Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Che cosa sta determinando l'aumento recente nelle allergie alimentari?

Un'allergia alimentare è una circostanza dove l'esposizione a determinate proteine in alimento induce una reazione immune anormale e nociva.

allergiaCredito di immagine: Evan Lorne/Shutterstock.com

Il sistema immunitario confonde le proteine, citate come allergeni, dato che gli invasori ed i lanci nocivi un attacco che può provocare i sintomi delicati quali gli alveari sull'interfaccia, ai sintomi severi quali la respirazione della difficoltà e la perdita di coscienza.

Il modulo più severo della reazione allergica è anafilassi - una reazione potenzialmente pericolosa caratterizzata dal ritenere respirazione della difficoltà e debole, corrente la frequenza cardiaca, la confusione, la perdita di coscienza e sprofondare.

Più di 170 alimenti sono stati identificati come allergeni, ma gli otto allergeni principali che sono responsabili di intorno 90% delle reazioni severe sono latte, uovo, arachide, frutta a guscio, grano, soia, pesce e crostacei.

L'allergia alimentare rappresenta una preoccupazione importante di salute pubblica, specialmente nel mondo sviluppato. Secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), la sua prevalenza aumentata di circa 50% fra 1997 e 2011 ed ora pregiudica intorno uno in 13 bambini.

La prevalenza dell'allergia della frutta a guscio o dell'arachide egualmente ha aumentato triplo fra 1997 e 2008 e fra il fine degli anni 90 e il mid-2000s, l'ospedalizzazione di infanzia come conseguenza dell'allergia egualmente ha aumentato triplo.

La prevalenza dell'allergia nel Regno Unito e molti altri paesi sviluppati egualmente sta aumentando. Secondo i preventivi dall'agenzia di norme alimentari (FDA), circa 5 - 8% dei bambini e 1 - 2% degli adulti ora hanno un'allergia alimentare nel Regno Unito.

I preventivi di CDC egualmente suggeriscono che più di 40% dei bambini degli Stati Uniti con un'allergia alimentare abbiano avvertito un modulo severo della reazione, compreso anafilassi ed il numero delle procedure mediche richieste come conseguenza di anafilassi aumentata entro quasi cinque volte fra 2007 e 2016. L'allergia alimentare è più prevalente in Australia, con uno studio che trova che 9% dell'un-anno-olds ha avuto un'allergia dell'uovo e 3% ha avuto un'allergia dell'arachide.

Le ragioni che sono alla base della prevalenza aumentata dell'allergia alimentare completamente non sono capite, ma i ricercatori intorno al mondo hanno proposto le varie teorie e stanno lavorando duro per combattere il problema.

Introduzione in ritardo degli allergeni dell'alimento

Una teoria è che i genitori stanno evitando presentando i loro bambini agli alimenti potenzialmente allergeni che significano che i bambini reagiscono anormalmente agli allergeni li incontrano una volta che. Ciò era la base di uno studio piombo da mancanza di Gideon dall'College Londra di re chiamata l'apprendimento presto circa lo studio di allergia dell'arachide (SALTO).

Lo studio ha indicato che fra i bambini che hanno evitato mangiare le arachidi, 17% ha sviluppato un'allergia dell'arachide prima che fossero l'età 5, mentre soltanto 3% chi hanno mangiati l'arachide presentata nella loro dieta a partire dall'anno essi nascevano ha sviluppato l'allergia dall'età cinque. I partecipanti del bambino già hanno avuti un'allergia e/o un eczema dell'uovo, di cui tutt'e due sono forti preannunciatori per l'allergia della noce.

La teoria è quella che mangia gli alimenti allergeni durante il periodo di svezzamento efficacemente “prepara„ il sistema immunitario dell'intestino per tollerare i batteri e le sostanze non Xeros quali i nuovi alimenti.

I risultati di studio di SALTO hanno provocato i cambiamenti alle linee guida degli Stati Uniti circa il consumo dell'arachide durante l'infanzia, che gli esperti precedentemente avevano passare gli anni che dire dovrebbe essere evitato.

L'ipotesi dell'igiene

Un'altra teoria, citata come “l'ipotesi dell'igiene,„ presuppone che una mancanza di esposizione ai microrganismi durante la prima infanzia pregiudica il microbiome dell'intestino (la popolazione totale dei microbi che vivono all'interno di e sul corpo umano) e le cause il sistema immunitario per identificare erroneamente le proteine dell'alimento come agenti infettante. Le infezioni parassitarie, in particolare, sono combattute solitamente dagli stessi meccanismi immuni che sono usati per affrontare l'allergia.

