Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Che microrganismi vivono naturalmente nella bocca?

Oltre 700 specie batteriche co-abiti nella bocca umana sana. Queste specie esistono alle diverse posizioni nella bocca compreso il palato duro, il palato molle, i denti, la linguetta e perfino l'area tonsillar.

Batteri in bocca

Credito di immagine: Maxx-Studio/Shutterstock.com

Che cosa sono Commensals della cavità orale?

La maggior parte dei microrganismi che abitano nella cavità orale vivono in una relazione simbiotica. Mezzi di simbiosi dove sia il host che l'ospite coesistono reciprocamente a favore di a vicenda. I Commensals della cavità orale sorvegliano da vicino la crescita delle specie che possono posare il danno alle sanità. Impediscono l'aderenza dei microrganismi che possono attaccare alle superfici del dente o delle mucose.

Questi microrganismi appartengono largamente allo streptococco, il Eubacteria, il fusobatterio, Capnocytophaga, il Eubacteria, lo stafilococco, Eikenella, Porphyromona, Leptotrichia, Prevotella, Peptostreptococcus, il Treponema, generi degli actinomici.

Alcuni batteri gradiscono lo streptococco, Granulicatella, Gemella e Veillonella è fra i microrganismi predominanti della cavità orale; tuttavia, la maggior parte dei batteri è esplicita a determinati siti. Intorno 20 - 30 diverse specie sono state trovate ad un sito specifico ed il rapporto varia 34 - 72 alle posizioni orali differenti.

La comprensione delle queste flore orali può aiutare nella valutazione delle malattie dentarie varie come gengivite e il periodontitis che rappresentano le infezioni batteriche più frequenti nel corpo umano.

Più d'importanza, questi microrganismi possono anche provocare le infezioni sistematiche serie come l'endocardite batterica, il lavoro prematuro, la polmonite e le malattie cardiovascolari.

Che cosa è un biofilm dentario ed il suo effetto contrario su salubrità dentaria?

Il biofilm dentario è il primo segno dei problemi dentari preveduti. I microrganismi presenti nella cavità orale formano un livello sulle superfici orali. Una volta un a un solo strato è formato, inizio di questi microrganismi che pilling su e forma i livelli multipli che provocano la formazione di matrice multicellulare. La valutazione microscopica di questi biofilms ha indicato che lo streptococco rappresenta circa 80 per cento di questa colonizzazione.

Presto dopo l'instaurazione degli streptococchi a più strati dei biofilms stabilisca le aderenze sulle loro superfici. Queste aderenze sono fatte delle proteine e degli antigeni. Oltre agli streptococchi, i vari microrganismi possono anche formare i biofilms ai siti vari.

Il microbiome orale è suscettibile di frequenti rotture causate dal host. Le pratiche sistematiche dell'igiene orale possono disturbare questi biofilms. Tuttavia, durante un certo tempo questi microrganismi sopravvivono a in presenza di vari atti inibitori come la spazzolatura, flossing, la masticazione di alimento e swishing con i disinfettanti orali.

Quali malattie sono associate con il microbiota orale?

I Biofilms presenti nella cavità orale sono essenziali per il sostentamento di buona salubrità orale ma un aumento nel volume e nelle complessità di questi biofilms può provocare le malattie come gengivite e Periodontitis.

I Biofilms soprattutto sono composti di batteri anaerobici gram-positivi come lo streptococco anginosus e A.naeslundii; tuttavia, le circostanze poco igieniche possono abitare batteri gram-negativi come le speci di Porphyromonas, il denticola del Treponema, le speci del campilobatterio e i actinomycetemcomitans del A.

Gli studi hanno evidenziato che se l'igiene dentale non è mantenuta questi batteri gram-negativi possono infettare altri organi. Per esempio, l'endocardite batterica è una tale circostanza che può pregiudicare il cuore umano. Oltre a questo, il cattivo respiro, l'infezione delle root dentarie e l'actinomicosi egualmente sono quotati come alcune delle altre preoccupazioni da questi biofilms.

