Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il sistema limbico e la memoria a lungo termine

Il sistema limbico è un gruppo di strutture specifiche del cervello connesse con la memoria ed i comportamenti emozionali. Nel 1978, l'anatomista francese Paul Broca in primo luogo ha punzonato il termine “lobo limbico„ per descrivere la parte della corteccia cerebrale che forma un limbus, la parola latina per il cerchio, intorno al corpo calloso - il grande gruppo di fibra che connette le cortecce di due emisferi cerebrali.

Due strutture vitali di questa regione sono la circonvoluzione di cingulate e circonvoluzione parahippocampal. Tuttavia, la partecipazione di questa regione specifica del cervello nel gestire i comportamenti emozionali in primo luogo è stata descritta dal medico americano, James Papez, nel 1937.

Ha proposto un circuito del cervello, conosciuto come il circuito di Papez, che ha indicato che la circonvoluzione di cingulate e dell'ipotalamo fosse collegata al nucleo anteriore del talamo attraverso le proiezioni dagli organismi mammillary, una parte dell'ipotalamo posteriore. Il nucleo anteriore del talamo successivamente aggetta alla circonvoluzione di cingulate, che ulteriori progetti all'ippocampo. Per concludere, l'ippocampo aggetta di nuovo all'ipotalamo tramite fornix, che è un grande gruppo di fibra che connette l'ipotalamo e l'ippocampo.

In seguito nel 1952, un altri medico e neuroscenziato americani, Paul D. MacLean, in primo luogo hanno introdotto il termine “sistema limbico„ per ritrarre l'intero hub neurale per emozione.

In gran parte, il sistema limbico comprende le seguenti strutture del cervello:

  • Corteccia limbica - circonvoluzione di cingulate e circonvoluzione parahippocampal
  • Formazione Hippocampal - circonvoluzione dentate, ippocampo e corteccia subicular
  • Amigdala
  • Area settale
  • Ipotalamo

La memoria a lungo termine è un tipo di memoria che è codificata nel cervello per anni. Può essere divisa in due gruppi importanti:

  • La memoria esplicita o dichiarativa si riferisce alle memorie che sono richiamate coscientemente come episodi di vita. Dipende soprattutto dal lobo temporale e dall'ippocampo mediali, sebbene ci sia egualmente teoria che l'amigdala svolge un ruolo in questa.
  • La memoria implicita o procedurale si riferisce alle memorie che sono responsabili dell'apprendimento e del ricordo il motore e delle abilità conoscitive. Dipende soprattutto dai gangli basali e dal cervelletto.

L'apprendimento emozionale ha una forte influenza su formazione di memoria e sul suo consolidamento a lungo termine. Il consolidamento è considerato un trattamento lento, durante cui le memorie ancora non sono considerate permanentemente fissate. Ciò ha potuto permettere l'opportunità per una reazione emozionale relativa ad un evento per influenzare il suo stoccaggio e per aumentare la probabilità che è ricordata.

L'amigdala, una struttura del cervello che soprattutto è compresa nell'apprendimento emozionale, regolamenta le varie fasi di formazione di memoria in altre regioni del cervello, quali l'ippocampo e la corteccia prefrontale. È associata con il consolidamento ed il recupero delle memorie emozionali. Tuttavia, le strutture mediali del lobo temporale compreso l'ippocampo, la corteccia di entorhinal e la corteccia perirhinal insieme con il gioco dell'amigdala un ruolo fondamentale nella formazione dichiarativa di memoria, nel consolidamento di memoria, nella formazione contestuale di memoria di timore e nelle pratiche di condizionamento di ordine superiore ippocampo-dipendenti, come la traccia che condizionano ed apprendimento condizionale di distinzione. Inoltre, l'amigdala influenza l'asse ipotalamico-pituitario-adrenale per rilasciare gli ormoni di sforzo che successivamente regolamentano il consolidamento come pure lo stoccaggio di memoria nel cervelletto, nel neocortex sensoriale e nel lobo temporale mediale.

Il consolidamento di tutta l'nuova informazione come memoria a lungo termine pricipalmente si presenta durante il sonno. Un'interferenza fra il neocortex e l'ippocampo egualmente svolge un ruolo importante nella formazione di memoria e dell'apprendimento. Le cellule nervose attivate di queste regioni di due cervelli in ratto preparato hanno indicato per generare simultaneamente i segnali elettrici ad alta frequenza durante il sonno, suggerente che queste regioni funzionassero nell'armonia per regolamentare l'apprendimento di nuovo compito e di un consolidamento successivo di memoria.

Oltre a consolidamento di memoria, il recupero della memoria contestuale egualmente è regolamentato tramite l'interazione fra l'amigdala, l'ippocampo e la corteccia prefrontale. Contrariamente all'ippocampo dorsale o posteriore, quello codifica le memorie degli oggetti specifici e la loro posizione in un contesto particolare, nell'ippocampo ventrale o anteriore partecipa alla formazione di memoria che si differenzia forte fra i contesti. Tali memorie contestuali dall'ippocampo ventrale o anteriore sono passate sopra alla corteccia prefrontale, che successivamente facilita il recupero delle memorie in relazione con l'oggetto specifiche tramite la corteccia perirhinal e laterale di entorhinal.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Dr. Sanchari Sinha Dutta

Written by

Dr. Sanchari Sinha Dutta

Dr. Sanchari Sinha Dutta is a science communicator who believes in spreading the power of science in every corner of the world. She has a Bachelor of Science (B.Sc.) degree and a Master's of Science (M.Sc.) in biology and human physiology. Following her Master's degree, Sanchari went on to study a Ph.D. in human physiology. She has authored more than 10 original research articles, all of which have been published in world renowned international journals.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Dutta, Sanchari Sinha. (2018, August 23). Il sistema limbico e la memoria a lungo termine. News-Medical. Retrieved on September 25, 2020 from https://www.news-medical.net/health/The-Limbic-System-and-Long-Term-Memory.aspx.

  • MLA

    Dutta, Sanchari Sinha. "Il sistema limbico e la memoria a lungo termine". News-Medical. 25 September 2020. <https://www.news-medical.net/health/The-Limbic-System-and-Long-Term-Memory.aspx>.

  • Chicago

    Dutta, Sanchari Sinha. "Il sistema limbico e la memoria a lungo termine". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/The-Limbic-System-and-Long-Term-Memory.aspx. (accessed September 25, 2020).

  • Harvard

    Dutta, Sanchari Sinha. 2018. Il sistema limbico e la memoria a lungo termine. News-Medical, viewed 25 September 2020, https://www.news-medical.net/health/The-Limbic-System-and-Long-Term-Memory.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.