La teoria propone quella dopo la nascita, l'organismo entr inare contatto con una grande selezione dei batteri nell'aria, sulla terra e nella dieta, che popolano l'intestino per formare il microbiota dell'intestino. Microbiota è così importante che oltrepassano le 27 - 37 celle trilione nel nostro organismo vicino intorno tre volte, con ciascuno di noi che portiamo circa 3 batteri trilione noi.

L'ipotesi dell'igiene postula che l'igiene in eccesso o l'uso antibiotico praticato come componente di vita moderna ha limitato l'esposizione a una vasta gamma di batteri che si sono evoluti accanto agli esseri umani. Questa esposizione aiuta l'organismo a mettere a punto un sistema immunitario ben regolamentato che non reagisce anormalmente agli allergeni inoffensivi e non li tratta come minaccia.

Ipotesi di vitamina D

Una terza teoria, che egualmente è collegata alla vita moderna e urbana, è collegata con il fatto che c'è un elemento geografico alla prevalenza aumentata dell'allergia alimentare. I ricercatori hanno cominciato notare che la prevalenza di allergia alimentare sembra coincidere con la disponibilità di luce solare.

I ricercatori australiani Katie Allen e Carlos Camargo condotto studia indicare che una mancanza di esposizione a luce solare, che può piombo alla vitamina D la carenza, può aumentare il rischio di un bambino di sviluppare l'allergia dell'uovo 3 volte ed il rischio di sviluppare l'allergia dell'arachide 11 volte.

L'idea è che la vitamina D può contribuire a regolamentare il sistema immunitario in modo che l'organismo sia meno suscettibile dell'allergia. La vita urbana ed il tempo passati all'interno diminuiscono l'esposizione agli ambienti e luce solare naturale e quando i bambini sono esposti a luce solare, genitori spesso seguono le raccomandazioni coprire l'interfaccia esposta del loro bambino di protezione solare.

Come gli aumenti di popolazione e diventa più densa, la nostra esposizione agli spazi verdi e gli ambienti naturali diminuisce, significando opportunità di mancanze del sistema immunitario le numerose di incontrare i microbi e di accedere a a luce solare.

Sebbene i ricercatori ritengano generalmente la prevalenza aumentata dell'allergia alimentare è determinata dai fattori multipli, gli studi suggeriscono che l'urbanizzazione aumentata sembri essere un forte preannunciatore in una popolazione data. Negli Stati Uniti, la prevalenza della carenza di vitamina D è quasi due volte probabilmente che cosa era appena durante una decade fa.

Sorgenti

Allergia. Società britannica per immunologia. Disponibile: https://www.immunology.org/policy-and-public-affairs/briefings-and-position-statements/allergy

Fatti e statistiche. PREZZO: Ricerca & formazione di allergia alimentare. Disponibile a: https://www.foodallergy.org/life-with-food-allergies/food-allergy-101/facts-and-statistics

Anafilassi di generalità. NHS 2016. Disponibile a: https://www.nhs.uk/conditions/Anaphylaxis/

Allergie: il flagello di vita moderna? The Guardian 2018. Disponibile a: https://www.theguardian.com/society/2018/oct/20/allergies-the-scourge-of-modern-living-hay-fever-ashtma-eczema-food-peanuts-dairy-eggs-penicillin

Perché il mondo sta diventando più allergico ad alimento. Notizie 2019 di BBC. Disponibile a: https://www.bbc.co.uk/news/health-46302780

Further Reading

Last Updated: Nov 20, 2019

Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally has a Bachelor's Degree in Biomedical Sciences (B.Sc.). She is a specialist in reviewing and summarising the latest findings across all areas of medicine covered in major, high-impact, world-leading international medical journals, international press conferences and bulletins from governmental agencies and regulatory bodies. At News-Medical, Sally generates daily news features, life science articles and interview coverage.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2019, November 20). Che cosa sta determinando l'aumento recente nelle allergie alimentari?. News-Medical. Retrieved on October 20, 2020 from https://www.news-medical.net/health/Whats-Driving-the-Recent-Rise-in-Food-Allergies.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "Che cosa sta determinando l'aumento recente nelle allergie alimentari?". News-Medical. 20 October 2020. <https://www.news-medical.net/health/Whats-Driving-the-Recent-Rise-in-Food-Allergies.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "Che cosa sta determinando l'aumento recente nelle allergie alimentari?". News-Medical. https://www.news-medical.net/health/Whats-Driving-the-Recent-Rise-in-Food-Allergies.aspx. (accessed October 20, 2020).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2019. Che cosa sta determinando l'aumento recente nelle allergie alimentari?. News-Medical, viewed 20 October 2020, https://www.news-medical.net/health/Whats-Driving-the-Recent-Rise-in-Food-Allergies.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.