Ansia del prigioniero

L'ansia è una sensibilità della preoccupazione, nervosismo, o temi che viene spesso quando l'organismo di una persona risponde ad una situazione critica o spaventosa. In questa circostanza, l'organismo prepara per un atto, cioè, combattere contro la minaccia o funzionare a partire da. Quando la nostra mente prepara fare fronte alla minaccia, il nostro organismo mostra alcuni sintomi fisici, che variano basato sul tipo di ansia.

Ciò è un problema comune nella gente, particolarmente fra quelli condannata all'imprigionamento. Uno studio dal ministero della giustizia ha trovato che 23% del maschio e 49% dei prigionieri femminili soffrono dalla depressione e dall'ansia.

Credito di immagine: yimpat/Shutterstock del karanik
Credito di immagine: yimpat/Shutterstock del karanik

Cause di ansia del prigioniero

Ci possono essere numerose cause che rendono un prigioniero ansioso, alcuno di cui è:

Crimine: Il prigioniero pensa perpetuo al crimine che ha commesso e ritiene la preoccupazione o la colpevolezza, piombo allo stress mentale.

Posto: I prigionieri sono limitati ad uno spazio limitato e sono separati dai loro cari; questo isolamento li incita a ritenere forte circa la loro perdita di libertà e sono spinti così in un mondo dello sforzo e della depressione.

La gente: È circondata da altri prigionieri che possono essere imprevedibili e del carattere o del comportamento violento; ciò crea il timore che piombo all'ansia.

Imprigionamento prolungato: Oltre al di cui sopra, le persone che subiscono frequenti o gli imprigionamenti continui sono influenzati dalle circostanze psicologiche. Covano circa cui la società potrebbe dovere per dire circa il loro termine; ciò aumenta i livelli di rischio per lo sviluppo dello sforzo o della malattia mentale principale.

La povertà, abuso di sostanza, disoccupazione, mancanza di intervento iniziale, servizi medico-sanitari di salute mentale nella comunità è egualmente fattori che causano la malattia mentale fra i prigionieri. Alcune cause di qualità intrinseca quali gli effetti di incarcerazione, il ruolo della polizia ed il ruolo di condanna anche dell'influenza la salute mentale degli interni.

Sintomi di ansia in prigionieri

Alcuni sintomi di ansia che sono esibiti dai prigionieri sono come segue:

  • Ogni volta che la porta della prigione si apre o si chiude, gli interni sono perturbati e ritengono sollecitati.
  • Sono arrabbiate e irascibili e sempre alla barriera, invitare qualche cosa di spiacevole per accadere.
  • Senza alcuna ragione, a volte ritengono che siano ammattire o perdenti il controllo.
  • Ritengono sudate ed incontrano difficoltà nella respirazione, con i problemi di sonno.
  • Le preoccupazioni stressanti quali la privazione, l'inutilità, i cambiamenti nel comportamento, ecc., sono vedute in persone che vanno alla prigione o sollecitano.
  • Mentre i prigionieri aspettano un ospite o posta, ritengono una tenuta in loro gola e dicono e che successivamente diventano asciutti.

Questi sintomi, a meno che capito correttamente dal prigioniero in nessun modo lo aiutino a sormontare l'ansia che avverte; infatti, possono peggiorare il suo stato.

Diagnosi

Se i sintomi di cui sopra sono trovati negli interni di una prigione, la loro anamnesi dovrebbe essere esaminata dal medico per confermare la presenza di ansia. Non ci sono altre prove di laboratorio che possono ratificare o diagnosticano il disordine.

Trattamento

L'ansia in un prigioniero è trattabile; il trattamento può essere complesso se la persona ha più di un'ansia, o ha abuso di sostanza. Di conseguenza, i trattamenti in questione specificamente sono personalizzati per ciascuno determinato. Alcuni metodi di trattamento standard egualmente hanno provato efficace. Tali metodi includono le terapie come pure i farmaci.

Terapia comportamentistica conoscitiva

Una terapia orientata a soluzione e combinata comunemente usata è terapia comportamentistica conoscitiva (CBT). I reticoli negativi e diversi nel modo una persona li esamina come pure il mondo è indirizzato in questa terapia. Concentra più sull'identificazione, sull'analizzare, sulla comprensione e sull'alterazione dei reticoli di comportamento e di pensiero del paziente.

Questa terapia comprende due componenti principali:

  • Terapia conoscitiva: Esamina i fattori quali i pensieri o le cognizioni negativi.
  • Terapia di comportamento: Esamina come uno si comporta e reagisce nelle situazioni.

Il paziente attivamente partecipa a questa terapia ed impara le abilità che sono utili per il auto-ripristino. Stanno imparando circa i problemi, il mantenimento delle registrazioni di consultazione, facenti le assegnazioni di compito, ecc., le mansioni che comprendono dentro.

Per migliorare facendo uso di CBT, i pazienti devono praticare continuamente le abilità che imparano durante le sessioni di terapia. Sulla base della persona, i vantaggi di questa terapia in prigionieri sono veduti solitamente entro 12-16 settimane.

Farmaco

I farmaci per ansia sono solitamente sicuri ed efficaci e frequentemente sono usati con le terapie. Sulla base della severità dei sintomi, il periodo di farmaco varia da a breve termine al lungo termine. Tuttavia, richiede solitamente meglio un certo tempo per la droga a lavoro in pazienti, se catturato come istruiti dal medico.

Il farmaco per ansia include solitamente gli antideprimente ed i sedativi che sono prescritti hanno basato sulla severità dei sintomi.  

Autonomia

In molti casi, il prigioniero stessi può trattare il loro stato di ansia in vari modi, come praticando la meditazione, esercizi fisici, riposando in una stanza scura, o parlando con le persone comprensive.

La tariffa di successo del trattamento varia, poichè alcune possono reagire al trattamento entro alcuni settimane o mesi, mentre altre possono avere bisogno di più di un anno.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Feb 26, 2019

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post