Scoprire i sintomi nascosti: Allucinazioni e delirii nella malattia del Parkinson

By Keynote ContributorDr. Amita Patel, M.DProfessor of Psychiatry, CMD, MHA, CPE
Wright State University, Boonshoft School of Medicine

Studio finalizzato

A 80 anni, il sig. Roberts è stato ammesso ad un ospedale psichiatrico quel fuochi sui soggiorni a lungo termine che seguono un breve soggiorno nel pronto soccorso. La sua ammissione è stata preceduta entro almeno due anni di sintomi che hanno afflitto lui ed anche la sua moglie di 61 anno.

Nel 2010, è stato diagnosticato con la malattia del Parkinson (PD), sebbene inizialmente non urtasse la sua qualità di vita. Era un capo della polizia pensionato ad un ospedale locale ed ha conservato abbastanza mobilità per unire la sua moglie sulle commissioni intorno alla loro cittadina. Tuttavia, nel 2014, sia il sig. che sig.ra Roberts si sono trovati che discute spesso perché avrebbe sostenuto vedere le cose che nessun altro potrebbe percepire. La sua moglie non potrebbe convincerla che le sue credenze non fossero vere.

Specificamente, il sig. Roberts ha cominciato a vedere una famiglia di quattro sconosciuta nella sua casa e mentre non ha riconosciuto gli sconosciuti, ha aborrito “la figura di padre.„ Ritenendo vigilante, il sig. Roberts resterebbe su tutta la notte guardante li. Più ulteriormente, il sig. Roberts era risoluto che un esercito, vestito tutti nel rosso, stava formando la porta affianco e pianificazione il loro attacco.

Credito: jurgenfr/Shutterstock.com

Mentre sig.ra Roberts ha scoperto che questi reclami sconcertano e frustrano, non erano dolorosi finché il sig. Roberts egualmente non la accusasse dell'adulterio. Anche ha sollevato la possibilità che potrebbero divorziare. Questo suggerimento, combinato con le sue visioni ed altri pensieri paranoici, ha convinto sig.ra Roberts che il suo marito era disperatamente a corto di guida che potrebbe più non assicurare ed ha studiato la possibilità di collocarla cura a lungo termine/post-acuta (LT/PAC).

Psicosi della malattia del Parkinson

Le allucinazioni ed i delirii connessi con palladio, come quelli sperimentati dal sig. Roberts, compongono che cosa è conosciuto come psicosi della malattia del Parkinson. Come descritto da due istituti che fa parte degli istituti della sanità nazionali, l'istituto nazionale dei disordini neurologici e colpo e l'istituto della salute mentale nazionale, la psicosi della malattia del Parkinson può essere diagnosticata quando una persona ha una diagnosi preesistente di palladio ed ha l'esperienza in allucinazione o in delirio per almeno i 30 giorni.

Una diagnosi dovrebbe essere fatta soltanto se altri criteri possono essere eliminati, quale la presenza di delirio, di schizofrenia, di depressione, o di psicosi del morbo di Alzheimer.

Mentre molti pazienti del palladio e le loro famiglie sono informati che la malattia è caratterizzata dai sintomi del motore, quale rigidità, tremiti e andatura alterata, sintomi del non motore, quali le allucinazioni o i delirii, può catturarli dalla sorpresa.

La maggior parte non sanno che più della metà della gente con palladio svilupperanno questi tipi di sintomi nel corso della malattia. Inoltre, l'inizio dei sintomi sotto-è riferito frequentemente, l'uno o l'altro perché il paziente o famiglia non ha saputo per dire il loro specialista del palladio circa questi sintomi (perché i sintomi del motore sono il fuoco delle nomine) o dovuto l'imbarazzo.

Credito: Photographee.eu/Shutterstock.com

Tuttavia, è vitale che le allucinazioni ed i delirii sono riferiti. Conciliando uno studio pubblicato nel giornale della società geriatrica americana, compongono uno dei fattori di rischio principali per il collocamento del paziente con palladio in un centro di professione d'infermiera o nell'altro centro di LT/PAC. Un paziente con palladio che egualmente soffre dalle allucinazioni è 2,5 volte più probabile da essere ammesso in un centro di professione d'infermiera e da essere collocato una volta là, è probabile rimanere permanentemente là.

Discussione incoraggiante

Le allucinazioni ed i delirii si sono associati con palladio spesso presente con i temi comuni attraverso la popolazione paziente.

Le allucinazioni sono spesso visive e possono comprendere vedere i bambini o i piccoli animali inatteso. A volte il paziente può inoltre confondere un oggetto un altro (un'illusione) o vedere qualcosa passare velocemente dall'angolo di un occhio. “Sanno che„ qualcosa è là ma non può abbastanza vederlo o sentirlo.

