Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Incidenza di sindrome da shock tossico

La sindrome da shock tossico è una malattia rara che fa partecipare un vasto errore infiammatorio dell'multi-organo e di risposta come conseguenza dell'esposizione alle tossine batteriche.

Credito di immagine: Vitalii Vodolazskyi/Shutterstock.com

James K. Todd era il primo per descrivere la sindrome nel 1978 quando ha notato sette bambini con i simili sintomi, di cui ciascuno è stato infettato con i batteri di staphylococcus aureus. Da questa osservazione, l'incidenza della sindrome da shock tossico è aumentato significativamente durante la seguente decade finché non raggiungesse un picco negli anni 80. Da quel punto, l'incidenza della sindrome da shock tossico continua a diminuire ed ora è veduta come stato relativamente raro.

Incidenza corrente

La sindrome da shock tossico può pregiudicare chiunque nella popolazione, compreso le donne, gli uomini ed i bambini, sebbene sia la più nota per pregiudicare le donne mestruare.

I dati dalla ricerca condotta durante il periodo di 2000-2006 hanno riferito che l'incidenza della sindrome da shock tossico rimane bassa e stabile. Di tutti i gruppi della popolazione, l'incidenza per 100,000 persone era 0,52. Alcuni gruppi della popolazione di particolare, quali le donne invecchiate fra 13 e 25 anni, erano più probabili essere influenzati dalla sindrome, con un'incidenza di 1,41 per 100.000.

Le donne che stanno mestruando ed i tamponi di uso sono ad un maggior rischio di sofferenza dalla sindrome da shock tossico e, per questo motivo, l'incidenza in questa popolazione è più alta. Una certa ricerca ha indicato un'incidenza significativamente più alta quando considera alle popolazioni di rischio delle donne che usano regolarmente i tamponi. Questi studi comprendono i valori di incidenza che variano ad un massimo di 17 per 100.000 donne.

Alti tamponi di capacità di assorbimento

Nel 1978, Procter ed il gioco hanno pubblicato una nuova progettazione dei tamponi nell'ambito della marca contano che è stata intesa per contenere il flusso mestruale senza colare o richiedere la frequente sostituzione. C'era una campagna di marketing discutibile che comprende i campioni liberi a milioni di donne per provare il tampone che “è sbocciato„ in una forma della tazza per assorbire ogni goccia di liquido mestruale.

Tuttavia, nell'inizio degli anni 80, gli studi epidemiologici hanno riferito la sindrome da shock tossico che accade con un'incidenza aumentante nel mestruare le donne. La maggior parte delle donne commoventi date segni dell'infezione di staphylococcus aureus e dell'incidenza della sindrome ha continuato ad aumentare finché non raggiungesse lo stato epidemico.

Più successivamente quell'anno, utenti dei tamponi Rely si è associato con un rischio aumentato di sindrome da shock tossico, che piombo Procter ed il gioco per rispondere richiamando il prodotto. Tuttavia, Rely non era il solo prodotto del tampone disponibile che piombo all'incidenza aumentata della sindrome.

Da allora è stato indicato che gli alti tamponi di capacità di assorbimento sono associati con un rischio aumentato di sindrome da shock tossico, indipendentemente dalla progettazione o dalla marca.

Toxic Shock Syndrome: Way Beyond Tampons

Intervento ed incidenza di salute pubblica

Quando l'associazione fra i tamponi con più alta capacità di assorbimento e la sindrome da shock tossico è diventato chiara, gli interventi di salute pubblica sono stati iniziati per fare diminuire l'incidenza della circostanza.

In particolare, cambiare il tampone regolarmente per evitare usando un singolo tampone per un periodo esteso era essenziale per i giovani che mestruano le donne. Questo messaggio ampiamente è stato divulgato alla popolazione, compreso gli avvisi specifici sull'imballaggio e sulle istruzioni per i prodotti del tampone.

Questa iniziativa di salute pubblica è in gran parte di rappresentare oggi la diminuzione nell'incidenza della sindrome da shock tossico dagli anni 80 e dalla sua rarità relativa. Tuttavia, mestruando le donne non sono la sola popolazione che possa essere influenzata dalla sindrome da shock tossico e gli uomini, i bambini e non mestruare le donne possono anche essere commoventi.

Riferimenti

Further Reading

Last Updated: Mar 23, 2021

Susan Chow

Written by

Susan Chow

Susan holds a Ph.D in cell and molecular biology from Dartmouth College in the United States and is also a certified editor in the life sciences (ELS). She worked in a diabetes research lab for many years before becoming a medical and scientific writer. Susan loves to write about all aspects of science and medicine but is particularly passionate about sharing advances in cancer therapies. Outside of work, Susan enjoys reading, spending time at the lake, and watching her sons play sports.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Chow, Susan. (2021, March 23). Incidenza di sindrome da shock tossico. News-Medical. Retrieved on May 08, 2021 from https://www.news-medical.net/health/Toxic-Shock-Syndrome-Incidence.aspx.

  • MLA

    Chow, Susan. "Incidenza di sindrome da shock tossico". News-Medical. 08 May 2021. <https://www.news-medical.net/health/Toxic-Shock-Syndrome-Incidence.aspx>.

  • Chicago

    Chow, Susan. "Incidenza di sindrome da shock tossico". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Toxic-Shock-Syndrome-Incidence.aspx. (accessed May 08, 2021).

  • Harvard

    Chow, Susan. 2021. Incidenza di sindrome da shock tossico. News-Medical, viewed 08 May 2021, https://www.news-medical.net/health/Toxic-Shock-Syndrome-Incidence.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.