Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Fototipi dell'interfaccia

Il sistema di classificazione del fototipo dell'interfaccia è stato messo a punto da Thomas B. Fitzpatrick nel 1975. È basato sulla sensibilità dell'interfaccia per bruciare e sulla capacità dell'interfaccia abbronzarsi. Il fototipo dell'interfaccia può predire il rischio di cancro dell'interfaccia.

Le mani dei bambini dai colori differenti e corse isolate insieme nel bianco. Credito di immagine: Luis Louro/Shutterstock
Credito di immagine: Luis Louro/Shutterstock

L'intervallo dei fototipi dalla I a VI e soprattutto è collegato con colore della pelle. Il colore della pelle è determinato dalla quantità di melanina nell'interfaccia, che è gestita dalla genetica. La melanina è la riga principale di protezione naturale per l'interfaccia contro le razze ultraviolette offensive del sole.

Illustrazione di anatomia 3d dell
Illustrazione di anatomia 3d dell'interfaccia - credito di immagine: Sciencepics/Shutterstock

Sebbene la melanina assicuri la protezione da radiazione UV, troppa melanina può impedire l'assorbimento utile di luce UV per la sintesi di vitamina D. Quindi, c'è un intervallo dei tipi dell'interfaccia intorno al mondo che sono collegati con l'intensità di luce solare nell'ambiente ancestrale.

What is my skin type? (the six Fitzpatrick skin types)

Melanina

I mammiferi hanno due tipi di melanina, conosciuti come eumelanin e pheomelanin, che sono presenti in interfaccia e capelli. Eumelanin è il nero o il marrone a colori e la sua presenza può essere osservato facilmente.  È abituato perché determina come il buio l'interfaccia è. Al contrario, il pheomelanin è rosso o giallo a colori e la gente con molto pheomelanin ha l'interfaccia e spesso lentiggini più leggere.

Pheomelanin è convertito in melanina quando i melanocytes stanno funzionando ad un ad alto livello. Tuttavia, quando il gene che gestisce la conversione di pheomelanin a melanina non sta funzionando efficientemente, la persona ha una più grande quantità di pheomelanin, che si manifesta come interfaccia più leggera. Ciò è una di parecchie variazioni genetiche che possono provocare interfaccia di colore chiaro.

I tipi differenti

Il disgaggio del fototipo dell'interfaccia è stato utilizzato estesamente negli studi di caso-control e basati sulla popolazione sul cancro di interfaccia. Può essere usato per la valutazione di se stesso della sensibilità del sole attraverso un questionario. Il fototipo dell'interfaccia può anche essere misurato obiettivamente usando un'interfaccia che analizza lo strumento.

Il disgaggio del fototipo dell'interfaccia ha cominciato con soltanto tre fototipi, applicabili ad interfaccia più leggera. Il tipo classificazione corrente dell'interfaccia di Fitzpatrick ha sei tipi variare da estremamente correttamente (tipo I) a molto scuro (tipo VI).

I fototipi sono come segue:

  1. Digiti facilmente il bianco dell'Io-Avorio a colori, ustioni, mai non si abbronza
  2. Digiti facilmente Bianco Ii, ustioni, abbronzature come minimo con la difficoltà
  3. Digiti moderatamente Bianco III, ustioni, abbronzature moderatamente
  4. Digiti Dispositivo di venipunzione-Beige o verde oliva, le ustioni come minimo, le abbronzature moderatamente e facilmente
  5. Digiti il marrone di V-Moderately, raramente le ustioni, abbronzature generoso
  6. Digiti il marrone o il nero Vi-Scuro, mai le ustioni, abbronzature generoso

I tratti quali colore dei capelli, colore degli occhi e la reazione dell'interfaccia per esporre al sole l'esposizione sono considerati quando determina il fototipo dell'interfaccia.

Fototipi nella sanità

Il fototipo dell'interfaccia può essere utilizzato nel campo della dermatologia per stimare la dose minima del eritema (MED) per la dose iniziale phototherapy. Phototherapy è un trattamento utilizzato per alcuni termini di interfaccia quali la psoriasi, l'eczema e l'ittero in neonati.

Oltre alla sensibilità della luce UV, il fototipo dell'interfaccia può anche indicare le complicazioni potenziali per alcune procedure dermatologiche. I tipi IV-VI dell'interfaccia sono a rischio del hyperpigmentation o il hypopigmentation con depilazione del laser e rifare la superficie del laser. Possono anche avere cambiamenti della pigmentazione con la sbucciatura chimica. I candeggianti possono causare le complicazioni per i tipi IV-VI dell'interfaccia, compreso siccità, irritazione e il hyperpigmentation.

Alcuni studi hanno suggerito che la melanina non potesse essere il solo fattore che determina la sensibilità di interfaccia alla luce UV. Per esempio, in persone con una malattia chiamata vitiligine, l'interfaccia è depigmented in alcune aree. Tuttavia, l'interfaccia depigmented si comporta tanto come l'interfaccia completamente pigmentata del paziente con l'esposizione del sole. Un altro studio ha indicato che la gente con albinismo non ha un'più alta incidenza del melanoma rispetto alla gente ai pigmenti principalmente rossi, anche se la loro interfaccia manca della melanina completamente. C'è una certa prova che i composti intermedi chimici delle vie della sintesi della melanina possono anche contribuire al photoprotection, offrente una dimensione oltre quello descritto dal disgaggio del fototipo dell'interfaccia.

Riferimenti

  1. Fototipo dell'interfaccia: una nuova prospettiva, http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/pcmr.12365/full
  2. Il museo di innovazione, altri tratti, http://genetics.thetech.org/ask/ask288 di tecnologia

Further Reading

Last Updated: Feb 27, 2019

Dr. Catherine Shaffer

Written by

Dr. Catherine Shaffer

Catherine Shaffer is a freelance science and health writer from Michigan. She has written for a wide variety of trade and consumer publications on life sciences topics, particularly in the area of drug discovery and development. She holds a Ph.D. in Biological Chemistry and began her career as a laboratory researcher before transitioning to science writing. She also writes and publishes fiction, and in her free time enjoys yoga, biking, and taking care of her pets.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Shaffer, Catherine. (2019, February 27). Fototipi dell'interfaccia. News-Medical. Retrieved on September 17, 2021 from https://www.news-medical.net/health/Skin-Phototypes.aspx.

  • MLA

    Shaffer, Catherine. "Fototipi dell'interfaccia". News-Medical. 17 September 2021. <https://www.news-medical.net/health/Skin-Phototypes.aspx>.

  • Chicago

    Shaffer, Catherine. "Fototipi dell'interfaccia". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Skin-Phototypes.aspx. (accessed September 17, 2021).

  • Harvard

    Shaffer, Catherine. 2019. Fototipi dell'interfaccia. News-Medical, viewed 17 September 2021, https://www.news-medical.net/health/Skin-Phototypes.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.