I delirii tendono ad essere paranoici. Per esempio, è comune affinchè i pazienti temi che i loro cari stiano commettendo la frode o l'adulterio. È egualmente comune affinchè un paziente sia completamente lucido, salvo che lui o lei ha le pretese unverifiable circa cui potrebbero vedere o credere.

Nelle impostazioni di LT/PAC, le persone con palladio possono sviluppare questi sintomi. Mentre i coniugi e la famiglia allargata possono essere complementari del residente, i professionisti di cura avranno la responsabilità supplementare di video dei loro pazienti dell'inizio di tali sintomi.

Trattamento le allucinazioni e dei delirii

In palladio, c'è una necessità di saldare il trattamento dei sintomi del motore mentre indirizza i sintomi del non motore gradisce le allucinazioni ed i delirii. Prima dell'approvazione recente degli Stati Uniti (FDA) Food and Drug Administration di una droga antipsicotica novella per il trattamento di palladio, i clinici hanno avuti molto pochi strumenti per trattare le allucinazioni ed i delirii associati.

In primo luogo, i fornitori provano spesso a regolare o diminuire i farmaci di Parkinson. Secondo le fondamenta del Parkinson, c'è una certa prova che i farmaci possono contribuire all'inizio dei sintomi. La prova “del privo di marca„ antipsicotico atipico è un altro approccio.

Mentre questi farmaci possono aiutare con psicosi in pazienti sicuri, egualmente sono associati con gli effetti secondari come peggioramento dei sintomi, della sedazione, della costipazione e delle cadute del motore, che sono particolarmente problematiche in una popolazione paziente più anziana, secondo la ricerca pubblicata in cervello e nel comportamento. La riassicurazione e la terapia comportamentistica conoscitiva sono utili in pazienti selezionati.

Una nuova classe di antipsicotici atipici, chiamata la serotonina selettiva agonisti inversi, ha cominciato essere utilizzata nel trattamento del palladio. Questi mirano preferenziale ai ricevitori 5-HT2A, che sono pensati per svolgere un ruolo importante nella psicosi della malattia del Parkinson, secondo la ricerca dal giornale della neurologia di American Medical Association. Mirando alla serotonina invece di dopamina, queste droghe più ulteriormente non alterano la funzione di motore in una persona con palladio.

La gente d'aiuto riconosce i sintomi

I clinici hanno un ruolo importante nel video per le allucinazioni ed i delirii. Mentre questi sintomi possono sembrare delicati quando in primo luogo accadono (specialmente se i pazienti conservano la comprensione), questo aspetto di palladio può urtare seriamente le famiglie mentre la frequenza e l'intensità dei sintomi aumentano ed il paziente è agitato.

I professionisti di LT/PAC dovrebbero essere dinamici nella descrizione della quella malattia del Parkinson è caratterizzato sia dai sintomi del non motore che del motore. Per medici è egualmente importante fare le domande durante le visite che susciterebbero la segnalazione di sintomo. Con la capacità di diagnosticare più presto questo aspetto della malattia del Parkinson, prima che diventi troppo pesante, i professionisti di cura possono essere posizionati meglio per gestire la circostanza.

Discussione le allucinazioni e dei delirii

I clinici fanno riferire un ruolo in gente d'aiuto con Parkinson ed i loro cari riconoscere ed i sintomi del non motore, quali le allucinazioni ed i delirii.

Durante un esame o la consultazione, qui sono alcune domande possibili che si preoccupano i professionisti, quali gli infermieri, medici, o gli assistenti dell'infermiere certificato (CNAs) possono chiedere dei pazienti e dei membri della famiglia da contribuire a suscitare la segnalazione di sintomo:

Domande per chiedere ai pazienti:

  1. Avete veduto, sentito, o le cose percepite (per esempio, la gente, animali, o oggetti) quegli altri vi dicono che non c' è realmente (allucinazioni)?
  2. Avete le credenze o timori che un caro sta rubando da voi o sta essendo infedele (delirii)? Avete preoccupazioni che la gente intorno voi sta cospirando contro di voi?
  3. Ritenete mai come siete dal tocco con la realtà? Quanto così?

Domande per chiedere ai membri della famiglia:

  1. Avete osservato mai il vostro caro interagire con le cose, vedere le cose, o percepire le cose che non sono là (allucinazioni)? Che cosa hanno descritto?
  2. Il vostro caro ha espresso mai una credenza che sapere per essere falso? Possono essere convinti o hanno comprensione quanto a che cosa è reale?
  3. Se il vostro caro è vedente o credente le cose che non sono vere, queste esperienze hanno urtato la vostra relazione? Quanto così?

Circa Dott. Amita Patel

Il Dott. Amita Patel è uno psichiatra geriatrico in un esercizio privato della professione dal 1991. È corrente un Direttore dell'unità geriatrica del ricoverato della psichiatria all'ospedale senior comportamentistico di cura del porto Dayton, nell'Ohio e l'ospedale commemorativo di Wilson in Sidney, Ohio.

