Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Applicazioni delle celle di T dell'AUTOMOBILE

La terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE è un trattamento immunologico di promessa per cancro. Comprende i ricevitori chimerici dell'antigene di assistenza tecnica (CAR) per riorientare le celle di T verso le cellule tumorali mirate a.

Credito: Meletios Verras/Shutterstock.com

L'efficacia clinica di questa tecnica per trattare le malignità ematologiche è stata provata e gli studi in corso stanno studiando il suo ruolo per trattare i tumori solidi. Le celle di T dell'AUTOMOBILE possono anche applicarsi per gestire gli effetti secondari, compreso la sindrome della versione di citochina.

Terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE per le malignità ematologiche

La terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE si è rivelata riuscito nei test clinici trattare le malignità ematologiche. L'ottimizzazione di CD19, un antigene di superficie espresso sul precursore e linfociti B maturi, può trattare le malignità del linfocita B, quali la leucemia linfocitaria cronica ed il linfoma non Hodgkin.

Nel 2017, le due terapie a cellula T approvate dalla FDA dell'AUTOMOBILE per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta in bambini e l'adulto hanno avanzato i linfomi.

Il mieloma multiplo è una malignità ematologica delle celle di plasma con un alto tasso di mortalità. Richiede le strategie novelle del trattamento e le droghe correnti ed i regimi per il mieloma multiplo non sono curativi per la maggior parte dei pazienti con la malattia.

Sebbene le celle del mieloma multiplo non esprimano ordinariamente CD19 rilevabile, la terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE può essere impiegata per mirare alle celle del progenitore che sono linfocita B in origine. Celle riuscite di T di prova dell'auto usata come terapia di salvataggio per i pazienti di mieloma multiplo che avevano ricevuto i trattamenti precedenti. Dopo 12 mesi, i pazienti non hanno avuti prova del laboratorio o segni clinici del cancro che indica che la terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE può essere un trattamento valido per la malattia.

Terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE per i tumori solidi

Le celle di T dell'AUTOMOBILE hanno il potenziale di fornire i trattamenti novelli per i tumori solidi, ma i test clinici hanno provato meno riuscito che quelli per la terapia del cancro di sangue. Le barriere per trattare con successo i tumori solidi con la terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE comprendono l'eterogeneità di superficie dell'antigene delle cellule ed il microenvironment immunosopressivo dei tumori.

L'eterogeneità di superficie dell'antigene delle cellule impedisce una riuscita risposta in tumori solidi perché la terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE conta sull'ottimizzazione specifica degli antigeni singoli. La risposta clinica quindi è diminuita in tumori solidi che video la variazione nell'espressione dell'antigene.

Gli sviluppi futuri comprenderanno simultaneamente mirare agli antigeni tumorali multipli possono piombo per migliorare la copertura delle cellule ed i trattamenti migliori. Comunque gli studi recenti mostrano la risposta migliore alle celle di T mirate a doppie dell'AUTOMOBILE, c'è una possibilità di sviluppare la resistenza al trattamento con prova precedente che indica una certa selezione per le varianti clonali resistenti al trattamento.

Rispetto a determinati cancri di sangue, i tumori solidi non contengono le molecole co-stimolatori convenzionali che aiutino la terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE e possano attivamente sopprimere il sistema immunitario con le varie vie immunosopressive. Ciò comprende la produzione del fattore di crescita di trasformazione beta (TGFβ), un inibitore dell'attivazione a cellula T e la proliferazione.

Il microenvironment del tumore egualmente è caratterizzato da attività infiammatoria aumentata che crea le specie reattive dell'ossigeno conosciute per diminuire la risposta antitumorale. Le contromisure sono state proposte per sormontare tali effetti inibitori e per aumentare il successo di attività a cellula T dell'AUTOMOBILE in tumori solidi. L'occupazione delle citochine immunostimulatory che bloccano l'inibizione tumore-associata è una tale strategia e studi iniziali mostra l'efficacia clinica migliore.

Tossicità di gestione nella terapia di cellula T dell'AUTOMOBILE

Le applicazioni future della terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE richiedono la gestione migliorata degli effetti secondari. La sindrome della versione di citochina è un effetto secondario serio della terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE causata dalla grande e versione rapida delle citochine dalle celle immuni. Gli importi aumentati delle citochine nella circolazione sanguigna possono causare i sintomi, compreso febbre, un battito cardiaco rapido e la difficoltà nella respirazione.

La sindrome della versione di citochina è un risultato previsto delle celle di T dell'AUTOMOBILE che sono attive nell'organismo durante il trattamento e deve essere gestita con le terapie standard di sostegno. Sebbene la terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE possa fare diminuire la tossicità del trattamento connessa con la terapia convenzionale del cancro, gli effetti collaterali negativi mediati severo-immuni mostrano alla persistenza a lungo termine fino a 10 anni nei test clinici. Quindi, gestire gli effetti secondari a lungo termine potenziali è un fattore importante per le applicazioni a cellula T di terapia dell'AUTOMOBILE futura.

Sorgenti:

Further Reading

Last Updated: Aug 24, 2018

Shelley Farrar Stoakes

Written by

Shelley Farrar Stoakes

Shelley has a Master's degree in Human Evolution from the University of Liverpool and is currently working on her Ph.D, researching comparative primate and human skeletal anatomy. She is passionate about science communication with a particular focus on reporting the latest science news and discoveries to a broad audience. Outside of her research and science writing, Shelley enjoys reading, discovering new bands in her home city and going on long dog walks.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Stoakes, Shelley Farrar. (2018, August 24). Applicazioni delle celle di T dell'AUTOMOBILE. News-Medical. Retrieved on September 18, 2020 from https://www.news-medical.net/life-sciences/Applications-of-CAR-T-cells.aspx.

  • MLA

    Stoakes, Shelley Farrar. "Applicazioni delle celle di T dell'AUTOMOBILE". News-Medical. 18 September 2020. <https://www.news-medical.net/life-sciences/Applications-of-CAR-T-cells.aspx>.

  • Chicago

    Stoakes, Shelley Farrar. "Applicazioni delle celle di T dell'AUTOMOBILE". News-Medical. https://www.news-medical.net/life-sciences/Applications-of-CAR-T-cells.aspx. (accessed September 18, 2020).

  • Harvard

    Stoakes, Shelley Farrar. 2018. Applicazioni delle celle di T dell'AUTOMOBILE. News-Medical, viewed 18 September 2020, https://www.news-medical.net/life-sciences/Applications-of-CAR-T-cells.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.