Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Epidemiologia di rabbia

La rabbia è una malattia virale che è trasmessa agli esseri umani via il contatto animale e quindi è classificata come malattia zoonotica. La rabbia ha il più grande impatto sulle popolazioni asiatiche ed africane e causa le 59.000 morti stimate ogni anno mondiale.

Credito di immagine: Numstocker/Shutterstock.com

I morsi di cane sono la sorgente più comune della trasmissione della rabbia e morti come conseguenza della malattia. I bambini piccoli sono particolarmente probabili entr inare contatto con il virus della rabbia come conseguenza del contatto con gli animali infettati.

Una vaccinazione contro la rabbia è a disposizione per essere amministrato dopo un'esposizione sospettata al virus, quale dopo un morso animale. Dall'introduzione iniziale del vaccino, il numero delle morti della rabbia ha continuato a diminuire ogni anno. Nel mondo intero, più di 15 milione di persone sono vaccinati dopo il morso dagli animali sospettati per portare il virus della rabbia, che si pensa che salvi le centinaia di migliaia di vite ogni anno.

What Happens When a Human Gets Rabies?

L'Asia e l'Africa

La vasta maggioranza dei morti dovuto la rabbia si presenta in Asia ed in Africa. Più di 95% di tutte le morti connesse con la rabbia accadono in questi continenti. Secondo i dati recenti, l'India ha ogni anno, molto attentamente il più alto numero delle morti come conseguenza della rabbia seguito dal Vietnam e dalla Tailandia.

Questa alta incidenza delle morti è probabile essere associata con le credenze ed i trattamenti medici culturali praticati in queste regioni. In particolare, molte di queste popolazioni non credono nel danno gli animali e dei cani, anche se sono pericolose o sono conosciute per possedere il virus della rabbia. Di conseguenza, la popolazione del cane randagio è considerevolmente più alta ed è più probabile pregiudicare gli esseri umani in un modo negativo.

Inoltre, alcune credenze culturali hanno un impatto sul trattamento medico cercato. Per esempio, è una credenza popolare in India che un morso di cane induce un cucciolo ad essere collocato dentro il corpo umano che deve essere eliminato con l'aiuto di medicina dello stregone locale. Di conseguenza, c'è spesso una mora prima che qualcuno potenzialmente esposto alla rabbia possa accedere alla vaccinazione post-esposizione, che è particolarmente in relazione al tempo e soltanto funziona se amministrato poco tempo dopo il morso. Per questo motivo, una proporzione elevata della gente che è stata morsa non accede al vaccino a tempo e può morire dalla malattia.

Le Americhe ed Europa

La rabbia era una volta molto prevalente fra i paesi Europa ed in Americhe ed è probabilmente dell'origine europea. Tuttavia, l'impatto che la rabbia ha sulle popolazioni che risiedono in queste aree notevolmente ha diminuito dall'introduzione delle misure di salute pubblica per gestire la trasmissione del virus della rabbia.

Questi interventi hanno compreso l'uso molto diffuso delle vaccinazioni per la vasta maggioranza degli animali domestici come pure accedono a alle vaccinazioni post-esposizione per gli esseri umani che sospettano che sono stati in contatto con il virus. Di conseguenza, nel secolo passato, l'incidenza delle morti della rabbia è caduto significativamente e continua a agire in tal modo in queste nazioni.

L'Australia e l'Antartide

La rabbia è quasi inesistente in Australia ed in Antartide. Non ci sono stati casi della rabbia riferiti in Antartide dai morsi di animale selvatico ad un punto qualunque in cronologia.

Fino ad oggi, gli animali smarriti che vivono nel selvaggio in Australia non hanno portato il virus della rabbia ed era quindi non possibile che la rabbia fosse trasmessa agli esseri umani via un morso animale. Tuttavia, il pipistrello australiano Lyssavirus (ABLA) è stato scoperto nel 1996, che porta i simili sintomi e risultati come virus della rabbia.

Riferimenti

Further Reading

Last Updated: Mar 17, 2021

Yolanda Smith

Written by

Yolanda Smith

Yolanda graduated with a Bachelor of Pharmacy at the University of South Australia and has experience working in both Australia and Italy. She is passionate about how medicine, diet and lifestyle affect our health and enjoys helping people understand this. In her spare time she loves to explore the world and learn about new cultures and languages.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Smith, Yolanda. (2021, March 17). Epidemiologia di rabbia. News-Medical. Retrieved on September 20, 2021 from https://www.news-medical.net/health/Rabies-Epidemiology.aspx.

  • MLA

    Smith, Yolanda. "Epidemiologia di rabbia". News-Medical. 20 September 2021. <https://www.news-medical.net/health/Rabies-Epidemiology.aspx>.

  • Chicago

    Smith, Yolanda. "Epidemiologia di rabbia". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Rabies-Epidemiology.aspx. (accessed September 20, 2021).

  • Harvard

    Smith, Yolanda. 2021. Epidemiologia di rabbia. News-Medical, viewed 20 September 2021, https://www.news-medical.net/health/Rabies-Epidemiology.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.