Era un professore associato clinico, dipartimento della psichiatria alla Wright State University, scuola di medicina di Boonshoft dal luglio 1991 al settembre 2014. Egualmente ha servito da Direttore del Clerkship per il periodo di 5 anni ed è stata coinvolgere nella formazione del residente della psichiatria.

Ha ricevuto vari premi d'istruzione quale comprendono nel giugno 1992 “il dipartimento di stato di Wright del premio del riconoscimento della facoltà della medicina„, “associazione psichiatrica americana e Nancy A. Roeske, M.D. Certificate del riconoscimento per eccellenza nella formazione dello studente di medicina„ nel maggio 1995 e “l'accademia di Wright State University di medicina, premio di eccellenza professionale nell'aprile 2005. È un laureato dell'istituto universitario medico del T.N. in Mumbai, India.

Ha ricevuto il suo addestramento in psichiatria dall'università di Cincinnati ed era un residente principale durante il suo anno definitivo. Il Dott. Patel è stato coinvolgere nella formazione geriatrica della psichiatria per la Comunità ed ha presentato sugli argomenti quali il carico del datore di cura, la cura di demenza e la depressione recente di vita.

Era nel 2005 un destinatario dell'associazione americana per la psichiatria geriatrica, “clinico del premio di anno„. È un collega di distinzione dell'associazione psichiatrica americana dal 2003. È dal gennaio 2000 egualmente un Direttore medico certificato alla società per la medicina acuta & a lungo termine post- di cura (AMDA).

Il Dott. Patel egualmente è stato un membro del consiglio di amministrazione attivo dell'associazione americana per la psichiatria geriatrica ed ha servito da segretario e tesoriere per l'anno 2014-15. Il Dott. Patel ha pubblicato gli articoli nei periodi psichiatrici, nelle notizie a lungo termine della cura di McKnight e in Medscape.

[Ulteriore lettura: Malattia del Parkinson]

Riferimenti

  • Ravina B1, Marder K, Fernandez HH, ed altri, “criteri diagnostici per psicosi nella malattia del Parkinson: rapporto di un NINDS, gruppo di lavoro di NIMH.„ Movimenti Disord. 15 giugno 2007; 22(8): 1061-8. Acceduto a il 28 dicembre 2017 a https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17266092
  • Aarsland D, Larsen JP, Tandberg E, Laake K. Predictors del collocamento della casa di cura nella malattia del Parkinson: un basato sulla popolazione, studio prospettivo. Soc 2000 di J Geriatr; 48:938-942.
  • Yuan, terapia antipsicotica atipica di Mei et al. “nella psicosi della malattia del Parkinson: Uno studio retrospettivo.„ Cervello e comportamento 7,6 (2017): e00639. PMC. Web. 28 dicembre 2017.
  • Weintraub, D. Chiang, C., Kim, HM, ed altri, “associazione di uso antipsicotico con il rischio di mortalità in pazienti con il morbo di parkinson.„ JAMA Neurol. doi: 21 marzo 2016 online pubblicato 10.1001/jamaneurol.2016.0031.
  • Ballanger B, et al. ricevitori della serotonina 2A ed allucinazioni visive nel morbo di parkinson. Arco Neurol. 2010; 67(4): 416-421.
  • Schrag A, Hovris A, Morley D, Quinn N, Badante-carico di Jahanshahi M. nella malattia del Parkinson è associato molto attentamente con i sintomi, le cadute e l'inabilità psichiatrici. Parkinsonismo Relat Disord. 2006; 12:35-41.
  • Aarsland D, Larsen JP, Tandberg E, Laake K. Predictors del collocamento della casa di cura nella malattia del Parkinson: un basato sulla popolazione, studio prospettivo. Soc 2000 di J Geriatr; 48:938-942.
  • Aarsland D, Larsen JP, Tandberg E, Laake K. Predictors del collocamento della casa di cura nella malattia del Parkinson: un basato sulla popolazione, studio prospettivo. Soc 2000 di J Geriatr; 48:938-942. E Goetz CG, Stebbins GT. Fattori di rischio per il collocamento della casa di cura nella malattia del Parkinson avanzata. Neurologia. 1993; 43:2227-2229. E Goetz CG, Stebbins GT. Mortalità ed allucinazioni nei pazienti della casa di cura con la malattia del Parkinson avanzata. Neurologia. 1995; 45:669-671.

Dichiarazione: Questo articolo non è stato sottoposto a revisione tra pari ed è presentato come i punti di vista personali di un esperto qualificato nell'oggetto conformemente ai termini e condizioni generali generali di uso del sito Web di News-Medical.Net.

Last Updated: Mar 27, 2018

Advertisement

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post