Cronologia di virologia

La natura dominante dei virus ha avuta suo impatto in tutto il mondo vivente. La malattia virale può essere trovata in impianti, artropodi, i protozoi e batteri, ma anche in più alti animali. Anche se la conoscenza più dettagliata delle loro proprietà biologiche, chimiche e fisiche è stata montata durante i 50 anni ultimi, virus non è fenomeno moderno.

L'identificazione dell'agente causativo della malattia di mosaico del tabacco come agente patogeno novello dal microbiologo olandese Martinus Willem Beijerinck ora si riconosce come essendo le fondamenta della virologia. Tuttavia, come questo era abbastanza discutibile considerando le teorie prevalere dell'era, ha richiesto molti anni affinchè la virologia sia stabilita saldamente come disciplina a parte da batteriologia.

Lo sviluppo del concetto

Entità che ora conosciamo come i virus inizialmente si sono riconosciuti quando è stato trovato che gli agenti patogeni sicuri possono passare tramite i filtri destinati per fermare i batteri. Nel 1887, il chimico che francese Louis Pasteur ha fatto questa osservazione con la rabbia, ignara lui ha incontrato allora un virus.

Nel 1886, il chimico agricolo tedesco Adolf Eduard Mayer ha scoperto che la malattia di mosaico del tabacco potrebbe essere trasmessa agli impianti sani se sono inoculati con gli estratti di linfa dalle foglie degli impianti malati. Sebbene non potrebbe identificare l'agente patogeno, Mayer era sicuro che il suo microbo deve essere un batterio molto insolito.

Mentre, è spesso ingombrante definire una singola data alla scoperta dei virus, uno scienziato russo Dmitrii Iosifovich Ivanovsky è dato credito per in primo luogo il riconoscimento dell'entità che è filtrabile, submicroscopica nella dimensione e differente dal batterio che potrebbe essere la causa della malattia di mosaico del tabacco. Ha istituito il termine “agente filtrabile„ per descrivere tali organismi prima che il termine “virus„ fosse abbracciato.

La natura filtrabile del virus del mosaico del tabacco è stata confermata da Beijerinck, ma i suoi tentativi di isolare con successo il virus erano inutili. Nel 1898, ha proposto una teoria di fluido vivente contagioso e suggerita che questo agente potesse riprodurrsi soltanto all'interno delle celle viventi. Quando, questa idea era nuova e approfondita.

Di conseguenza Mayer, Ivanofsky e Beijerinck ciascuno contribuito allo sviluppo di un paradigma si spostano e un nuovo concetto: un agente filtrabile troppo piccolo essere osservato da microscopia leggera, ma capace di causare malattia moltiplicandosi in celle viventi. Nel 1898, Friedrich Loeffler e Paul Frosch hanno descritto il primo agente filtrabile dagli animali (il virus di afta epizootica), mentre Walter Reed ed il suo gruppo in Cuba ha riconosciuto il primo virus filtrabile umano - virus della febbre gialla.

A quel tempo che il virus di termine (derivato dalla parola latina per veleno o liquido viscoso) è stato usato scambievolmente per tutto l'agente infettante, così che si è applicato al virus del mosaico del tabacco pure. Più successivamente questo termine è stato limitato in uso a quegli agenti che hanno compiuto i criteri sviluppati da Mayer, da Ivanofsky e da Beijerinck, che erano i primi agenti per causare una malattia che non potrebbe essere provata usando i postulati di Koch classici.

Progresso nel campo di virologia

Il concetto di un virus filtrabile ha catturato una volta la tenuta, la procedura sperimentale si è applicato a molti tessuti malati. Per la fine del primo trimestre dello XX secolo (che è praticamente lo stesso calendario di 20 anni che ha catturato per stabilire l'esistenza dei virus) più di 65 malattie degli animali e degli esseri umani erano state attribuite a questi agenti filtrabili.

Fra 1948 e 1955, una transizione critica che converte la virologia animale in scienza del laboratorio era un risultato di quattro punti importanti: superando la difficoltà di coltura degli unicellulari, sviluppante una riga di celle da un carcinoma cervicale (HeLa), sviluppante un media ottimale per la cultura degli unicellulari (il media essenziale minimo di Eagle) come pure dimostrazione della replicazione virale in un explant umano di nonneuronal dei tessuti embrionali.

Nell'era moderna della virologia (dal 1960 in avanti) i cicli ripetitivi dei virus sono stati descritti nei minimi particolari. Ancora, i virologi hanno dimostrato le interazioni elaborate fra i genoma virali, le proteine virali ed il macchinario cellulare del host. Durante i 30 anni ultimi, la campionatura, ordinare e le tecnologie informatiche hanno fornito la possibilità per identificare ed ordinare le intere comunità virali.

Più di cento anni di virologia hanno fucinato i nuovi concetti e se comprensione novella in vita. Lanciato tramite il lavoro dei tre scienziati, fondamenta botanici suddetti che hanno galvanizzato l'era molecolare moderna ed introdotto “l'età dell'oro di vaccinologia„ sono stati stesi, piombo direttamente alla prevenzione del morbillo, della polio e di altre pesti della natura.

Sorgenti

  1. http://jvi.asm.org/content/83/11/5296.long
  2. https://www.ibms.org/go/nm:100-years-virology-table1
  3. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC241285/
  4. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1081732/
  5. http://www.ijidonline.com/article/S1201-9712%2812%2900119-1/fulltext
  6. Levine AJ, Enquist LW. Cronologia di virologia. In: Knipe dm, Howley PM, editori. Virologia dei campi', volume 1. Lippincott Williams & Wilkins, 2007; pp. 3-24.

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2018

Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2018, August 23). Cronologia di virologia. News-Medical. Retrieved on November 14, 2019 from https://www.news-medical.net/health/Virology-History.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Cronologia di virologia". News-Medical. 14 November 2019. <https://www.news-medical.net/health/Virology-History.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Cronologia di virologia". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Virology-History.aspx. (accessed November 14, 2019).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2018. Cronologia di virologia. News-Medical, viewed 14 November 2019, https://www.news-medical.net/health/Virology-History.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post