L'igiene orale buona di mantenimento è la spina dorsale della prevenzione di molte malattie. Sebbene non sempre ma i trattamenti dentari complessi possano anche trasportare questi batteri alla circolazione sanguigna, agli organi vitali come i polmoni, ai reni ed al cervello.

La ricerca ha indicato un'associazione vicina fra le malattie peridentali e le malattie dell'apparato respiratorio. Il microbiota orale può fungere da deposito di vari agenti patogeni respiratori particolarmente in pazienti ammessi alle unità di cure intensive. Swishing regolare con i disinfettanti orali come clorexidina e le soluzioni antisettiche può evitare questi batteri.

Le micosi nella cavità orale possono essere un risultato della crescita dei biofilms fungosi. C. Albicans è funghi naturali nella cavità orale ma in presenza delle circostanze poco igieniche, rapidamente si moltiplica e si sviluppa particolarmente sulle superfici dure come le protesi dentarie.

L'una ricerca recente condotta alla Harvard University anche ha indicato che i batteri orali uno nominati P.gingivalis possono causare le preoccupazioni serie di salubrità come il morbo di Alzheimer.

Periodontitis

Credito di immagine: Lightspring/Shutterstock.com

Può il probiotics aiutare nella diminuzione della sovrapproduzione dei microrganismi orali?

Durante questi ultimi anni, il probiotics ha indicato i notevoli vantaggi nell'aiuto dei buona salute, ma più di meno è conosciuto circa l'impatto di assunzione del probiotics su salubrità orale. dovuto l'emergenza dei batteri resistenti agli antibiotici, a prodotti dentari basati a probiotica stanno diventando popolari.

Uno tale studio è stato intrapreso per valutare l'effetto del probiotics su salubrità orale. I risultati hanno rivelato che il probiotics può aiutare nella neutralizzazione dell'ambiente altamente acido della cavità orale e quindi, impedisce l'attività dei batteri cariogenici.

I risultati egualmente hanno riflesso che i pazienti che soffrono dalle preoccupazioni dentarie come gengivite e il periodontitis indicati hanno tracciato il miglioramento in loro paletto di salubrità della gomma che mastica alle le gomme da masticare basate a probiotica. Swishing la bocca con ai i colluttori basati a probiotica ha impedito la crescita ai dei batteri basati a zolfo con conseguente respiro inodore.

Sorgenti:

Further Reading

Last Updated: Sep 16, 2020

Akshima Sahi

Written by

Akshima Sahi

Akshima is a registered dentist and seasoned medical writer from Dharamshala, India. Akshima is actively involved in educating people about the importance of good dental health. She examines patients and lends free counseling sessions. Taking her passion for medical writing ahead, her aim is to educate the masses about the value of good oral health.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Sahi, Akshima. (2020, September 16). Che microrganismi vivono naturalmente nella bocca?. News-Medical. Retrieved on September 16, 2021 from https://www.news-medical.net/health/What-Microorganisms-Naturally-Live-in-the-Mouth.aspx.

  • MLA

    Sahi, Akshima. "Che microrganismi vivono naturalmente nella bocca?". News-Medical. 16 September 2021. <https://www.news-medical.net/health/What-Microorganisms-Naturally-Live-in-the-Mouth.aspx>.

  • Chicago

    Sahi, Akshima. "Che microrganismi vivono naturalmente nella bocca?". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/What-Microorganisms-Naturally-Live-in-the-Mouth.aspx. (accessed September 16, 2021).

  • Harvard

    Sahi, Akshima. 2020. Che microrganismi vivono naturalmente nella bocca?. News-Medical, viewed 16 September 2021, https://www.news-medical.net/health/What-Microorganisms-Naturally-Live-in-the-Mouth.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.