino peggiorano durante il periodo. Queste persone tendono a dimenticare i nomi esperti, gli eventi, o le nomine. Egualmente lo trovano difficile traversare anche nei posti conosciuti.

Il processo decisionale si trasforma in in un compito estremamente provocatorio per loro a causa della funzione mentale deteriorata. I cambiamenti comportamentistici quali i basculaggi asse verticali di umore, la depressione, i reticoli di sonno irregolari e la apatia sono egualmente comuni.

Il morbo di Alzheimer è la maggior parte della causa comune di demenza universalmente. Pregiudica la gente di tutte le origini etniche. Milioni di persone globalmente sono diagnosticati con questa circostanza ogni anno.

Il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer aumenta con l'età (particolarmente durante le metà degli anni 60). Inoltre, le femmine sono ad un elevato rischio relativamente di sviluppare Alzheimer confrontato ai maschi. La prova ben fondata per i grilletti genetici di Alzheimer sta essendo conosciuta, anche se il ruolo dei fattori di rischio collegati allo stile di vita, professionali ed ambientali non può essere negato.

MRI di Alzheimer. Credito di immagine: Atthapon Raksthaput/Shutterstock
MRI di Alzheimer. Credito di immagine: Atthapon Raksthaput/Shutterstock

Inquinamento atmosferico e particolato

I vari metalli e prodotti chimici sono sospesi nell'aria dovuto la loro dimensione delle piccole particelle. Eccetto i meccanismi di difesa naturale dell'organismo, il particolato entra nella circolazione sistematica. Gli studi hanno indicato una quantità elevata della proteina dell'beta-amiloide nei cervelli dei pazienti di Alzheimer che risiedono nelle zone inquinate.

Gli studi egualmente suggeriscono che l'esposizione a lungo termine ad aria ed a smog inquinanti possa contribuire a demenza. In uno studio, gli oggetti esposti ad aria inquinante hanno mostrato un deterioramento nella funzione del cervello equivalente a quella di due anni. Ciò allarma una preoccupazione severa per il rischio aumentato di presto-inizio Alzheimer in città inquinanti.

Parecchie sostanze tossiche nell'ambiente sono collegate con Alzheimer e demenza in generale.

Particelle della magnetite

La magnetite è un modulo di ferro e frequentemente è trovata nel particolato fine. Le particelle della magnetite sono generato dovuto la masterizzazione dei combustibili industriali ed egualmente sono prodotte dentro l'organismo via i trattamenti biochimici naturali. Gli scienziati hanno fatto con successo una chiara distinzione fra le particelle della magnetite hanno creato esternamente e quelli creati dentro l'organismo. Potevano più a fondo studiare il corso delle particelle della magnetite nel cervello dovuto i loro beni magnetici. Lo studio ha indicato che le particelle dentro il cervello erano di una sorgente esterna, provando che le particelle della magnetite dall'aria inquinante possono trasformarsi il cervello. Inoltre, sono state trovate nelle alte concentrazioni dentro le amiloide-beta placche nei tessuti cerebrali.

Tuttavia, come la mera presenza di particelle della magnetite dentro le placche non potrebbe stabilire il loro ruolo nella creazione delle placche o la morte delle cellule, il contributo delle particelle della magnetite nella patogenesi di Alzheimer rimane discutibile.

Teoria ossidativa di sforzo

L'inquinamento atmosferico ha un impatto diretto sulla ricevuta dell'organismo di ossigeno. Quando le tossine ed i prodotti chimici ambientali si dissolvono nel sangue con ossigeno ed attraversano alle cellule cerebrali, causano lo sforzo ossidativo. Lo sforzo ossidativo cronico in tessuti neurali è veduto come forte fattore di rischio per Alzheimer.

Nanoparticelle del nichel

Le nanoparticelle del nichel emesse dallo scarico degli autoveicoli sono conosciute per aumentare i livelli di peptidi dell'amiloide dentro il cervello. Ciò somiglia a con il fenomeno della formazione di placche, l'marchio di garanzia di Alzheimer. Gli scienziati sostengono che almeno 5 su 100 casi di Alzheimer possono essere causati dalle nanoparticelle del nichel nell'aria.

Ruolo dell'età e di ApoE4

Poichè l'eziologia di Alzheimer è multifattoriale, altre variabili quali il genere, l'età e la necessità familiare o genetica di predisposizione essere scomposto dentro.

Uno studio recente ha rivelato un aumento drammatico nel rischio di sviluppare Alzheimer in risposta ad inquinamento atmosferico quando i pazienti erano femmine e variante genetica portata di Apolipoprotein E4 (ApoE4). In un altro studio su grande scala delle donne geriatriche, l'avvenimento di demenza sopra l'esposizione ad inquinamento atmosferico è stato trovato per essere tre volte più alto in quelli con la variante ApoE4.

Anche se parecchi studi indicano una correlazione di inquinamento con l'incidenza di Alzheimer, un legame diretto ancora non è stato stabilito affinchè l'inquinamento sia chiamato come la causa per Alzheimer. Ciò è a causa di molte altre variabili di confusione nel gioco. Tuttavia, il rischio che l'inquinamento atmosferico comporta ed il suo ruolo in Alzheimer è all'unanimità mondiale accettato.

Sorgenti:

Further Reading

Last Updated: Feb 26, 2019

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Patel, HH. (2019, February 26). Inquinamento ed Alzheimer. News-Medical. Retrieved on June 04, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Pollution-and-Alzheimers.aspx.

  • MLA

    Patel, HH. "Inquinamento ed Alzheimer". News-Medical. 04 June 2020. <https://www.news-medical.net/health/Pollution-and-Alzheimers.aspx>.

  • Chicago

    Patel, HH. "Inquinamento ed Alzheimer". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Pollution-and-Alzheimers.aspx. (accessed June 04, 2020).

  • Harvard

    Patel, HH. 2019. Inquinamento ed Alzheimer. News-Medical, viewed 04 June 2020, https://www.news-medical.net/health/Pollution-and-Alzheimers.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.