Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'anatomia del cervello umano

Ogni parte distinta del cervello svolge un ruolo differente nel permettere che gli esseri umani abbiano pensieri e memorie, muovano le loro armi e cosciotti, odore di senso, vista, audizione, tocco ed il gusto come pure mantengano le funzioni di molti organi all'interno dell'organismo.

Anatomia di cervello umano

Credito di immagine: Tefi/Shutterstock.com

Le celle del cervello

I due tipi predominanti delle cellule che il cervello è compreso comprendono i neuroni e le celle glial, gli ultimi di cui possono anche riferirsi a come neuroglia o glia. Secondo la loro posizione in tutto sia i sistemi nervosi centrali che periferici (SNC e PNS, rispettivamente), neuroni può avere morfologie variare.

Mentre questo può essere vero, tutti i neuroni divideranno quattro regioni comuni che comprendono il corpo cellulare, i dendrites, l'assone ed il terminale dell'assone, di cui ciascuno ha loro proprie rispettive funzioni. Il corpo cellulare del neurone, per esempio, ha un nucleo che è responsabile della sintesi delle proteine che attraversano through i microtubuli giù agli assoni ed ai terminali dell'assone con un trattamento conosciuto come il trasporto anterogrado.  

Le celle di Glial possono più ulteriormente essere suddivise nei oligodendrocytes, nelle celle microglial e nei astrocytes, l'ultimo di cui è il tipo più abbondante di cella glial ed occupa circa 25% del volume totale del cervello. I Astrocytes possono più ulteriormente essere classificati come protoplasmic o fibrosi. I astrocytes Protoplasmic sono presenti nella materia grigia del cervello ed hanno parecchi rami che possono interagire con sia le sinapsi che i vasi sanguigni.

Comparativamente, i astrocytes fibrosi, che possono essere trovati soltanto nella materia bianca del cervello, hanno i trattamenti del tipo di fibra lunghi che egualmente interagiscono con i vasi sanguigni come pure i vertici di Ranvier. Catturati insieme, entrambi i tipi di astrocytes interagiscono con i vasi sanguigni regolando il loro flusso sanguigno in risposta ad attività sinaptica.

Come le celle di Schwan del PNS, i oligodendrocytes, che sono soltanto presenti nello SNC, sono responsabili della produzione di mielina, che mantiene la conduzione elettrica di impulso dei segnali del nervo e massimizza la loro velocità come stata necessaria.

Il tipo definitivo di celle glial comprende il microglia, che fa parte della popolazione del macrofago dello SNC che egualmente comprende i macrofagi perivascolari, i macrofagi meningei, i macrofagi degli organi circumventricular (CVO) ed il microglia del plesso coroidico. Come qualunque altro tipo di macrofago, il microglia è celle fagocitiche immuni e così funziona per proteggere lo SNC dagli agenti patogeni potenziali.

Divisioni del cervello          

Il cervello umano può essere diviso spesso in tre parti distinte, che includono il cervello, il cervelletto ed il tronco cerebrale.

Il cervello

La parte principale del cervello è il cervello, che divide gli emisferi cerebrali destri e sinistri, di cui tutt'e due hanno i numerosi popolare ed avvolgimenti presenti sulla loro superficie. Fra questi avvolgimenti sono le creste conosciute come le circonvoluzioni. Le piccole scanalature che sono presenti fra le circonvoluzioni sono conosciute come il plurale del solco o dei solchi, mentre le più grandi scanalature si riferiscono a come fenditure.

A destra e a sinistra gli emisferi cerebrali, di cui tutt'e due sono coperti nella corteccia cerebrale che è conosciuta altrimenti come materia grigia, si uniscono dal corpo calloso. Considerando che il discorso di comandi di emisfero sinistro ed il pensiero astratto, l'emisfero giusto gestisce il pensiero spaziale.

I lobi parietali, temporali e occipitali del frontale, sono i quattro lobi che compongono il cervello. I lobi frontali, che sono presenti direttamente dietro la fronte, sono i più grandi lobi del cervello umano. I lobi frontali sono responsabili in primo luogo per il linguaggio gestente, la funzione di motore ed i vari processi conoscitivi compreso l'autoconsapevolezza, l'umore, l'influenza, la memoria, l'attenzione come pure sia ragionamento sociale che morale.

All'interno del lobo frontale è l'area di Broca, che è responsabile di produzione di discorso. I lobi parietali, che possono essere trovati vicino al centro del cervello fra i lobi frontali e occipitali, sono responsabili dell'interpretazione delle funzioni differenti di memoria e sensitive.

