Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Che cosa causa la nefropatia diabetica (malattia renale)?

In molti diabetici, i reni lentamente si ispessiscono e sono sfregiati progressivamente col passare del tempo. I nephrons, che sono le unità funzionali e strutturali di base dei reni, diventano colanti e permettono l'albumina, una proteina fatta dal fegato, per passare liberamente nell'urina. Il danneggiamento del rene può essere in corso per molti anni prima che un paziente diventi sintomatico e perda la capacità di filtrare il sangue, di gestire il bilanciamento fluido dell'organismo e di eliminare i residui.

Per definizione, la nefropatia diabetica (DN) è tipicamente macroalbuminuria e funzione anormale del rene. Macroalbuminuria è considerare come un'escrezione dell'albumina nell'urina al di sopra di 300 mg su un periodo di 24 ore. La funzione del rene è catturata poichè anormale nei casi in cui c'è le anomalie in creatinina del siero, la distanza calcolata della creatinina del siero o grado di filtrazione glomerulare (GFR).

Il DN è considerato il caso quando c'è macroalbuminuria da solo o macroalbuminuria insieme alla funzione renale anormale. I segni clinici di DN comprendono gli importi aumentanti dell'albumina nell'urina con GFR diminuito e nell'ipertensione con il rischio aumentato di morbosità e di mortalità cardiovascolari.

Eziologia di nefropatia diabetica

Mentre la causa esatta di DN rimane sconosciuta, parecchi meccanismi sono stati postulati. Questi includono, iperglicemia, prodotti di glycation e l'attivazione delle citochine pro-infiammatorie. Alcuni studi credono che cause glycemic difficili iperfiltrazione di iperglicemia e di controllo e lesione del rene. Inoltre, i fattori genetici e/o familiari possono anche svolgere un ruolo. Gli afroamericani, i latino-americani e gli indiani del nativo americano sono stati osservati come essendo ad un elevato rischio di sviluppare il DN. Il danno del rene è egualmente più probabile accadere in coloro che fuma, ha ipertensione ed ha avuto diabete di tipo 1 prima della seconda decade di vita.

Patofisiologia

Nelle fasi iniziali di diabete, c'è iperinflazione glomerulare e un aumento risultante in GFR, che è creduto di essere mediato dall'iperglicemia. Ciò può essere collegata con l'espansione mesangial del rene e un aumento nella crescita delle celle renali con l'aiuto delle citochine, quale il fattore di crescita di trasformazione B (TGF-B). TGF-B è particolarmente importante nell'espansione e successivamente nella fibrosi. Ulteriormente, legature del glucosio reversibilmente ed irreversibilmente ad alcune proteine sia nei reni che nella circolazione per formarsi che cosa sono chiamati prodotti finiti avanzati della glicosilazione (età). Queste età contribuiscono a danno del rene quando formano i complessi che possono stimolare la crescita e la fibrosi.

L'ipertensione è creduta per svolgere un ruolo nel DN, perché gestire questo parametro ha indicato per fare diminuire la progressione dei diabetici a DN. Gli studi sugli animali hanno evidenziato l'importanza di questo fattore, dove il grado di DN è stato correlato forte pressioni sanguigne sistematiche agli animali'. L'ipertensione conosciuta per causare la lesione endoteliale e il dysregulation della pressione sanguigna al livello del rene è un fattore di contributo.

In persone con il diabete di tipo 1, c'è primo microalbuminuria dall'età di 5, che è seguita più successivamente da DN e dal macroalbuminuria circa una decade. La metà di questi pazienti sviluppa la malattia renale di stadio finale (ESRD) all'interno dei 10 - agli anni 15 dopo l'inizio del microalbuminuria.

Al contrario, circa 3 in ogni tipo 10 - 2 diabetici, senza intervento, possono diventare DN. Dopo circa 2 decadi della malattia renale, circa 20% di loro può sviluppare ESRD. Mentre una poca percentuale di tipo - 2 diabetici diventano ESRD rispetto ai diabetici di tipo 1, quelli con il diabete di tipo 2 comprendono una maggior percentuale la popolazione che richiede il trattamento di dialisi, perché il diabete di tipo 2 è più comune del tipo 1.

Sorgenti

Further Reading

Last Updated: Jun 17, 2019

Dr. Damien Jonas Wilson

Written by

Dr. Damien Jonas Wilson

Dr. Damien Jonas Wilson is a medical doctor from St. Martin in the Carribean. He was awarded his Medical Degree (MD) from the University of Zagreb Teaching Hospital. His training in general medicine and surgery compliments his degree in biomolecular engineering (BASc.Eng.) from Utrecht, the Netherlands. During this degree, he completed a dissertation in the field of oncology at the Harvard Medical School/ Massachusetts General Hospital. Dr. Wilson currently works in the UK as a medical practitioner.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Wilson, Damien Jonas. (2019, June 17). Che cosa causa la nefropatia diabetica (malattia renale)?. News-Medical. Retrieved on January 22, 2021 from https://www.news-medical.net/health/What-causes-Diabetic-Nephropathy-(Kidney-Disease).aspx.

  • MLA

    Wilson, Damien Jonas. "Che cosa causa la nefropatia diabetica (malattia renale)?". News-Medical. 22 January 2021. <https://www.news-medical.net/health/What-causes-Diabetic-Nephropathy-(Kidney-Disease).aspx>.

  • Chicago

    Wilson, Damien Jonas. "Che cosa causa la nefropatia diabetica (malattia renale)?". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/What-causes-Diabetic-Nephropathy-(Kidney-Disease).aspx. (accessed January 22, 2021).

  • Harvard

    Wilson, Damien Jonas. 2019. Che cosa causa la nefropatia diabetica (malattia renale)?. News-Medical, viewed 22 January 2021, https://www.news-medical.net/health/What-causes-Diabetic-Nephropathy-(Kidney-Disease).aspx.

Comments

  1. Julia Doma Julia Doma Sweden says:

    It’s no exaggeration to state that diabetes is a colossal
    health epidemic in the United States. In their 2014 National Report, the CDC estimates that 29.1 million people have diabetes, which represents an alarming
    9.3% of the US population.

    Many diabetics already know about the benefits of a low-glycemic diet, but why haven’t they heard about turmeric, one of the world’s most extensively researched
    anti-diabetic plants?

    Turmeric root has been shown to be a true diabetes-fighting superstar; recent studies have shown that turmeric extract is effective at helping fight Type
    2 diabetes.

    A recent literature review published in the International Journal of Endocrinology and Metabolism [1] adds promising new support to the notion that the ancient Indian spice
    turmeric may provide an ideal drug alternative to treating and perhaps even preventing type 2 diabetes.

    The study reviewed research published between 1998 to 2013 that indicates the active polyphenol in turmeric known as curcumin may provide an ideal intervention for type 2 diabetes, capable of reducing elevated blood sugar levels
    and insulin resistance.

    How it Works:

    Amazingly, the research literature review concluded that
    turmeric and it's active component curcumin could improve
    the type 2 diabetic state through many different mechanisms,
    such as:

    - Reduction in liver glucose production
    - Reduction in liver glycogen production
    - Stimulation of increased glucose uptake
    - Suppressing high blood sugar induced inflammatory states
    - Stimulating insulin secretion from pancreatic tissues
    - Improvement in pancreatic cell function
    - With the possibility of deadly side effects from drugs, we
    need natural, safe, affordable and easily accessible
    alternatives like turmeric now more than ever.

    But before you run out and buy turmeric, you need to read
    this... not just ANY turmeric will work.

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.