Trattamenti per la malattia di graffio di capone

Trasmesso dal morso o dal graffio di un capone ed occasionalmente dalle pulci o dalle tacche, la malattia di graffio di capone (CSD) è un'infezione batterica comune. È causata dai henselae di Bartonella ed ha un'alta prevalenza nei climi umidi e caldi.

I bambini e gli adolescenti sono più probabili degli adulti avere un elevato rischio dell'esposizione. La gente che diventa ha infettato il presente in 1 - 2 settimane con l'infezione delicata al sito dell'inoculazione, che è seguita dalla linfadenopatia prossimale e dai sintomi sistematici possibili quali febbre, anoressia e malessere.

La diagnosi è fatta sulla base di cronologia clinica e dei sintomi oltre a sierologia (migliore prova iniziale) ed è supportata tramite altre indagini, quali l'ematologia e la biopsia di linfonodo, se necessario.

La CDD è solitamente una malattia dilimitazione e poichè tale richiede generalmente soltanto il trattamento sintomatico e conservatore in pazienti con una presentazione delicata o moderata.

Gli analgesici e le antipiretici possono essere amministrati secondo i bisogni ed applicare il calore localizzato ai linfonodi commoventi può anche essere fatta.

I pazienti con le presentazioni più severe della CDD e dei sintomi atipici quali l'encefalopatia e il neuroretinitis possono essere curati con i corticosteroidi.

Sebbene l'uso dei corticosteroidi sia un po'discutibile, hanno indicato i risultati di promessa una volta usate congiuntamente agli antibiotici appropriati.

Antibiotici

Nella maggior parte dei casi, la terapia antibiotica non è indicata per la CDD. Tuttavia, possono essere una parte vitale della terapia per i pazienti che presentano con le complicazioni cliniche severe dalla CDD.

In particolare, i pazienti immunocompromised dovrebbero essere curati con la terapia antimicrobica, perché sono molto suscettibili della batteriemia e delle conseguenze sistematiche associate.

Gli studi hanno indicato che gli antibiotici sono più efficaci in casi gravi della CDD sono rifampicina, ciprofloxacina, gentamicina e trimetoprim/sulfamethoxazole.

I casi severi della CDD sono stati considerati come quelli con febbre con insistenza alta come pure i segni sistematici, quali l'emicrania, la fatica e la cecità.

I quattro antibiotici sono stati considerare come altamente efficaci, perché piombo ad una riduzione e/o ad una risoluzione della linfadenopatia CDD-associata, ad una riduzione della velocità di eritrosedimentazione (ESR) ed ai sintomi costituzionali ed infiammatori tutti nei 3 - 10 giorni.

La letteratura corrente suggerisce la terapia antimicrobica per i 10-14 giorni sebbene coloro che ha sistemi immunocompromised esistenti possano richiedere i corsi del trattamento più lunghi.

Aspirazione di linfonodo

I pazienti che presentano con suppurazione del linfonodo possono richiedere l'aspirazione. Questa procedura può avere sia valore terapeutico che diagnostico. Inoltre, ripetere la procedura può essere indicata se c'è una ricorrenza del pus nel vertice. I casi dove la diagnosi è incerta e/o l'aspirazione non riesce ad alleviare il dolore connesso con la linfadenopatia possono richiedere l'asportazione chirurgica del vertice.

Seguito e prevenzione

I pazienti e/o quelli di Immunocompromised con i sintomi atipici severi di CDD possono richiedere l'ospedalizzazione. Coloro che è immunocompetent con tutti i segni della malattia sistematica possono essere continuati più successivamente in un ambulatorio con una nomina preveduta parecchie settimane per assicurarsi che la risoluzione della linfadenopatia di CDD sia stata raggiunta.

Tuttavia, un paziente dovrebbe cercare il primo soccorso se le complicazioni neurologiche accadono o se la linfadenite ingrandice progressivamente.

Gli ultimi hanno potuto essere un segno di qualcosa più sinistro, quale un neoplasma. Per impedire la CDD, i genitori dovrebbero istruire i bambini esercitare sempre l'avvertenza per evitare i graffi ed i morsi.

L'igiene adeguata dell'animale domestico egualmente è raccomandata per impedire le infestazioni della tacca e della pulce. Trattando i caponi con gli antibiotici può anche essere fatto, ma non è stato indicato per ridurre il rischio di trasmissione agli esseri umani.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Mar 21, 2019

Dr. Damien Jonas Wilson

Written by

Dr. Damien Jonas Wilson

Dr. Damien Jonas Wilson is a medical doctor from St. Martin in the Carribean. He was awarded his Medical Degree (MD) from the University of Zagreb Teaching Hospital. His training in general medicine and surgery compliments his degree in biomolecular engineering (BASc.Eng.) from Utrecht, the Netherlands. During this degree, he completed a dissertation in the field of oncology at the Harvard Medical School/ Massachusetts General Hospital. Dr. Wilson currently works in the UK as a medical practitioner.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Wilson, Damien Jonas. (2019, March 21). Trattamenti per la malattia di graffio di capone. News-Medical. Retrieved on November 19, 2019 from https://www.news-medical.net/health/Treatments-for-Cat-Scratch-Disease.aspx.

  • MLA

    Wilson, Damien Jonas. "Trattamenti per la malattia di graffio di capone". News-Medical. 19 November 2019. <https://www.news-medical.net/health/Treatments-for-Cat-Scratch-Disease.aspx>.

  • Chicago

    Wilson, Damien Jonas. "Trattamenti per la malattia di graffio di capone". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Treatments-for-Cat-Scratch-Disease.aspx. (accessed November 19, 2019).

  • Harvard

    Wilson, Damien Jonas. 2019. Trattamenti per la malattia di graffio di capone. News-Medical, viewed 19 November 2019, https://www.news-medical.net/health/Treatments-for-Cat-Scratch-Disease.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post