I lobi temporali, che si riferisce a comunemente come il neocortex, è posizionato vicino alla base cranica. All'interno del lobo temporale è l'area di Wernicke, che permette che le persone capiscano sia linguaggio parlato che scritto. Oltre a discorso di trattamento, il lobo temporale egualmente elabora le informazioni sensitive che contribuiscono alla conservazione delle memorie, dei linguaggi e delle emozioni.

Il quarto e lobo definitivo del cervello è il lobo occipitale, che è il più piccolo lobo del cervello e fa parte caudale del cervello. La funzione primaria del lobo occipitale è l'interpretazione di informazioni visive.

Il cervelletto

Il più grande del hindbrain è il cervelletto. Al ricevimento di informazioni del motore sia dalla corteccia cerebrale che dalle strutture osteomuscolari dell'organismo, il cervelletto coordina questi segnali mantenere l'andatura e la posizione degli esseri umani nel moto.

Sebbene il cervelletto stesso non inizi la contrazione del muscolo, aiuta nel perfezionamento e nell'accuratezza di attività motoria gestendo il tono di muscolo. Oltre al suo ruolo nel movimento di motore gestente di regolamentazione e del bilanciamento, il cervelletto egualmente svolge un ruolo nel regolamento di timore e di altre funzioni conoscitive quali l'attenzione, il linguaggio e la risposta umana a piacere.

cervelletto

Credito di immagine: SciePro/Shutterstock.com

Il tronco cerebrale

Il cervelletto ed il midollo spinale sono connessi agli emisferi cerebrali dal tronco cerebrale. Il tronco encefalico può essere classificato in quattro sezioni distinte che includono il diencefalo, il mesemcefalo, il ponte e il oblongata del midollo. Il diencefalo, che è la parte più superiore del tronco cerebrale, più ulteriormente è suddiviso in quattro parti che includono il epithalamus, nel subthalamus, nell'ipotalamo e nel talamo.

Il talamo, che è la più grande parte del diencefalo, servisce da punto del relè per tutte le informazioni sensitive che entrano la corteccia e finalmente ottiene trasmesso al cervello per elaborare. L'ipotalamo egualmente elabora le informazioni sensitive ricevute; tuttavia, tutte informazioni elaborate dall'ipotalamo sono derivate dal sistema nervoso autonomo (ANS).

Di conseguenza, l'ipotalamo mantiene le abitudini alimentari, il comportamento sessuale ed i reticoli di sonno oltre ad una temperatura corporea della persona di mantenimento. Ulteriormente, le secrezioni dell'ipofisi, che si sviluppa da un'estensione discendente dell'ipotalamo, è gestita dall'ipotalamo.

Il mesemcefalo, che connette il diencefalo al ponte, gestisce il moto oculare, mentre il ponte è compreso nel regolamento dell'occhio e movimenti, audizione e bilanciamento facciali come pure tutte le informazioni sensitive elaborati dai nervi facciali.

Il oblongata del midollo, che è situato fra il ponte ed il midollo spinale ed è quindi la parte più inferiore del tronco cerebrale, gestisce le funzioni autonome come la respirazione, la pressione sanguigna, i ritmi cardiaci ed inghiottire. Considerevolmente, la morte cerebrale dei pazienti in una regolazione clinica è dichiarata quando c'è la distruzione significativa del oblongata del midollo.

Riferimenti ed ulteriore lettura

Last Updated: Oct 26, 2020

Benedette Cuffari

Written by

Benedette Cuffari

After completing her Bachelor of Science in Toxicology with two minors in Spanish and Chemistry in 2016, Benedette continued her studies to complete her Master of Science in Toxicology in May of 2018. During graduate school, Benedette investigated the dermatotoxicity of mechlorethamine and bendamustine, which are two nitrogen mustard alkylating agents that are currently used in anticancer therapy.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Cuffari, Benedette. (2020, October 26). L'anatomia del cervello umano. News-Medical. Retrieved on November 27, 2020 from https://www.news-medical.net/health/The-Anatomy-of-the-Human-Brain.aspx.

  • MLA

    Cuffari, Benedette. "L'anatomia del cervello umano". News-Medical. 27 November 2020. <https://www.news-medical.net/health/The-Anatomy-of-the-Human-Brain.aspx>.

  • Chicago

    Cuffari, Benedette. "L'anatomia del cervello umano". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/The-Anatomy-of-the-Human-Brain.aspx. (accessed November 27, 2020).

  • Harvard

    Cuffari, Benedette. 2020. L'anatomia del cervello umano. News-Medical, viewed 27 November 2020, https://www.news-medical.net/health/The-Anatomy-of-the-Human-Brain.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.