Stimolanti e sonno

Gli stimolanti sono sostanze che hanno un effetto sul sistema nervoso centrale e sull'organismo, piombo alla vigilanza ed alla difficoltà aumentate nell'ottenere di dormire. Ciò è contrariamente ai sedativi ed agli ipnotici, che fanno diminuire l'attività del cervello ed aumentano la sonnolenza.

Per questo motivo, gli stimolanti comunemente sono associati con veglia e possono contribuire a migliorare l'umore e sollecitare la risposta durante il giorno. Gli stimolanti possono anche essere usati per migliorare il sonno in alcuni pazienti, specialmente quando dosi arrese durante il giorno per migliorare la funzione.

Che cosa è uno stimolante?

Uno stimolante è tutta la sostanza che esercita un effetto sull'organismo per aumentare l'attività fisiologica o nervosa. Agiscono spesso sul sistema nervoso centrale per aumentare la funzione mentale del cervello e della vigilanza, diminuente la sensibilità della sonnolenza.

La caffeina è uno stimolante comunemente disponibile che molta gente usa auto-per gestire l'eccessiva sonnolenza durante il giorno. Contribuisce ad aumentare la vigilanza mentale e può migliorare le vie di pensiero, che possono offrire un efficace effetto stimolatore per i casi delicati della sonnolenza.

Tuttavia, per i casi più severi quali narcolessia o apnea nel sonno, i farmaci dello stimolante possono offrire un vantaggio più profondo. Gli esempi degli stimolanti includono:

  • Armodafinil (Nuvigil)
  • Metilfenidato (Ritalin)
  • Anfetamine (Adderall)
  • Modafinil (Nuvigil)

Stimolanti per migliorare eccessiva sonnolenza

È importante in primo luogo considerare la causa fondamentale di eccessiva sonnolenza quando comincia la gestione per la circostanza. Ciò comprende tipicamente le alterazioni per dormire ambiente di programma, di routine, di sforzo e di sonno.

Alcuni farmaci possono essere utili nel trattamento di eccessiva sonnolenza, compreso alcuni stimolanti. Questi possono essere prescritti per aiutare le persone a restare sveglie e partecipare alle attività quotidiane come di consueto.

Ulteriormente, turnisti che hanno spesso un tatto interrotto di programma di sonno sonnolento sul lavoro e possono trarre giovamento dai farmaci dello stimolante quando altri metodi, quali le abitudini cambianti di sonno, non riescono.

Stimolanti per migliorare sonno in adulti con ADHD

Il deficit di attenzione/disordine dell'iperattività (ADHD) è collegato ai sintomi quali sonnolenza aumentata della latenza e di giorno di sonno e sonno diminuito di rem. I pazienti adulti possono trarre giovamento dall'uso degli stimolanti nervosi centrali quale metilfenidato aiutare il sonno. Il sonno è un'emissione significativa per molti adulti con ADHD e le abitudini difficili di sonno possono peggiorare i sintomi di giorno e creare un circolo vizioso.

Uno studio ha suggerito che amministrazione della guida dello stimolante per migliorare il sonno, compreso le registrazioni polysomnographic, la latenza di sonno ed i risvegli notturni. Tuttavia, la qualità globale di sonno e la soddisfazione riferita di resto erano simili fra il gruppo del metilfenidato ed il gruppo di controllo.

Effetti contrari e sicurezza

Parecchie considerazioni dovrebbero essere rappresentate durante il processo decisionale quando usando gli stimolanti per aumentare la veglia di giorno o l'aiuto dorme alla notte.

Gli effetti contrari degli stimolanti possono includere:

  • Ipertensione
  • Irritabilità
  • Tremito
  • Insonnia
  • Emicrania
  • Nausea e diarrea
  • Ansia
  • Vertigini
  • Radiatore anteriore soffocante
  • Dolore alla schiena

Gli effetti secondari sperimentati dipendono dalla droga specifica usata, dai dosaggi e dalle diverse caratteristiche del paziente.

È importante capire che i farmaci dello stimolante dovrebbero essere usati congiuntamente all'altra tecnica di gestione, quali i cambiamenti o la gestione abituali di ansia.

Riferimenti

[Ulteriore lettura: Sonno]

Last Updated: Aug 23, 2018

Yolanda Smith

Written by

Yolanda Smith

Yolanda graduated with a Bachelor of Pharmacy at the University of South Australia and has experience working in both Australia and Italy. She is passionate about how medicine, diet and lifestyle affect our health and enjoys helping people understand this. In her spare time she loves to explore the world and learn about new cultures and languages.

Advertisement

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post